Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La segnalazione

Digitale e musei, l’opinione del direttore degli Uffizi

06 Nov 2018

Il digitale può essere utile “per conservare e divulgare il patrimonio artistico”. Ne è convinto Eike Schmidt, direttore degli Uffizi, in un’intervista al nuovo numero di “Le
macchine volanti”, rivista di tecnologia pubblicata da Tim. Quando “rigore e impegno” convivono anche sulle piattaforme digitali dedicate ai musei e alle mostre, “allora la tecnologia può essere utile ad  arricchire l’esperienza o anche solo a renderla più divertente e  accessibile”.

Spiega Schmidt: “La sfida, per chi si occupa di cultura, è sempre  quella di riuscire a tradurre tematiche di grande complessità a chi, per età o formazione, si considera un profano. Se la tecnologia, o iniziative come le mostre digitali, possono aiutare a vincere questa sfida ben venga. A patto che sia stata affrontata con grande impegno
nella ricerca e nella riflessione”.

Ma come cambia la fruizione dell’opera d’arte oggi che migliaia di copie digitali sono facilmente reperibili online? “Rispetto all’esperienza del museo, in cui si incontra prima un contesto e un luogo – cioè gli spazi fisici ed espositivi del museo stesso – e solo in seguito l’opera, l’incontro attraverso una ricerca su Google è decontestualizzato: si incontra prima l’opera e solo dopo, magari, si rintraccia il luogo in cui si trova o alcune informazioni su di essa – spiega Schmidt – Anche in quel caso, comunque, un contesto c’è ed è quello dello spazio digitale e virtuale fornito dal motore di ricerca”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4