Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Chief technology officer

Impariamo da Olivetti per la trasformazione digitale dell’azienda

di Paolino Madotto, Nolan, Norton Italia KPMG Advisory Group

15 Dic 2016

15 dicembre 2016

La Digital Trasformation impone profondi cambiamenti alla figura del CIO che deve diventare più “creativo”, essere umanista e tecnologo insieme un po’ come Adriano Olivetti. Avere l’esperienza ma essere esploratore

A ben guardare le discussioni intorno alla Digital Trasformation sono solo in parte intorno alla tecnologia, spesso ciò che più fa discutere è il nuovo approccio da adottare di fronte ai cambiamenti sociali che queste tecnologie determinano.

Nuove figure e professionalità irrompono nel panorama informatico come gli analisti di dati che cominciano ad essere fondamentali per elaborare ed estrarre informazioni da masse sempre più grandi di informazioni, “esperti” di IoT o altri settori che sono talmente nuovi che viene data l’etichetta di “esperto” anche a chi è alle prime armi e ci ha trascorso del tempo solo a studiare.

La figura del CIO sta cambiando sempre più verso una figura che da responsabile tecnico diventa uomo del cambiamento in azienda. Alle dirette dipendenze del CEO, è sempre meno legato a competenze tecniche, che pure deve avere, e sempre più capace di comprendere la propria organizzazione e il business aziendale.

Il CIO da una parte mantiene le competenze e capacità di governo strutturato del settore IT, con un sempre più importante capacità di erogare servizi affidabili con SLA più elevato e in tempi sempre più ridotti; dall’altra invece è sempre più una figura capace di comprendere l’ambiente sociale dove vive, il contesto esterno all’azienda, il business e, soprattutto, di sfruttare le tecnologie per supportare e migliorare tutto questo.

In questo senso la figura del “super tecnico” che fa carriera negli anni fino a raggiungere il ruolo manageriale viene sempre meno per lasciare lo spazio ad una figura ibrida che ha anche una forte dote creativa.

In una recente ricerca di Harvey Nash e KPMG condotta su 3.352 CIO a livello internazionale emerge una impostazione del tutto inconsueta della figura del CIO, il titolo del report è “The Creative CIO” e già dal titolo ci dice molto.

La formazione tecnica dunque si affianca sempre più ad un altro tipo di formazione più umanistica capace di arricchire e complementare la prima. Dalla figura dell’ingegnere preso a costruire in modo standardizzato e “rigido” ogni cosa informatica si passa alla figura dell’architetto.

Nell’edilizia esiste l’architetto che disegna i luoghi e li immagina sulla base della loro vivibilità, del loro uso, della loro funzionalità. L’architetto è una persona con competenze trasversali che vanno da quelle tecniche a quelle storiche, artistiche, design, ergonomia. Raccoglie un po’ l’accumularsi di diversi saperi sintetizzandoli e finalizzandoli.

Dopo che l’architetto ha costruito il suo disegno è compito dell’ingegnere trasformarlo in calcoli numerici, dimensionamento di dettaglio, piani e progetti, realizzazioni. Quanto più le due figure operano in interdipendenza e ognuna ha elementi e conoscenza dell’altro tanto maggiore sarà la capacità di realizzare luoghi abitabili.

Questa capacità di sintetizzare in una persona un livello di conoscenza ampio e ricco nel settore tecnologico in Italia non ci è nuova. Siamo il paese di Adriano Olivetti e di Leonardo da Vinci.

Mentre stiamo spingendo verso una sempre maggiore specializzazione, anche necessaria non vi è dubbio, emergono così nuove figure e ruoli che hanno la necessità di avere una prospettiva più ampia e aperta del dominio dei problemi.

Nuovi software per la gestione e nuovi paradigmi di machine learning cominciano anzi a farci immaginare servizi IT capaci di autoprogrammarsi o di intervenire automaticamente a rispristinare il servizio o migliorarlo sulla base degli eventi che si vengono a determinare.

La digital trasformation è dunque una sfida che il nostro settore deve saper cogliere in primo luogo, cambiare il modo in cui selezioniamo i talenti, i piani di formazione, i criteri di scelta delle persone migliori.

