assoetica

Giovani e digitale, un rapporto di “timore e cautela”: ecco perché. La ricerca

Una ricerca condotta dall’istituto Scenari per conto di Assoetica rivela alcuni risvolti inattesi del rapporto tra nativi digitali e tecnologie. Fa pensare, soprattutto, il diverso approccio delle ragazze, più preoccupate, più attente ai rischi e più propense a mettere limiti. Ecco come leggere questi risultati

18 Giu 2021
Francesco Varanini

Consulente, docente, scrittore

CELLULARE figli

Quale interpretazione, quali chiavi di lettura danno i giovani sugli aspetti salienti della società civile così come essa si presenta in conseguenza della trasformazione digitale?

Coloro che chiamiamo nativi digitali non hanno partecipato alla costruzione di questo mondo. A differenza delle generazioni precedenti, sono nati quando esso era già costruito. Sono quindi privi di termini di paragone. Sanno muoversi nell’uso degli strumenti con scioltezza, con naturalezza. Ma, possiamo chiederci, quanto conoscono veramente gli aspetti tecnici? Cosa pensano dei rischi impliciti, dell’impatto politico e sociale di strumenti e piattaforme? E ancora, come giudicano la corsa del progresso[1]?

Atteggiamenti e sensazioni dei giovani (18-30 anni) di fronte alla novità digitale

Per cercare di dare una risposta a tutte queste domande, ho quindi chiamato in causa un istituto di ricerca. L’istituto Scenari ha svolto gratuitamente la ricerca per conto dell’associazione Assoetica.

WEBINAR
13 Dicembre 2022 - 12:00
Un caso virtuoso di Digital Marketing nel Manufacturing: KPI e obiettivi - WEBINAR
Digital Transformation
Manifatturiero/Produzione

Scopo della ricerca: verificare atteggiamenti e sensazioni dei giovani italiani (18-30 anni) di fronte alla novità digitale.

La ricerca, condotta tramite questionari semistrutturati somministrati via web, si è svolta nel febbraio 2021. Le informazioni sulla metodologia adottata ed i risultati completi sono messi da Scenari e da Assoetica a disposizione di chiunque sia interessato.

Il punto di partenza della ricerca sta in una constatazione: le notizie sulla novità digitale sono diffuse dagli addetti ai lavori. Gli addetti ai lavori – siano essi computer scientist accademici, tecnici impegnati in Ricerca & Sviluppo in imprese private, imprenditori del settore, filosofi o politici sostenitori della trasformazione digitale – sono accomunati da un comune interesse: difendere ed incrementare il proprio campo d’azione. Mantenere viva e dove possibile accelerare la trasformazione digitale.

Si parla magari anche dei rischi, ma sempre in un quadro dove si considera che la corsa del progresso non possa e non debba essere messa in discussione.

Si dice per esempio: cerchiamo di indirizzare gli sviluppi nel campo dell’Intelligenza Artificiale in direzioni benefiche. Ma senza, per principio, mettere in discussione il fatto che l’Intelligenza artificiale debba essere robusta. Cioè sempre più autonoma rispetto agli esseri umani.

Dunque, qualsiasi ricerca tesa a sondare l’opinione dei cittadini sulla novità digitale promossa dagli addetti lavori sarà mossa da un implicito presupposto: spargere fiducia.

La ricerca di cui parliamo qui è mossa da una opposta intenzione: lo spargere fiducia degli addetti ai lavori rende necessario un saggio bilanciamento, ovvero lo spargere cautela.

I risultati della ricerca Scenari-Assoetica

Ci si è dunque rivolti ai giovani italiani non considerandoli solo come utenti di prodotti e servizi digitali, ma considerandoli invece come cittadini autori di scelte. Di conseguenza, sono state poste domande che gli addetti ai lavori orientati a spargere fiducia non avrebbero posto.

A cominciare dalla prima domanda: “Quando il tuo computer, tablet, smartphone da indicazioni “a fare la tal cosa”, “a comportarti nel tal modo”, “a scaricare qualcosa”, “ad aggiornare una app”, tu ti senti…”

Dove si propone di scegliere tra queste risposte: Mi sento grato per il servizio offerto, mi sento indifferente, infastidito, arrabbiato. Circa il 50% si mostra indifferente.

Le successive risposte ci dicono che, nell’utilizzare il motore di ricerca, il 49 % dei giovani si ferma al primo risultato.

Veniamo anche a sapere che il 67 % dei giovani consulta solo l’edizione italiana di Wikipedia; che il 56% dichiara di confrontare le notizie con notizie tratte da altre fonti; e che il 42% considera i social network luoghi dove si è controllati e sorvegliati; e che solo il 19% gradisce i suggerimenti di Alexa, Siri ed altri assistenti personali.

Il questionario è costruito in modo tale da passare da questi quesiti di ordine generale, tutto sommato innocui, a domande più impegnative. Il 56% dei giovani prova simpatia per robot antropomorfi o simili al animali. Il 75% considera auspicabile la convivenza con Intelligenze Artificiali autonome.

È a questo punto che si nota, nelle risposte, un punto di svolta. La domanda successiva chiede: “In un futuro più o meno lontano è possibile che esseri umani e Intelligenze Artificiali siano interfacciati in modo indissolubile, tanto da rendere indistinguibili le due entità originarie. Tu come consideri questa prospettiva?” Qui la preoccupazione viene alla luce: il 64,5% risponde ritenendo opportuno che la prospettiva sia da subito oggetto da subito di attenta riflessione e discussione pubblica. Il 63% non ritiene giusto che le ricerche nel campo della computer science, delle nanotecnolgie e della bioingeneria si svolgano senza controllo o sorveglianza da parte dei cittadini.

E tuttavia il 57% prova fiducia nel progresso e nella innovazione scientifica e tecnologica, perché ci si affida a esperti, tecnici e scienziati.

La domanda finale sintetizza le precedenti. Si chiede se “di fronte alla sempre crescente potenza di calcolo, e quindi, in senso lato, alla crescente ‘intelligenza’ ed autonomia dei computer si confida in un miglioramento delle macchine digitali, senza limiti, o se invece sia conveniente mettere un limite, perché resti spazio per l’agire umano”. Il 69% dei giovani considera conveniente mettere un limite.

Come in ogni ricerca, gli aspetti più interessanti emergono quando nei risultati si legge qualcosa che esula dalle iniziali ipotesi di lavoro, e che appare sorprendente ai ricercatori stessi. In fondo, ogni indagine è un tentativo di scoprire qualcosa di inatteso.

Nel nostro caso, la sorpresa sta in questo: più si avanza nelle domande impegnative, eticamente rilevanti, più si divarica nelle risposte la differenza di posizione tra uomini e donne. Le donne provano meno simpatia per robot antropomorfi. sono più critiche rispetto all’interfacciamento tra esseri umani ed Intelligenze Artificiali. L’idea che in un futuro più o meno vicino, i neuroni del cervello umano possano essere connessi ad un computer tramite sottili filamenti artificiali è considerata esaltante dal 56% dei maschi, ma fa rabbrividire il 71% delle donne.

Il 63% che non ritiene giusto che le ricerche avanzate si svolgano senza controllo o sorveglianza da parte dei cittadini si spacca in un 56% di uomini e un 70% di donne.

Abbiamo anche visto come il 69% dei giovani considera conveniente mettere un limite all’autonomia delle macchine digitali: la risposta acquista nuovo senso se si osserva, più in dettaglio, che sono di questa opinione il 58% degli uomini e invece l’81% delle donne.

Più donne nelle STEM: sfatiamo un mito

La ricerca mostra dunque che se sollecitati in proposito, i giovani cittadini italiani considerano importante la cautela. E mostra anche che il punto di vista femminile diverge da quello maschile: le donne sono più preoccupate, più attente ai rischi e più propense alla necessità di mettere limiti.

Possiamo di conseguenza chiederci come far sì che un atteggiamento di cautela entri nella progettazione delle varie forme di Intelligenze Artificiali, nella ricerca nel campo del Machine Learning, nella scrittura di algoritmi, in genere nello sviluppo di prodotti e servizi digitali.

La prima via, di cui abbastanza si parla, appare essere questa: più donne nelle carriere STEM.

Purtroppo non sembra una via veramente efficace.

I percorsi di studi STEM e la cultura STEM negano valore al sesso e al genere. Sembra anzi che l’essere ricercatori, scienziati, tecnici si fondi su un presupposto: l’essere uomo o donna è irrilevante. La storia da cui la cultura STEM discende vede non a caso come capostipiti Cartesio e Leibniz: per loro ciò che conta è la mente, il corpo non conta, il cervello non è altro che una macchina. Si rimuove così comodamente l’aspetto essenziale, ovvero il fatto che la cultura STEM è una cultura maschile.

Abbiamo quindi motivo di temere che le divergenze sarebbero ridotte se prendessimo in considerazione solo la popolazione femminile ri-educata da una formazione STEM.

Appare gravissimo il peso della responsabilità di chi si trova a scrivere algoritmi e in generale a progettare macchine destinate ad agire autonomamente, al posto di esseri umani impegnati in un qualsiasi lavoro, e anche destinate ad agire andando oltre i limiti della stessa programmazione iniziale definita dal progettista. E così il peso della responsabilità dei ricercatori che lavorano nel campo delle nanotecnologie, neuroscienze, bioingegneria.

Di fronte alla responsabilità, la prima scelta, purtroppo, è spesso l’elusione. Il ricercatore elude la responsabilità personale nascondendosi dietro l’idea che il progresso e la tecnica non possono essere in ogni caso fermati, e che quindi “se non sviluppassi io questo strumento, lo svilupperebbe comunque un altro scienziato”. E’ comune il trincerarsi dietro questa affermazione: “a noi compete fare ricerca e sviluppo, degli usi se ne occuperà la politica”.

Conclusioni

I risultati della ricerca mostrano quanto -nonostante l’insistita propaganda tesa a spargere fiducia- siano diffusi timore e cautela. Di fronte a simili risultati, la comoda lettura degli addetti ai lavori dice: i cittadini si esprimono così perché non conoscono l’argomento, sono ignoranti.

Possiamo rovesciare questa lettura sostenendo che l’atteggiamento degli addetti ai lavori che dicono: “lasciateci lavorare, non siete in grado di capire” è viziato dall’interesse personale; e condizionato dalla formazione STEM; una formazione angusta, che esclude scienze umane e riflessione filosofica.

L’auspicio finale è duplice. Che gli addetti ai lavori tornino a sentirsi innanzitutto cittadini – in quanto tali dubbiosi ed autocritici. E che un numero sempre maggiore di cittadini-ricercatori arrivi ad impegnarsi pubblicamente a rinunciare a lavorare ricerche che preoccupano, e che fanno rabbrividire.

Note

[1] Ho scritto un saggio sugli aspetti salienti della società civile così come essa si presenta in conseguenza della trasformazione digitale: Le cinque leggi bronzee dell’era digitale. E perché conviene trasgredirle. Nel libro propongo chiavi di lettura della nuova situazione che ogni cittadino del pianeta sta vivendo.

WEBINAR
30 Novembre 2022 - 15:00
Accelera la Business Process Tranformation con le tecnologie del futuro
Intelligenza Artificiale
Business Analytics
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati