Metodo sperimentale inverso

Governare la complessità sarà la sfida del futuro: come farlo col data mining

I big data sono per la nostra società come il vento forte per una barca: può farti andare veloce, ma non è facile da gestire. L’enorme forza alimentata dai big data deve essere perciò gestita con prudenza, richiede strumenti non convenzionali, come i computer quantistici, un’accurata analisi semantica e metadati

Pubblicato il 19 Dic 2022

Emiliano Mandrone

Primo ricercatore Inapp

conservazione dati traffico - data retention

Siamo tutti cresciuti nel culto del metodo sperimentale, affascinati dalla lettura illuministica della realtà naturale e sociale, alla ricerca del nesso causale tra i fenomeni. Abbiamo scacciato i miti e le credenze, rifuggiamo dalle narrazioni e dalle speculazioni personali frutto di osservazioni superficiali, guardiamo con orrore l’incompetenza prendere la parola su temi scientifici, complessi o tecnici, ridiamo dei complotti, delle pseudoscienze, degli scettici o degli imbonitori.

Quantum computing: dove siamo davvero al di là degli annunci

Data-driven è la parola d’ordine

Data-driven è la parola d’ordine: dalla informatica all’economia, dalla politica alla medicina… Fatti, dati, evidenze, test, verifiche (magari controfattuali), valutazioni (possibilmente indipendenti), metodo e trasparenza… solo così c’è progresso condiviso, solo così si crea conoscenza, solo così possiamo correggerci a mano a mano. Per affinamenti successivi o per evoluzione, come fa da sempre la natura: adattandosi all’ambiente che cambia, si cambia tutti.

INFOGRAFICA
Guida per CFO: monetizzazione dei dati di produzione, scopri i vantaggi anticrisi
Big Data
Manifatturiero/Produzione

Il sistema cognitivo umano è limitato (Mandrone, 2018), quindi per risolvere problemi complicati e prendere decisioni articolate, utilizza spesso processi euristici: cioè l’uso di semplici categorie per risolvere la complessità con approssimazioni successive. Il meccanismo è adeguato nella maggior parte dei casi, ma quando le questioni sono molto complesse, il decadimento del processo può portare rapidamente a grossolani errori di stima o a soluzioni facili (totem, stereotipi). Pertanto, spesso, ciò che è sconosciuto o diverso è chiamato complesso. La complessità è dunque relativa: varia in base alla accuratezza necessaria per l’analisi del fenomeno, alle risorse disponibili, alle sensibilità e conoscenze, ai vincoli di tempo e al fine che ci si è prefissati.

Osserva Bauman che nella società liquida l’individuo si è adattato all’ambiente, assumendo una forma più morbida, meno definita, assumendo una postura sociale duttile, fino a diventare fluida nel genere, nello status sociale, nella professione, nel ruolo economico, nelle scelte politiche.

Le tecnologie per guardare la realtà con delle nuove lenti

La tecnologia oggi offre soluzioni che non solo rendono più rapidi i calcoli complessi ma consentono nuove modalità di analisi: è come guardare la realtà con delle nuove lenti, che consentono di cogliere più dettagli, di vedere più lontano, in maniera più nitida. Si inizia a ragionare per simmetrie e permanenze, di auto-apprendimento e associazioni deboli, di non linearità e entanglement, ovvero si riesce a far luce su realtà articolate qualitativamente e quantitativamente senza una teoria di partenza, facendo a meno di ipotesi a priori o di vincoli irrealistici.

È come se stessimo disegnando la tavola degli elementi di Mendeleev o cercando il Bosone di Higgs. Il costrutto logico ci porta a ritenere che alcuni elementi esistano ma ancora non riusciamo a trovarli o misurarli. Il disvelare della conoscenza non ha una velocità uniforme e quindi non risolve in maniera lineare e progressiva tutte le questioni delle branche della scienza. Potremmo essere molto avanti sul versante dell’etica della medicina e molto indietro sulla morale sociale, essere molto progrediti nell’informatica ma ancora indietro nella semantica che produce, e così via. Tuttavia, si intravedono i futuri sviluppi, si comprende che quel tassello andrà riempito, che il senso del tutto si regge se si trova l’anello mancante.

Declinare le sfide per la prospettiva digitale

Le sfide tecniche, culturali, economiche, e sociali devono essere declinate per la nuova prospettiva digitale, ma l’universo digitale si sta espandendo quindi i parametri sono legati a un sistema di riferimento in evoluzione. Le implicazioni epistemologiche sono rilevanti: la misurazione di un sistema complesso è essa stessa parte del fenomeno.

Le stesse discipline sociali si sono ibridate, contaminate, arricchite: economia, diritto, informatica, psicologia, sociologia, statistica vengono utilizzate contemporaneamente per comprendere la complessità e aiutarsi vicendevolmente, mutuando metodi e approcci, per interpretare le parti mancanti o aliene alla disciplina. È, in un certo senso, la vendetta della cultura generale verso la super specializzazione: il valore della lettura d’insieme rispetto al particolare.

Un paradosso emerge nello studio della dimensione digitale: per la prima volta nella storia, non stiamo cercando di capire un aspetto della natura. Si cerca di decifrare arcani che qualcuno altro ha creato. Che sia un programma informatico o l’istruzione di una macchina o un algoritmo sconosciuto… Forse, a riguardo del piano digitale, più che di ricerca dovremmo parlare di esegesi.

L’apprendimento automatico o l’Intelligenza Artificiale raccolgono molti segnali, trovando innumerevoli connessioni utili ed evidenziando preziose regolarità ma anche molte associazioni spurie o non significative. Se uno strumento di misura è inaffidabile, l’incertezza aumenta.

Gestire l’enorme forza alimentata dai big data

I big data sono per la nostra società come il vento forte per una barca: può farti andare veloce, ma non è facile da gestire (Mandrone, 2020). L’enorme forza alimentata dai big data deve essere gestita con prudenza, richiede strumenti non convenzionali (computer quantistici), un’accurata analisi semantica (una foto ha la stessa dimensione digitale della Bibbia ma non lo stesso significato) e corredo informativo (metadati).

Poincarè (1905) osservava: “di per sé, l’accumulo di dati non equivale a conoscenza, come un mucchio di mattoni non è una casa”. Cento anni dopo, Anderson (2008) scrisse: “Sensori ovunque. Spazio di archiviazione infinito. Processori quantici. La nostra capacità di acquisire, immagazzinare e comprendere enormi quantità di dati sta cambiando la scienza. Un approccio tradizionale alla scienza – ipotesi, modelli, test – sta diventando obsoleto. Ora c’è un modo migliore: la correlazione è sufficiente”. Chi ha ragione?

Quando Google indovina ciò che stiamo cercando o Amazon suggerisce l’oggetto che volevamo comprare, i loro algoritmi utilizzano la logica tradizionale (approccio deduttivo, metodo scientifico) o stanno leggendo i comportamenti ripetuti (metodo evolutivo, approccio euristico, simmetrie, ricorrenze) semplicemente sfruttando la potenza di calcolo?

Il metodo scientifico inverso

Potremmo parlare di metodo scientifico inverso, ovvero dalle evidenze si risale a ritroso e si ricostruisce il processo che le ha create, in qualche modo una via deduttiva che dagli effetti conduce alle cause o, se si vuol usare una metafora, una via indiziaria che conduce al responsabile.

I computer quantistici, realizzati grazie alle intuizioni dei premi Nobel di quest’anno, consentono di cogliere tutta l’eterogeneità sociale, di far interagire non agenti (come fanno i modelli di micro-simulazione) che rappresentano alcune caratteristiche dei cittadini, ma tutta la popolazione, con i costumi veri, le preferenze reali, le abitudini del vicino di casa, le scelte fatte negli ultimi cento anni, le caratteristiche del contesto, l’umidità dell’aria o il colore del vestito indossato.

Governare la complessità, la sfida del futuro

Questo processo espone le informazioni quantitative a una forte eterogenesi dei fini perché i dati vanno oltre lo scopo originale. Il data mining diventa decisivo per estrarre valore saliente: la capacità di trovare l’inaspettato (serendepity) applicato a enormi quantità di dati, per la Legge dei grandi numeri, diventa più di una piacevole sorpresa: è un valore atteso (Mandrone, 2021)

Il cambiamento culturale è simile a quello avvenuto nei primi anni del ‘900, quando il principio di indeterminazione di Heisenberg mise in dubbio l’idea che la realtà fosse governata da leggi universali, aprendo le porte alla fisica quantistica. Tradotta nella sfera socio-economica, questa incertezza porta a una sorta di stato quantico (Mandrone, 2014): un’idea di istituzioni, diritti, protezioni più sfumata, condizionata alle risorse disponibili e alla situazione personale.

*Le opinioni espresse non impegnano l’Istituto d’appartenenza

WHITEPAPER
I dati sono davvero il nuovo petrolio? Se si, ecco come sfruttarli al meglio! Una guida per te
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4