l'analisi

Iran senza internet e l’Occidente è incapace di aiutare i cittadini

A seguito del blocco di internet da parte del Governo iraniano, molti attivisti hanno cercato metodi alternativi per tornare online, ma con scarsi risultati. Ogni approccio sembra infatti presentare dei limiti, nonostante l’aiuto proveniente da parte di persone e organizzazioni di diversi Paesi del mondo. Il punto

13 Ott 2022
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

Martina Rossi

Hermes Bay

iran

Come già successo per reprimere le proteste interne nel 2019,  anche nelle scorse settimane, in seguito alle rivolte scoppiate il 16 settembre dopo la morte di Mahsa Amini, il governo iraniano ha imposto delle restrizioni  all’infrastruttura delle telecomunicazioni. Ma questa volta sarebbero molto più stringenti che in passato.

Secondo Azadeh Akbari, professoressa e attivista iraniana, lo scopo di queste chiusure non è però solo quello di ostacolare la mobilitazione o di bloccare la condivisione di video che mostrano la brutalità della polizia. Di fatto, negli ultimi anni, il regime iraniano ha sviluppato un sofisticato sistema di sorveglianza che trascende le misure convenzionali di censura di internet.

Secondo Akbari, la rete informativa nazionale permette di dividere il cyberspazio iraniano in due universi paralleli: una rete nazionale e una globale che, per l’utente medio, appaiono simili. La rete nazionale, attraverso la quale operano servizi pubblici vitali e che le banche e le imprese sono costrette a utilizzare, è fortemente spinta dallo Stato attraverso la pubblicità, è più economica e più veloce ed è probabilmente esposta alla sorveglianza del governo. Tuttavia, la rete globale potrebbe essere tagliata in qualsiasi momento dallo Stato.

Le proteste della popolazione contro il codice di abbigliamento femminile

La morte della giovane curda costituirebbe un pretesto per mostrare un malcontento generale all’interno della popolazione iraniana contro Ali Khamenei, Guida Suprema dell’Iran, e contro il decreto predisposto sul codice di abbigliamento femminile. Da quasi tre settimane i manifestanti avrebbero espresso il proprio dissenso anche contro la dura repressione attuata nel Paese, in particolare dalle forze di polizia. Dall’inizio delle proteste almeno 1.500 persone sono state arrestate e altre 154 avrebbero perso la vita.

WHITEPAPER
Customer Data Platform: cos'è e perché apre una nuova era per i marketer
Big Data
CRM

Già in precedenza il Governo iraniano aveva istituito restrizioni all’accesso ad internet; da quando è salito al potere il Presidente Ebrahim Raisi nel 2021, tali misure sono state ulteriormente rafforzate: sono stati bloccati i servizi online e le applicazioni social, come WhatsApp e Instagram e, secondo il quotidiano Le Monde, sono state prese di mira anche la maggior parte delle VPN presenti sul mercato, la cui richiesta di utilizzo è aumentata esponenzialmente nell’ultimo mese, con l’obbiettivo di renderle accessibili.

Le autorità hanno inoltre bloccato le app Google Play e Apple Store le quali davano la possibilità di installare in maniera veloce le VPN sui propri dispositivi.

Restrizioni più stringenti che in passato

A seguito del blocco di internet da parte del Governo iraniano, molti attivisti hanno cercato metodi alternativi per tornare online, ma con scarsi risultati. Ogni approccio sembra infatti presentare dei limiti, nonostante l’aiuto proveniente da parte di persone e organizzazioni di diversi Paesi del mondo.

Schermaglie cyber tra Stati: infrastrutture critiche e cittadini bersagli sempre più strategici

Alcuni gruppi che operano per tutelare i diritti digitali degli utenti stanno cercando di aiutare la popolazione iraniana inviando strumenti e consigli tecnici per eludere le restrizioni poste dal Governo.

Diverse pressioni sono state esercitate dagli attivisti nei confronti di aziende tecnologiche estere, affinché queste si mobilitassero in favore degli iraniani. Google, ad esempio, ha affermato in un tweet che il suo team starebbe lavorando per rendere fruibili i propri strumenti a seguito delle rinnovate sanzioni statunitensi ai servizi informatici iraniani, per consentire agli utenti l’accesso agli strumenti anti-sorveglianza offerti sui servizi cloud.

Possibili soluzioni alternative per far fronte alle numerose restrizioni

Negli anni gli iraniani hanno adottato diverse soluzioni alternative per far fronte alle numerose restrizioni applicate dal Governo. Tuttavia, secondo quanto affermato da Amir Rashidi, direttore della sicurezza internet e dei diritti digitali presso l’organizzazione per i diritti umani Miaan Group, questa volta le restrizioni governative risulterebbero essere molto più stringenti, in quanto tentano di colpire ogni possibile canale di comunicazione.