Cambia tutto ma forse torniamo a quando, all’inizio dell’informatica, si poteva trovare in camice bianco un laureato in filosofia o in lettere classiche che si metteva in gioco nell’informatica magari dando vita a soluzioni creative e innovative come molti altri non avevano immaginato. In questa fase di transizione i CIO hanno necessità di acquisire nuove abilità o competenze che gli consentano di reggere la sfida, di rilanciarla, di trasformare il loro lavoro per acquisire la leadership della digital trasformation.

Come sempre di fronte alle sfide una delle migliori doti è l’umiltà che consente di mettersi a studiare, farsi aiutare, reinterpretare le proprie esperienze. Soprattutto è importante possedere esperienze che aiutino a governare “la nave” nei momenti di tempesta che in ogni cambiamento avvengono, l’idea che sia meglio partire da zero convince poco. I migliori esploratori del passato non erano mai soldati alle prime armi, per approcciare al meglio anche i territori inesplorati.  

 

 

 

  • Gianni Penzo Doria

    Proprio per questo è nato nel 2014 il progetto di Umanesimo Manageriale e il 15 gennaio 2017 apriremo il sito web di riferimento. Intanto, ecco il pezzo con la prof.ssa Mannozzi:
    http://www.forumpa.it/economia/umanesimo-manageriale-una-visione-innovativa-dellessere-dirigente
    Complimenti per l’articolo!

  • Attilio A. Romita

    C’ero all’inizio dell’informatica “pratica”, avevo il camice bianco, ma vicino a me non c’era “un laureato in filosofia o in lettere classiche che si metteva in gioco nell’informatica magari dando vita a soluzioni creative e innovative come molti altri non avevano immaginato”.
    E’ vero che io, come tanti altri, lavoravamo in una industria del terziario ed eravamo pagati per risolvere problemi contabili e di marketing usando un elaboratore 1401 IBM. Era il 1966.
    Allora esistevano anche centri universitari dove si usavano le macchine allora a disposizione per fare i calcoli relativi a problemi scientifici in modo un po più veloce.
    Allora il servizio meteorologico impiegava circa due giorni per elaborare una previsione che quindi arrivava in ritardo visto che il cambiamento dei fenomeni atmosferici era più veloce.
    Anche allora c’era qualche “giocherellone” che era risuscito a riprodurre la “Gioconda” con la stampante usando lettere e numeri per formare luci ed ombre …e da un paio di metri sembrava proprio una fotografia in bianco e nero dell’originale leonardesco.
    Con il tempo le generazioni di computer sono diventate sempre più potenti e le macchine sono state messe in grado di dare risultati sempre in meno tempo perché gli uomini, non più in camice bianco perché lavoravano nel loro ufficio fuori della “sale macchine”, avevano strumenti sempre più potenti e sistemi di programmazione sempre più vicini al problema e meno alla macchina. Allora gli scienziati e tecnici programmavano in FORTRAN (Formula translation) ed noi commerciali in COBOL (Common Business Oriented Language).
    Poi, secondo la legge di Moore, i cambiamenti e gli sviluppi hanno avuto andamento geometrico e sempre più sono stati progettati sistemi di programmazione più “vicini” all’utilizzatore e si è cominciato a pensare alle macchine come strumenti capaci di “intelligenza”, …qualcuno ha provato a fargli scrivere una poesia, ma è uscita solo qualche rima baciata.
    Tutta questa premessa per dire che, almeno sino ad oggi, l’informatica è un fatto molto reale. Ho conosciuto alcuni CIO che pensavano di essere architetti e non ingegneri …ma hanno rapidamente cambiato mestiere o modo di pensare.
    Purtroppo c’è stato anche chi aveva avuto l’intuizione che l’informatica era il futuro, ma pensava a troppe altre cose …e l’Italia perse il treno!
    Ultimo, ma sicuramente molto importante, Leonardo da Vinci ha dipinto la Gioconda e immaginato le sue famose macchine, ma per vivere ha disegnato fortificazioni e macchine da guerra.
    Solo in tempi molto antichi matematica, filosofia coesistevano negli stessi nostri progenitori. Oggi, in un mondo sempre più complesso, umanisti e tecnici sono talvolta su posizioni culturali opposte, ma le soluzioni le trovano quando si confrontano rinunciando ciascuno a qualche posizione di principio.

  • Emiliano S.

    Ottimo articolo, consiglio a tutti, in primis all’autore di guardarsi i video su youtube dell’ing. Luca Attias della Corte dei conti, probabilmente ad oggi la persona che più di ogni altra ricorda la figura di Adriano Olivetti.

Articoli correlati