La riflessione

Innovare davvero è una rivoluzione sociale

Non è sufficiente digitalizzare la PA. Piuttosto, è necessario concepire che ogni persona abbia un indirizzo preciso sul web, con l’IPv6. E che nascano cluster di imprese extra geografici, l’evoluzione dei distretti. Perché la vera innovazione è distruttiva, più che trasformativa

13 Mar 2013
Michele Vianello

consulente e digital evangelist

vianello-130123214321

Per uscire dalla crisi bisogna innovare, affermano tutti. La politica, l’imprenditoria, tutti vogliono innovare.

Poi, quando scaviamo più a fondo, ci accorgiamo che spesso, riferendoci all’innovazione, parliamo linguaggi diversi e intendiamo cose diverse. Peggio, tutti vogliono innovare, ma non intendono sentir parlare dei costi sociali che a volte bisogna affrontare di fronte all’innovazione.

In questo scritto mi riferirò ai processi innovativi e alle conseguenze economiche e sociali che può generare l’innovazione I.T., soprattutto se non viene governata.

Quando parlo di governo dell’innovazione non intendo riferirmi alle impossibili volontà pianificatorie. Mi riferisco piuttosto alla capacità, alla consapevolezza, alla cultura necessari per trarre il meglio dai processi in corso -inevitabili- e limitare l’impatto sociale che può anche avere risvolti negativi.

Guy Kawasaky (l’evangelista di Steve Jobs) nel suo “The art of innovation” afferma che di fronte ai processi innovativi bisogna avere il coraggio di fare “un salto di corsia”.

Più modestamente io affermo che l’innovazione non è la “digitalizzazione dell’esistente. Faccio un esempio per farmi capire e poi, vengo alle nostre “cose italiane”.

La fine della Kodak è un caso di studio. La Kodak, contrariamente a quanto si vuol pensare, non è morta a causa dell’avvento della fotografia digitale. Certamente anche questo fattore ha influito pesantemente.

La Kodak, come industria di massa, è finita nel giorno in cui attraverso un device mobile abbiamo scattato una foto ed immediatamente la abbiamo condivisa attraverso Internet.

Il principio ispiratore per il quale le persone fotografano è quello di condividere emozioni con cerchie ampie di persone. Internet ha consentito di fotografare e condividere immediatamente una fotografia. Il luogo dove la fotografia viene esposta è la rete. Kodak non si è adeguata a questo principio, la sua sorte è nota a tutti.

D’altronde i device mobili hanno consentito di mettere assieme funzioni e attività fino ad allora godute in modo disgiunto. Fotografia, musica, mail, social ecc. tutto assieme su uno strumento; Internet è la base di uniche piattaforme e sistemi operativi.

Quanti prodotti di successo sono stati messi da parte di fronte a questa ondata di innovazione; ed erano prodotti di massa che avevano solo qualche anno di vita.

Pensate solo alla rapida diffusione e all’immediato declino del walkman. Quanta vita ha ancora la mail di fronte alla diffusione della chat e del cloud computing?

L’innovazione I.T., per essere tale, deve essere allora anche “disruptive” e permeare l’intera società, mutandone costumi, abitudini e cultura.

La variabile tempo poi condiziona il successo di un prodotto. Il tempo dell’innovazione I.T. è infinitamente più veloce di quello dell’epoca della meccanica. Quando parliamo di “digitalizzazione” del nostro Paese, immediatamente associamo la nostra arretratezza I.T. alla scarsa diffusione della banda larga e alle procedure della Pubblica Amministrazione.

Il Decreto “Sviluppo 2012” viene anche denominato “Agenda Digitale per l’Italia.

Se si legge bene il testo ci si accorgerà che la “digitalizzazione” prevista dal Decreto si riferisce esclusivamente alla Pubblica Amministrazione e alle modalità di incentivazione delle startup.

Sicuramente è un passo in avanti, pur in presenza di limiti che evidenzierò più avanti, ma ingenera una falsa convinzione tra le persone.

Si viene a consolidare l’idea che nel nostro Paese la Pubblica Amministrazione sia arretrata e scarsamente innovativa, di fronte ad un tessuto imprenditoriale avanzato e competitivo.

Niente di più falso. La scarsa competitività della industria italiana, ma anche di settori come il turismo sono riconducibili alla scarsa “empatia” con il mondo dell’I.T..

Prendiamo ad esempio il turismo. Quello del turismo è il settore dell’economia dove la “domanda” (i turisti) è più avanzata dell’offerta (gli albergatori e i ristoratori).

La prenotazione di un viaggio avviene prevalentemente su web. Le impressioni di un viaggio vengono diffuse tra community sempre più ampie di viaggiatori usando la rete. Il giudizio su un albergo o su un ristorante vengono condivise attraverso la rete. Lo storytelling di una città viene fatta ormai dai viaggiatori.

I nostri albergatori e i nostri ristoratori sono arretrati e subiscono (spesso con fastidio) l’attivismo dei viaggiatori.

Il nostro turismo perde quote di mercato ogni anno, vive molto di rendita, immagina futuristici ed improbabili turisti che proverranno dall’Oriente, dalla Russia, dall’Africa.

Non basta richiamarsi al cibo e all’arte. In molte altre parti del mondo si mangia bene e si possono visitare straordinarie gallerie d’arte.

Il web può aiutare a rendere maggiormente competitiva l’economia del turismo, ma oggi siamo alla preistoria. L’I.T. consente di gestire piattaforme di social networking, consente forme di organizzazione dell’offerta impensabili nel mondo “materiale”. Le piattaforme di cloud computing consentono di abbattere costi, consentono di profilare i potenziali clienti.

Per molto tempo il distretto industriale è stato la forza della piccola e della media impresa italiana. La base territoriale comunitaria e identitaria, la dimensione familiare dell’impresa, condizioni di cambio favorevoli hanno consentito di raggiungere performance rilevanti.

Ma questa forma di organizzazione della produzione ha anche accentuato le caratteristiche individualistiche dell’imprenditore italiano.

La crisi economica come è noto sta spazzando via una parte rilevante della nostra imprenditoria minore. Il 98% della nostra impresa è piccolissima (fino a 10 dipendenti).

Si può diventare grandi anche restando piccoli. Anche in questi casi l’Information Technology è un fattore straordinario di competitività.

Piattaforme di crowdsourcing possono consentire di condividere ricerca e design. Il cloud computing consente di abbattere i costi e, nel lungo periodo, di valorizzare l’uso del dato. Le piattaforme di ecommerce consentono di vendere merci in mercati geograficamente distanti.

Tutto semplice? No. Le piattaforme e gli applicativi dei quali ho parlato più sopra necessitano che si affermino logiche di condivisione e di collaborazione.

Per affermare tutte le loro potenzialità le tecnologie I.T. obbligano all’attuazione del “salto di corsia”.

Per fare un esempio, è necessario che il nostro imprenditore smetta di considerare che il suo competitor è il vicino di casa. È necessario pensare che il cluster di imprese non è più dislocato in ambiti geografici ben delimitati.

Internet consente di concepire il ciclo produttivo in modo decontestualizzato, fuori da angusti ambiti territoriali culturalmente arretrati.

Ma, serve il “salto di corsia”. L’innovazione riguarda allora l’intero Paese.

L’esempio di “salto di corsia” che vorrei fare per quanto attiene la Pubblica Amministrazione riguarda l’introduzione della “famigerata” carta d’identità elettronica. Per carità non è male se vengono riunificate in un unico supporto plastico/elettronico la tessera sanitaria e la carta d’identità. Se ne parla oramai da venti anni.

Ma questa è davvero innovazione?

È noto ai più che oramai in Internet abbiamo a disposizione miliardi di indirizzi IP. È l’avvento dell’era dell’IPV6. Nel 2015 (domani mattina) 200 miliardi di oggetti (Internet of Things) in possesso di una identità ben precisa dialogheranno tra di loro e con noi.

Ma, quale sarà l’identità delle persone su web? Quale sarà l’identità che consentirà una migliore organizzazione dei servizi pubblici e privati, quella che consentirà di legare una cartella clinica ad un individuo, quella che consentirà ad un oggetto di dialogare “proprio con noi”.

Di fronte a queste innovazioni, è sufficiente trasformare la carta in plastica o piuttosto non è necessario concepire che ogni persona abbia un indirizzo preciso sul web? Il nick name è altra cosa; il futuro è l’identità, la tua identità su Internet.

Questo è il “salto di corsia”. Tuttavia l’innovazione è disruptive. Di fronte al social networking, e a Google le Agenzie di Viaggio sono destinate a morire. Non spediamo più cartoline, le nostro foto di viaggio le postiamo con un commento (la cartolina virtuale) sul web.

A cosa serve ancora il postino? A cosa servono i molti travet degli uffici anagrafe dei comuni? L’innovazione non si afferma a somma zero.

Qui entra la capacità di gestire l’innovazione. Dove è necessario formazione e aggiornamento, anche degli imprenditori. Il digital divide culturale non è proprio solo dei singoli cittadini. Oggi siamo in presenza di un evidente digital divide imprenditoriale.

Dove non sarà possibile agire attraverso strumenti formativi sarà necessario porsi il problema della gestione del mutamento del mercato del lavoro.

È inevitabile, stanno morendo molte “professionalità”, stanno venendo meno molte funzioni, ma stanno nascendo nuove professioni. Si manifesterà sempre di più il bisogno di nuove professionalità nelle imprese come nella Pubblica Amministrazione.

Ecco forse questa potrebbe essere la vera riforma del mercato del lavoro necessaria in Italia.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3