L’uso delle VPN

Tra le manovre effettuate per accedere ad internet e stabilire una comunicazione alternativa verso l’esterno vi è l’utilizzo delle VPN le quali permettono di navigare online in maniera sicura e anonima.

Di fatto, alcuni gruppi hacker, tra i quali si evidenzia il gruppo noto come Anonymous, stanno persuadendo la popolazione iraniana a utilizzare VPN, server proxy e il dark web. Ad esempio, sull’applicazione Telegram è presente un gruppo, composto da circa 4.000 membri, nel quale vengono condivisi dettagli sui server VPN ancora disponibili. Invece, all’interno di un altro gruppo presente nella piattaforma vengono distribuiti collegamenti a tutorial sull’uso dei server proxy che convogliano il traffico attraverso una comunità di computer gestiti da volontari, in continuo aggiornamento, per eludere le restrizioni ed evitare il tracciamento dei dati.

Anche le principali applicazioni utilizzate nel Paese sono state bloccate per impedire il proliferare delle proteste sui social. Attraverso un post pubblicato su Twitter, Instagram si è dichiarata estranea alla vicenda ed ha precisato di non aver svolto alcun ruolo nell’interruzione dei servizi per i cittadini iraniani.

Per quanto riguarda le applicazioni di messaggistica WhatsApp e Signal, a seguito delle restrizioni imposte, si sono prontamente adoperate per garantire agli utenti la fruibilità attraverso soluzioni alternative. Signal, ad esempio, dà agli utenti la possibilità di impostare server proxy che indirizzano in modo sicuro il traffico dell’applicazione. Tuttavia, nel caso in cui non si avesse installato il software in precedenza, scaricarlo senza poter accedere ad internet potrebbe risultare complesso.

Women lead anti-government protests in Iran now in its fourth week

L’opzione satellitare

Un’altra possibilità è quella di dar vita a connessioni alternative, nello specifico attraverso i servizi satellitari. Tale opzione sta generando dibattiti tra chi è convinto si tratti di un sistema di difficile attuazione, che necessita di ingenti risorse sia economiche che strumentali per poter essere utilizzabile, e chi invece ritiene che si possa trattare di una soluzione proficua. Tra le prime imprese che si sono mosse in questa direzione figura SpaceX di Elon Musk la quale si è impegnata per attivare il servizio internet satellitare Starlink.

Il suo funzionamento avviene attraverso una costellazione di piccoli satelliti che vengono lanciati a circa 500 km in orbita. Questi sono dotati di 4 antenne piatte che, rivolte verso la Terra, sono in grado di trasmettere un segnale che arriva alla superficie alla velocità di 610 mbps utilizzando tre diverse bande di frequenza. Questo tipo di tecnologia permette di raggiungere velocità di connessione paragonabili a quelle previste dalla tecnologia di connessione a fibra ottica e garantisce l’accesso a internet in tutte le zone senza copertura per limiti geografici o strutturali.

Inoltre, sembrerebbe che l’aspetto che contraddistingue Starlink sia la sua capacità di resistere agli attacchi hacker. A differenza dei tradizionali satelliti ad alta orbita, la nuova generazione di dispositivi ad orbita bassa rende più difficile la manomissione, poiché un aggressore dovrebbe individuare tutti gli apparecchi in una volta sola per paralizzare l’intero sistema. Starlink, inoltre, è più adattabile rispetto alle alternative, perché il codice informatico di ogni dispositivo può essere modificato in risposta a possibili compromissioni.

Questo sistema è stato largamente impiegato in Ucraina in seguito all’invasione russa. Fra gli utilizzatori ci sarebbero stati i soldati assediati nell’acciaieria Azovstal di Mariupol i quali, grazie a questo sistema, sarebbero stati in grado di comunicare con i loro comandanti e con il Presidente ucraino Zelenskyy.

Conclusioni

Sebbene il piano di Musk abbia suscitato entusiasmi tra gli attivisti, sussistono numerose problematiche per la sua implementazione, come evidenziato anche da Alp Toker, Direttore del gruppo di monitoraggio e censura su internet NetBlocks. Chiunque voglia utilizzare Starlink ha bisogno di una parabola speciale per inviare e ricevere dati internet. Anche se fosse possibile contrabbandare l’hardware, portare in Iran una quantità significativa di parabole sarebbe un’impresa complessa. In alternativa, tali parabole potrebbero essere installate in un Paese confinante, ma si avrebbe una velocità sarebbe ridotta.

Da un punto di vista normativo, la complessa natura bidirezionale delle connessioni satellitari è parte del motivo per cui sono soggette a regolamentazione internazionale, in particolare dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (ITU). Mahsa Alimardani, Ricercatrice Senior presso Article19, ha twittato che, anche se Starlink potesse trasmettere internet agli iraniani, l’azienda potrebbe andare incontro a conseguenze legali da parte dell’ITU qualora lo facesse senza l’approvazione del governo iraniano.

WHITEPAPER
Le opportunità del social commerce per Generazione Z e Millennials
Marketing
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4