Intelligenza artificiale

I robot vanno in guerra, pro e contro: il dibattito

Le Nazioni Unite divise tra favorevoli e contrari ai sistemi AWS nei conflitti armati. I robot, grazie alla precisione chirurgica della tecnologia, potrebbero risparmiare molte vite umane. Sostituire le persone con umanoidi potrebbe però portare a una pericolosa deresponsabilizzazione dell’azione militare

22 Nov 2017
Federica Merenda

Scuola Superiore Sant’Anna – Pisa

robot-161030164819

Uno sciame di piccoli droni delle dimensioni di una libellula irrompe in un’aula universitaria, si sparpaglia puntando alcuni studenti e li insegue, facendosi esplodere una volta raggiunto il contatto.

Non è la scena di un film di fantascienza né di una puntata di Black Mirror, ma parte di un cortometraggio che è stato proiettato pochi giorni fa alle Nazioni Unite in occasione di un evento organizzato dalla Campaign to stop killer robots, una coalizione internazionale di ONG che promuovono l’adozione di una Convenzione per la messa al bando preventiva dei Lethal Autonomous Weapons Systems (LAWS), sistemi di armi automatiche già disponibili tecnologicamente ma non ancora utilizzati contro esseri umani, che sarebbero in grado di puntare un obiettivo e lanciare un attacco armato letale senza necessità di intervento umano.

Venerdì scorso si è conclusa a Ginevra la prima sessione del Group of Governmental Experts (GGE) della Convention on Conventional Weapons, che ha visto la partecipazione di 86 Stati, di cui 22 si sono espressi in favore dell’adozione di un documento che proibisca l’utilizzo dei LAWS.

Sebbene i lavori del GGE in sede di Nazioni Unite sembrino procedere a rilento, il consenso tra gli Stati su un tale divieto è in aumento ed un dibattito vivace sulle implicazioni etiche e giuridiche dell’utilizzo di sistemi AWS nei conflitti armati esiste ormai da almeno una decina di anni.

Tale dibattito si è particolarmente sviluppato a seguito dell’adozione da parte di Human Rights Watch del rapporto Losing Humanity. A case against killer robots, pubblicato nel 2012, che mette in guardia contro i rischi legati alla sostituzione con AWS di soldati in carne ed ossa.

Lo sviluppo degli AWS pone infatti delle questioni complesse e controverse che potrebbero spingere, se non ad un divieto assoluto del loro utilizzo, ad un ripensamento radicale di quei regimi del diritto internazionale che si attivano in situazioni di conflitto armato, tra cui il diritto internazionale umanitario ed il diritto penale internazionale, entrambi sviluppati principalmente per evitare il ripetersi di orrori come quello che hanno caratterizzato il secondo conflitto mondiale.

I sostenitori dello sviluppo di tali tecnologie e del loro impiego in scenari bellici evidenziano come la precisione chirurgica di cui gli AWS sarebbero in grado nel momento di lancio dell’attacco, grazie alla loro capacità di processare più informazioni contemporaneamente e più velocemente di un essere umano, porterebbe ad un’importante diminuzione delle casualties, risparmiando vite preziose di civili che eviterebbero cosi di essere coinvolti da operazioni contro obiettivi militari.

Inoltre, gli studiosi che si sono schierati a favore dell’introduzione negli eserciti di AWS sottolineano come a causa della propria mancanza di istinto di sopravvivenza, un AWS potrebbe addirittura dimostrarsi più “umano” di un essere umano.

Non provando emozioni, i robot non odiano, non soffrono paura né stanchezza e non commetterebbero stupri, risultando pertanto da questo punto di vista più adatti dei soldati in carne ed ossa al rispetto del principio di umanità.

D’altro canto, il diritto internazionale umanitario si fonda su principi che richiedono una valutazione comparativa di elementi contingenti e talvolta incommensurabili che non si prestano ad essere tradotti in linguaggio algoritmico.

L’identificazione del giusto livello di forza armata da utilizzare in ogni specifico caso non può infatti facilmente essere ridotta ad una valutazione quantitativa, ma include un elemento di discrezionalità che consente e anzi richiede la presa in considerazione di questioni morali che solo un essere umano può porsi, e rispetto alle quali questi dovrà assumersi una responsabilità che verrà valutata nel caso si contesti la commissione di crimini internazionali: quale valore si attribuisce alla vita o alla sofferenza del nemico o alla vita o alla sofferenza di civili che potrebbero essere coinvolti dall’attacco? Come rendere tale valore commensurabile rispetto al vantaggio militare atteso dall’attacco – che, circolarmente, è un elemento della stessa definizione di obiettivo militare secondo le Convenzioni di Ginevra ed i loro protocolli addizionali?

L’ostacolo principale nell’impiego degli AWS consisterebbe pertanto nella loro inabilità a compiere scelte che siano il risultato di un processo deliberativo propriamente detto, presupponendo questo l’impiego di un tipo di razionalità umana non traducibile nella mera razionalità logico-matematica dell’intelligenza artificiale.

Un’importante conseguenza dell’assenza di un tale processo deliberativo consisterebbe nell’impossibilità del sussistere dell’elemento di responsabilità dell’azione, venendo meno del tutto i presupposti necessari alla qualificazione di un atto come crimine internazionale, non potendo in alcun modo costituirsi una mens rea.

Essendo cosi stralciata la possibilità di individuare una responsabilità diretta per eventuali crimini commessi, è stato suggerito di istituire per gli AWS un modello di responsabilità penale simile a quello previsto nel caso della command responsibility, ovvero la responsabilità dei superiori per i crimini commessi dai propri sottoposti e legato ai concetti di recklessness e negligenza, prevedendo simili forme di liability per coloro che hanno programmato il dispositivo e per i generali che ne hanno autorizzato l’utilizzo.

In questo modo, azioni altrimenti costituenti crimini di guerra, crimini contro l’umanità o genocidi potrebbero verificarsi per mano degli AWS, senza che esista un soggetto a cui tale azione potrebbe essere imputata direttamente.

La sostituzione di esseri umani, soggetti pensanti, giudicanti e moralmente e giuridicamente responsabili, con AWS potrebbe pertanto portare ad una pericolosa deresponsabilizzazione dell’azione militare.

In aggiunta a tali considerazioni, esperti tra cui Christof Heyns, che è stato Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, hanno avanzato l’ipotesi che la stessa decisione di schierare AWS in un conflitto potrebbe rappresentare di per sé una violazione del diritto alla vita essendo l’uccisione di esseri umani da parte di robot costitutivamente arbitraria.

Il dibattito rimane aperto e tanto più urgente quanto più armi come gli AWS una volta sviluppati, a causa della facile riproducibilità e del basso costo delle tecnologie necessarie per la loro messa a punto, potrebbero facilmente finire in possesso di gruppi armati disposti ad utilizzarli indiscriminatamente.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati