imperialismo digitale

La geopolitica dell’intelligenza artificiale: tutti i rischi della corsa alla supremazia tecnologica

Gli imperi digitali che stanno primeggiando nella corsa alla supremazia tecnologica – Stati Uniti e Cina – sono il risultato della simbiosi del potere politico con quello delle multinazionali digitali. E intanto che gli imperi con loro le tecnologie – intelligenza artificiale in primis – avanzano, così avanzano i timori

12 Set 2022
Carolina Polito

Ph.D. Candidate LUISS Guido Carli

geopolitica

Ci si aspetta che vincere la competizione per la supremazia tecnologica nel campo dell’intelligenza artificiale (IA), garantirà ricchezza e potere al paese in grado di ottenere questo vantaggio. Vladimir Putin stesso qualche anno fa tuonava: “Chiunque diventerà il leader in questo campo, diventerà il leader del mondo.”

Emblematico è quanto questa frase ricordi alcuni assunti fondamentali delle relazioni internazionali e della geopolitica. Nelle relazioni internazionali, per geopolitica si intende lo studio del rapporto tra territorio e politica, delle costanti storiche derivanti dallo spazio dove un attore politico si muove.

Cyber governance: rischi economici e geopolitici dell’innovazione digitale

La geopolitica non è da intendersi quindi come spiegazione neutrale dei fatti, bensì come una lettura normativa per guidare la politica estera di un determinato paese. Una delle teorie più importanti in geopolitica, e che non a caso ha inspirato il progetto cinese della Belt and Road initiative, è quella postulata da Spykman il quale affermava che “Chiunque avesse controllato la Rimland – la fascia marittima e costiera che circonda l’Eurasia – avrebbe governato l’Eurasia, e quindi i destini del mondo.”

La leadership tecnologica nel campo dell’intelligenza artificiale

Definire cosa si intende tuttavia con il concetto di leadership tecnologica nel campo dell’intelligenza artificiale è tutto fuorché scontato. Intanto, l’IA è un termine più generico di quanto sembri. Le tecnologie dell’IA includono, tra le altre, machine learning, computer vision, robotica intelligente, biometria, swarm intelligence, agenti virtuali, elaborazione del linguaggio naturale e tecnologia semantica. L’IA, più che una tecnologia specifica, è un immaginario collettivo delle direzioni future dello sviluppo digitale.

WHITEPAPER
La RPA in 9 step: da dove si comincia?
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale

Gli stati che stanno primeggiando nella corsa alla supremazia tecnologica sono ben noti: Stati Uniti e Cina. Gli imperi digitali di queste due superpotenze sono il risultato della simbiosi del potere politico con quello delle multinazionali digitali che hanno fornito la benzina sul fuoco del progresso verso l’IA. Storicamente, ci ricorda Miailhne,[1] gli imperi sono stati caratterizzati da tre proprietà principali:

  • l’esercizio del potere su un vasto territorio;
  • una relativa disuguaglianza tra il potere centrale e le “regioni” amministrate, spesso associata a una volontà di espansione;
  • l’attuazione di un progetto politico attraverso varie forme di influenza (economica, istituzionale e ideologica).

Il territorio che in questo caso viene governato è quello dello spazio digitale, l’infinita rete di nodi e dati che connette la dimensione cyber. Una dimensione cyber non a caso sempre più legata ai confini sovrani nazionali.

Il colonialismo digitale delle grandi multinazionali della tecnologia

La dinamica di disuguaglianza che è sostenuta e sollecitata dall’intelligenza artificiale è altrettanto evidente. Sulla falsa riga degli imperi del passato, le grandi multinazionali della tecnologia sono impegnate in un costante sforzo per concentrare risorse ed estendere la loro sfera di influenza. Tre elementi fondanti costituiscono questa forma di colonialismo digitale: un controllo proprietario dei software utilizzati da parte dell’azienda o l’utilizzo di Server as a Service (SaaS), un controllo dell’hardware e un controllo del network tale per cui venga violato il principio della net neutrality.

Aziende straniere progettano la tecnologia digitale per garantire il proprio dominio sulle funzioni critiche nell’ecosistema tecnologico. Ciò consente loro di accumulare profitti dai ricavi derivanti dalla proprietà intellettuale e dall’ accesso alle infrastrutture e potenzialmente fornisce loro incredibili capacità di sorveglianza. Consente inoltre loro di esercitare un controllo sul flusso di informazioni (come la distribuzione di notizie e servizi di streaming), sulle attività sociali (come i social network e lo scambio culturale) e su una pletora di altre funzioni politiche, sociali, economiche e militari mediate dalle loro tecnologie.[2]

Cédric Villani, matematico e politico francese incaricato dal primo ministro Edouard Philippe di una missione conoscitiva sull’intelligenza artificiale ha a tal proposito affermato: “Queste grandi piattaforme catturano tutto il valore aggiunto: il valore delle menti, delle applicazioni dei servizi e dei dati che assorbono. Tecnicamente, è una procedura di tipo coloniale: sfrutti una risorsa locale impostando un sistema che sposti il valore aggiunto verso la tua economia.”[3]

Infine, il progetto politico attuabile attraverso l’influenza economico-culturale è plausibilmente simile e speculare per entrambe le superpotenze ed è quello di garantire l’egemonia globale al vincitore della competizione.

I rischi di una eccessiva influenza delle multinazionali tech

In molti temono per i possibili sviluppi globali alla luce di queste tendenze. Si teme per la concentrazione di potere economico e politico in sempre meno centri nevralgici rappresentati dai board delle grandi multinazionali. Si teme per la scarsa abilità dimostrata dal sistema internazionale di ripartire i benefit dello sviluppo tecnologico. Si teme per la possibilità che un funzionamento sempre più automatizzato della società ci porti a incorporare sempre più marcatamente i nostri pregiudizi. Si teme per la sicurezza.

Dati i vantaggi derivanti dall’essere i primi a raggiungere la cosiddetta supremazia tecnologica, queste grandi potenze potrebbero essere particolarmente incentivate a ignorare determinate considerazioni in termini di sicurezza a favore dei tanto prospettati vantaggi economici. Questo rischio è particolarmente rilevante se si considera il grado di vulnerabilità che caratterizza i sistemi di IA. I sistemi di IA sono fortemente soggetti a vari tipi di attacchi, tra gli altri, attacchi di avvelenamento dei dati, di manomissione del modello di categorizzazione, o di installazione di backdoor. Per ciò che concerne la sicurezza nazionale poi, servizi come Copilot – uno strumento di intelligenza artificiale sviluppato da GitHub e OpenAI per assistere gli utenti di ambienti di sviluppo completando automaticamente un codice – potrebbero essere utilizzati per creare virus informatici. I governi vorranno tenere d’occhio tali capacità e alcuni vorranno usarle. I modelli che possono elaborare strategie per i consulenti aziendali possono essere in grado di fare lo stesso per i generali; se possono creare flussi video realistici possono creare disinformazione; se possono creare arte possono creare propaganda.

Come limitare l’imperialismo digitale?

Storicamente, gli imperialismi sono stati contrastati in vari modi: la guerra, la diplomazia, le istituzioni internazionali. L’assetto multilaterale di cui ci siamo disposti globalmente avrebbe proprio dovuto garantire, almeno formalmente, una distribuzione equa di potere e responsabilità nello scacchiere internazionale. Anche volendo sposare una visione positiva dell’istituzionalismo liberale, tuttavia, appare evidente come al momento anche questo, per ciò che concerne la Governance delle nuove tecnologie, sia in profonda crisi.

Come afferma Angela Kane,[4] nonostante alcuni Stati avessero affermato il loro interesse per governare alcune tecnologie come le armi letali autonome, man mano che l’interesse commerciale nei confronti di queste armi è aumentato – data anche la loro efficacia sul campo di battaglia – si è deciso di affidare questo tema di Governance a delle riunioni compartecipate con il settore privato, che ancora oggi non riescono a rendere formalmente illegale l’uso di queste armi.

Intanto che gli imperi con loro le tecnologie avanzano, così avanzano i timori. E così, come avverte l’ imprenditore britannico Ian Hogarth, “sembra che si stia costruendo una supercar prima di aver inventato il volante.”

Note

  1. https://www.cairn-int.info/article-E_PE_183_0105–the-geopolitics-of-artificial.html
  2. https://www.agendadigitale.eu/cultura-digitale/ia-e-colonizzazione-digitale-le-conseguenze-del-controllo-dei-dati-nel-continente-africano/
  3. https://www.cairn-int.info/article-E_PE_183_0105–the-geopolitics-of-artificial.html
  4. https://www.carnegiecouncil.org/media/series/aiei/ai-upending-geopolitics-angela-kane
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4