redistribuzione sociale

Human in the loop, per un’intelligenza artificiale al servizio degli uomini: il nuovo approccio

HitAI – Human-in-the-loop Artificial Intelligence – si propone di cambiare la narrazione sull’Intelligenza Artificiale per far prendere coscienza di un modo diverso di intenderne lo sviluppo. E potrebbe permettere una più equa redistribuzione dei redditi. Ecco di che si tratta e quali sono le sfide tecnologiche e politiche

22 Gen 2019
Fabio Massimo Zanzotto

Professore associato presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa dell’Università di Roma “Tor Vergata”

Intelligenza artificiale, una task force a supporto della crisi pandemica

In ogni Intelligenza Artificiale c’è un ingrediente fondamentale: la conoscenza delle persone. L’umano è nel ciclo di produzione delle Intelligenze Artificiali — Human-in-the-loop Artificial Intelligence (HitAI). Da questo assunto deriva una conseguenza: le Intelligenze Artificiali debbono ridistribuire i redditi che generano tra tutti gli attori che ne hanno contribuito la loro costruzione.

Ed è l’assunto chiave del paradigma HitAI. Che si propone di cambiare la narrazione sull’Intelligenza Artificiale per far prendere coscienza di un modo diverso di intendere lo sviluppo forsennato dell’Intelligenza Artificiale. E’ forse una nuova narrazione che potrebbe permettere una più equa redistribuzione dei redditi.

In questo momento storico, non si fa altro che parlare dei successi dell’Intelligenza Artificiale (IA). Sentendo la pubblicità, l’intelligenza artificiale sarebbe ovunque anche nei posti più impensati. Infatti, l’IA sta riuscendo laddove per molti anni ha solo promesso.

Le automobili riescono a guidarsi da sole. Le case sono già pulite da robot che vanno in giro come ragni per cibarsi della nostra polvere. Possiamo parlare ininterrottamente con alcuni call center per i servizi da noi richiesti in quanto chi ci risponde non è una persona ma una intelligenza artificiale. Finiremo per avere opere d’arte prodotte da computer per mezzo di algoritmi che apprendono a disegnare cose belle. Le prime opere d’arte stanno per essere battute in aste internazionali. Esistono dei tentativi di far produrre musica da intelligenze artificiali. Quindi, le colonne sonore di film che vediamo o di pubblicità potrebbero anche essere generate automaticamente e potrebbero essere adattate ai differenti utenti.

L’intelligenza artificiale dunque promette di cambiare profondamente la vita delle persone e, in molti casi, lo sta già facendo.

L’attuale narrazione sull’Intelligenza artificiale

Nella attuale narrazione, gli sviluppi dell’intelligenza artificiale sono da ascrivere ai ricercatori di nuovi algoritmi di apprendimento automatico e alle aziende che utilizzano questi algoritmi di apprendimento automatico per sviluppare servizi. Migliorando la vita delle persone, questi servizi sono generatori di un reddito potenzialmente infinito per le aziende che li riescono a produrre.

WHITEPAPER
Automazione e validazione dei software? L'AI fa la differenza!
Intelligenza Artificiale
Software

Le aziende producono dati attraverso i loro servizi o i loro strumenti di IoT e utilizzano questi dati per far apprendere agli algoritmi i servizi innovativi. Essendo produttori dei dati utilizzati dall’Intelligenza Artificiale ed essendo i detentori degli algoritmi di apprendimento, le aziende hanno tutto il diritto di avere i benefici economici del loro sforzo di costruire queste macchine che ci aiutano nei nostri compiti quotidiani.

Ricapitolando, le aziende e i ricercatori sono detentori degli algoritmi e produttori dei dati.

Un’osservazione

L’ascesa dell’Intelligenza Artificiale ci promette di liberarci dai nostri compiti ripetitivi e, quindi, in principio assorbe parte del nostro lavoro. Seppure, da un punto di vista teorico, questo è un bene, il tutto potrebbe trasformarsi in un disastro economico se non si trova un modo per remunerare le persone i cui compiti sono stati ridimensionati dall’avvento delle intelligenze artificiali.

Le stime di quanta parte del prodotto interno lordo mondiale verrebbe assorbito dalle macchine è stata presentata in un rapporto di McKinsey e le stime sono catastrofiche. Chi assorbirà quel reddito? È giusto così?

Una nuova narrazione e una possibile soluzione

Nella nuova narrazione, occorre tenere in considerazione che per fare una intelligenza artificiale occorrono due ingredienti: gli algoritmi e i dati. E in particolare, i dati stanno diventando molto più importanti degli algoritmi stessi. La domanda seguente è di chi sono i dati e chi ha diritto al reddito generato da questi?

I veri produttori dei dati sono gli utenti che li generano. Infatti i dati appartengono a loro e non appartengono, come avviene adesso, a chi li raccoglie, conosciuto nella attuale narrazione come il produttore dei dati. Questo è un cambiamento importantissimo nella narrazione poiché in questo modo il lavoratore possiede i dati che hanno reso l’Intelligenza Artificiale migliore. Per questo, tale lavoratore deve essere remunerato se l’Intelligenza Artificiale produce reddito. Questo reddito deve essere in qualche modo distribuito tra i detentori degli algoritmi dell’Intelligenza Artificiale e i detentori dei dati che hanno reso migliore questa Intelligenza Artificiale.

Nella nuova narrazione, noi tutti, attraverso i nostri dati, stiamo contribuendo alla costruzione delle Intelligenze Artificiali.

Per questo ho proposto il modello di Human-in-the-loop Artificial Intelligence (HitAI). In questo modello, si riconosce che in ogni Intelligenza Artificiale c’è conoscenza di una o di un insieme di persone. Pertanto, le Intelligenze Artificiali debbono ridistribuire i redditi che generano tra tutti gli attori che ne hanno contribuito la loro costruzione.

La realizzazione del modello HitAI pone delle sfide sia “politiche” che tecnologiche. Dal punto di vista “politico”, occorre convincere i detentori attuali delle Intelligenze Artificiali a condividere il reddito prodotto. Dal punto di vista tecnologico, occorre costruire un più corretto ciclo di vita della conoscenza degli algoritmi di Intelligenza Artificiale. In questo nuovo ciclo, la conoscenza deve essere tracciata e deve essere chiaro quale porzione di conoscenza ha prodotto il reddito.

Entrambe le sfide si possono ottenere vincere utilizzando degli accorgimenti tecnologici alla portata della ricerca nel campo dell’Intelligenza Artificiale e delle Blockchain. Ma occorre fare presto, prima che tutta la conoscenza necessaria sia stata assorbita dalle Intelligenze Artificiali e, dunque, si sia persa traccia di chi è il vero produttore della conoscenza stessa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati