La segnalazione

Digitale e musei, l’opinione del direttore degli Uffizi

06 Nov 2018

Il digitale può essere utile “per conservare e divulgare il patrimonio artistico”. Ne è convinto Eike Schmidt, direttore degli Uffizi, in un’intervista al nuovo numero di “Le
macchine volanti”, rivista di tecnologia pubblicata da Tim. Quando “rigore e impegno” convivono anche sulle piattaforme digitali dedicate ai musei e alle mostre, “allora la tecnologia può essere utile ad  arricchire l’esperienza o anche solo a renderla più divertente e  accessibile”.

Spiega Schmidt: “La sfida, per chi si occupa di cultura, è sempre  quella di riuscire a tradurre tematiche di grande complessità a chi, per età o formazione, si considera un profano. Se la tecnologia, o iniziative come le mostre digitali, possono aiutare a vincere questa sfida ben venga. A patto che sia stata affrontata con grande impegno
nella ricerca e nella riflessione”.

360digitalskill
Diventa un leader digitale: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Ma come cambia la fruizione dell’opera d’arte oggi che migliaia di copie digitali sono facilmente reperibili online? “Rispetto all’esperienza del museo, in cui si incontra prima un contesto e un luogo – cioè gli spazi fisici ed espositivi del museo stesso – e solo in seguito l’opera, l’incontro attraverso una ricerca su Google è decontestualizzato: si incontra prima l’opera e solo dopo, magari, si rintraccia il luogo in cui si trova o alcune informazioni su di essa – spiega Schmidt – Anche in quel caso, comunque, un contesto c’è ed è quello dello spazio digitale e virtuale fornito dal motore di ricerca”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati