piccoli influencer crescono

Figli e social: se lo “sharenting” si ritorce contro i genitori

La vita di Leone Lucia, il figlio di Fedez e Chiara Ferragni è stata messa online fino quasi dal suo concepimento: è già una piccola star, un personaggio pubblico a tutti gli effetti. Ma se fosse nostro figlio? Ecco cosa dice la giurisprudenza e cosa accade in altri Paesi Ue

28 Giu 2019
Roberto Maraglino

Data Protection & Information Security Manager

Lo sharenting prolifica anche a scuola: cattiva abitudine che può penalizzare i nativi digitali

Cosa succede se un figlio, da grande, non gradisse le immagini che gli orgogliosi genitori hanno pubblicato sui social fin dalla sua primissima infanzia (fino magari alla problematica adolescenza)? Se queste fossero causa di imbarazzo o di bullismo?

Tutti i genitori, in quest’epoca di esibizionismo a tutti i costi, di diffusione online anche di aspetti estremamente privati e intimi della vita dei figli (gli anglosassoni hanno coniato il termine “sharenting” dalla contrazione tra sharing e parenting), dovrebbero cominciare a porsi queste domande, per prevenire problemi in futuro, quando i pargoli – ormai adulti – potrebbero adire alle vie legali contro quello che a tutti gli effetti si prefigura come un abuso.

Partiamo da un caso tra più emblematici di questa forma di social-ostentazione portata all’estremo: quello dei “ferragnez”.

Le gesta eroiche del piccolo Leone

Delle gesta di Leone Lucia, figlio di Chiara Ferragni, una delle fashion blogger più conosciute a livello mondiale, e del cantante Fedez (noti anche come i “ferragnez”) sappiamo ormai tutto. La sua vita, quasi sin dal concepimento ad oggi, è una storia raccontata nei dettagli sui social.

WHITEPAPER
Conquistare il consumatore cinese sui social: le sfide
Marketing
Retail

“E’ nato Leone, il figlio di Chiara Ferragni e Fedez”. “Ecco le prime tenerissime immagini”, “Nessun battesimo per Leone”, “Eccolo a casa mentre gioca”, “Leone operato per una piccola operazione ai timpani”.

La Ferragni su Instagram ha oltre 16,5 milioni di follower, gente che legge i suoi post e quelli del marito Fedez, che di seguaci su Instagram ne ha appena (!) 8 milioni. Entrambi raccontano la loro vita e quella del piccolo Leone postando foto e dettagli personali del piccolo.

La storia di Leone ci ricorda quella del film “The Truman Show dove un ignaro protagonista, senza aver prestato alcun consenso, era al centro, suo malgrado, di una storia seguitissima.

Leone è già un personaggio pubblico con tanto di profili social, originali o fake non importa! Si sprecano i post ed i profili sulla varie piattaforme social; solo su Instagram si contano oltre 53 profili intestati al piccolo Leone, con tanto di foto.

Che lo voglia o no, i genitori per lui hanno già deciso che sarà, anzi è, un personaggio pubblico la cui vita è alla mercé di tutti. Sul web sono riportate le informazioni relative al suo stato di salute: i genitori non si sono fatti scrupolo di diffondere i dettagli relativi al piccolo intervento cui è stato sottoposto il piccolo salvo poi dichiarare, dopo le critiche di Striscia la Notizia sul caso:

Questa situazione ci ha fatto capire che siamo figli di questa generazione e comunichiamo in un certo modo ma a volte è meglio tenersi le cose per sé quindi ovviamente è anche un po’ colpa nostra, ed è giusto ammetterlo”.

Oggi le notizie di Leone continuano a spopolare sui social.

Ma come la prenderà Leone quando crescerà?

Se si trattasse di nostro figlio

Supponiamo del resto che al posto di Leone ci sia nostro figlio che è tanto carino (tutto suo/a padre/madre). Di nostro figlio siamo orgogliosi di mostrare le foto su Facebook. Assodato che, indipendentemente dal profilo più o meno privato ed impostato secondo le regole e impostazioni di sicurezza e privacy consone, le informazioni caricate sul web sappiamo dove vengono inserite ma non sappiamo che fine faranno.

Qualche malintenzionato potrebbe utilizzarle per fini illeciti: pedo-pornografia per esempio o forse più semplicemente cyberbulismo dei suoi compagni di scuola. La foto caricate sul nostro profilo privato o pubblico seguiranno vie che oggi non conosciamo, magari copiate, divulgate, modificate e poi trasmesse su circuiti che ignoriamo; non necessariamente con finalità malevoli. Magari semplicemente archiviate su un device di uno dei nostri contatti o ancor più banalmente lasciate pubbliche sul nostro (o suo) profilo Instagram.

In Austria, figlia denuncia i genitori

Potrebbe capitare un giorno che il nostro piccolo, cresciuto, si candidi per un importante incarico politico. Come reagirebbe se improvvisamente qualcuno tirasse fuori dal cappello quelle foto che i suoi genitori decine di anni prima hanno diffuso sul web? Foto divulgate all’insaputa del piccolo che quindi si sentirebbe in diritto di denunciare i suoi genitori.

E’ già capitato a settembre 2016 in Austria. Una ragazza della Carinzia ha fatto causa ai suoi genitori che, senza alcun consenso, hanno pubblicato le sue foto su Facebook.

Ha dichiarato: «Non voglio che la mia infanzia sia pubblica, mi imbarazza»

I due genitori avrebbero pubblicato oltre 500 foto che ritraggono la figlia dal 2009 (quando la stessa aveva 11 anni) ed in diversi momenti della sua crescita. Foto condivise con oltre 700 amici.

Oggi è in auge il personal branding quale chiave di successo. Blogger e influencer ogni giorno investono tempo e denaro per creare un proprio brand di successo: un personal branding. Anche nelle ricerche di candidati la cosiddetta personal reputation diventa sempre di più fondamentale per giocarsi le proprie carte in modo vincente. Ma cosa succede se qualcuno ha già lavorato sulla nostra immagine, il nostro brand? Quanto il diritto all’oblio riuscirà a prevalere sull’inesorabile legge della libera divulgazione in rete.

In Francia multe fino a 45 mila euro

In Francia, la legge sulla privacy prevede una multa fino a 45 mila euro, oltre alla possibile reclusione ad un anno di carcere, per chi divulga immagini di una persona in luogo privato, senza autorizzazione.

Il giornale francese Le Figaro aveva anche curato un’inchiesta sul tema ipotizzando che la legge avrebbe consentito ai figli, una volta divenuti maggiorenni, di denunciare i propri genitori.

In Italia madre condannata a rimuovere foto dai social

Anche in Italia c’è stato un primo caso. Il Tribunale di Roma con una Ordinanza del 23 dicembre 2017 ha condannato una madre a rimuovere immediatamente le immagini e i contenuti, che riguardano il figlio sedicenne, da Facebook e da altri social pubblicati senza il consenso del ragazzo. Il giudice ha stabilito che il genitore deve provvedere alla cancellazione delle foto entro un termine perentorio, pena la condanna a 10.000 euro di sanzione.

La decisione del giudice ha trovato fondamento nell’art. 96 della Legge sul Diritto d’Autore che prevede che il ritratto di una persona non possa essere esposto senza il suo consenso, salvo alcune eccezioni. Oltre a ciò è stata rilevata la tutela rafforzata del minore in virtù dall’art. 16 della Convenzione sui Diritti del Fanciullo del 1989.

In quest’ottica una sentenza del tribunale di Mantova (del 2017) ha stabilito che per la pubblicazione delle foto dei figli occorre necessariamente il consenso di entrambi i genitori. In assenza dell’accordo dei due genitori, la foto non è pubblicabile.

In virtù di ciò forse andrebbero contemperati due interessi contrapposti:

  • la creazione di un bacino di follower per il proprio figlio a scapito, o forse nell’interesse, di un soggetto privo di capacità di agire. Un potenziale investimento per un soggetto privo del sia pur minima capacità di esprimere un consenso privacy valido (capacità che il “nuovo” Codice Privacy ha aggiornato a 14 anni).
  • il diritto dell’individuo ad autodeterminarsi, a scegliere liberamente quale personal brand crearsi, ad autodeterminarsi a proprio gusto e piacimento quando ne avrà mezzi e capacità.

Maggiore è il numero di follower maggiore sarà il compenso che le società saranno disposte a pagare, ai fini marketing, perché maggiore è il bacino di destinatari dei messaggi.

Un singolo post di Chiara Ferragni su Instagram viene valutato intorno ai 10.000 dollari.

Il “caso” Achille Costacurta

Achille Costacurta, figlio di Martina Colombari e Billy Costacurta, ad appena 13 anni su Instagram ha già 39mila follower e indossa (o sponsorizza) su suoi post scarpe da ginnastica. E’ stato preso d’assalto sui social dopo che ha condiviso una storia in cui mostra al polso un Rolex da più di 7.000 euro. Per lui si sono aperte le porte per una rosea carriera di Influencer, una opportunità.

In teoria a 13 anni, per la legge italiana, dovrebbero essere i genitori a controllarne le iscrizioni e magari anche i post. Ai sensi dell’art Art. 2-quinquies del D.lgs 196/2003 solo “il minore che ha compiuto i quattordici anni può esprimere il consenso al trattamento dei propri dati personali in relazione all’offerta diretta di servizi della società dell’informazione”. Ma i genitori si sa, sono attenti agli “interessi” dei figli!

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce, condivisa e affidabile nel tuo marketing: scopri come!
Marketing
Advertising
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati