musei e digitale

Il museo torni a “fare il mondo” per essere di nuovo rilevante: che vuol dire

Il museo è sempre stato testimone e rappresentazione metaforica del proprio tempo. In quello presente, il ruolo del digitale non deve essere quello di annullare la distanza tra la metafora e il reale ma di costruire dimensioni narrative in grado di avvicinare le persone ai contenuti

21 Dic 2018
Lucilla Boschi

curatore museo Tolomeo

Fabio Fornasari

architetto, museologo e Membro ICOM

museo_382693282

Quando parliamo di museo e del suo futuro in realtà non stiamo cercando di tradurre in immagine qualcosa che non esiste, ma stiamo misurando la distanza che corre tra l’esperienza sensibile della vita quotidiana e l’esperienza sensibile che ci viene offerta dai luoghi dove si espongono le cose testimoni della nostra storia (materiale e immateriale).

I musei da sempre sono stati testimonianza del proprio tempo.

I grandi cambiamenti della museologia hanno seguito i cambiamenti della società. Museo e società sono sempre stati all’interno di una continuo scambio.

Aprire i musei alle persone

Quello che sta accadendo ora è testimonianza del più auspicabile dei dialoghi tra una società che è profondamente cambiata e i luoghi espressione e testimonianza della propria cultura materiale e immateriale e della propria cultura scientifica e umanistica.

WEBINAR
5 best practice per un cloud journey di successo!

Non si tratta solo di cercare modi per valorizzare un patrimonio culturale e quindi rispondere alle regole di una economia neoliberista, ma anche di allineare la vita alle forme del racconto che stiamo sperimentando quotidianamente in relazione anche al difficile compito di includere e integrare popolazioni sempre più differenti per provenienza e capacità. Solo in questo caso possiamo parlare di valorizzazione culturale e non di mercificazione: aprire alle persone per farle partecipare a un patrimonio collettivo, pubblico.

È accaduto più volte nella storia a partire da quando le collezioni private, le wunderkammer, sono diventate nel tempo patrimoni delle nazioni. I musei hanno sempre avuto un ruolo nella società che non è stato solo quello di conservare ma piuttosto quello di esercitare il diritto alla rappresentazione simbolica e quindi di come fare proprio il mondo attraverso il suo racconto.

Museologia e geografia

Per questo motivo le modalità espositive e i dispositivi per condividere i saperi non sono mai state semplici risposte a questioni tecniche (museografia) ma sono sempre state espressione di quel rapporto di potere che il museo incarna in relazione ad un territorio. Non è un caso se la museologia compie i suoi passi a fianco della geografia; se la geografia studia il rapporto tra lo spazio e la società, la museologia si occupa del rapporto tra la rappresentazione simbolica degli oggetti e la società.

Entrambe elaborano un proprio modo di dialogare con il pubblico.

Dai panorami alle period room, dalle ricostruzione degli habitat alle scene di vita, vediamo come già nell’Ottocento la ricerca di avvicinare un pubblico più largo nel processo di costruzione del racconto di una memoria storica porti alla sperimentazione forme espositive che mirano alla meraviglia.

L’esempio di Franz Boas

Un esempio tra tutti è importante da ricordare oggi: Franz Boas, antropologo tedesco naturalizzato negli Stati Uniti. Senza entrare nel suo più complesso pensiero antropologico, interessa qui testimoniare il suo desiderio di rendere accessibile alla popolazione, e non ai soli studiosi, il problema di come avvicinare un più largo pubblico che non è preparato per comprendere i significati degli oggetti esposti in relazione alla storia europea, alla nascita degli Stati Uniti e al confronto con le altre popolazioni.

Il suo tentativo è di proporre ambienti – scene di vita – dove la persona è immersa all’interno di una ricostruzione che ha bisogno di ripensare anche le didascalie, i loro colori, la forma e gli sfondi. Boas lavora sulla credibilità delle ricostruzioni evitando lo smembramento delle collezioni.

Le ricostruzioni di Boas, come tutte le sperimentazioni ancora oggi in corso di virtualizzazione e di racconto digitale, cadono nel tentativo di annullare la distanza tra la metafora e il reale: quello che vediamo non è il reale ma la sua metafora. Come tale testimonia il nostro rapporto con le cose immerse nel tempo.

La dimensione della metafora

Detto in altro modo, il suo tentativo cade laddove ancora oggi cadono alcune esperienze digitali: il tentativo impossibile di colmare il vuoto che separa il linguaggio dall’esperienza che esso codifica.

Questo il suo limite ma questa è anche la sua potenza: lavorare sulla dimensione della metafora e del racconto dell’esperienza.

In fin dei conti nei musei convergono da un lato le esigenze di ricerca scientifica e dall’altra una inclinazione a lasciarsi permeare e affascinare dal passato. Entrambe convivono e queste hanno oggi la necessità di tradursi in racconto che fa della dimensione metaforica il proprio mondo di ispirazione e quindi trova nel digitale il più contemporaneo ambiente dove potersi riprodurre.

A fianco della digitalizzazione degli archivi, della possibilità di consultare in rete materiali e accedere alla conoscenza è proprio nella costruzione di dimensioni narrative e metaforiche che si vedono ora le sperimentazioni più interessanti.

Importante è comprendere i limiti e le potenzialità in relazione agli obiettivi: non distrarre ma avvicinare al contenuto del museo.

Non servirebbe chiudere dicendo che il museo è sempre stato testimone del proprio tempo e ne è una rappresentazione metaforica. Non può restare ancorato a una immagine di sé legata al passato. Per questo non avrebbe senso parlare del futuro del museo – poniamo attenzione al condizionale – ma dimenticare piuttosto una forma di museo che non è più testimone del nostro collocarci nel presente ma il retaggio di una società che è in cambiamento nei suoi modi di comunicare e di abitare i suoi spazi.

Sui contenuti del cambiamento in corso ci sarebbe troppo da dire ma se vogliamo che il museo possa influire su questi deve ridiventare un luogo dove poter dire: il museo fa il mondo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4