scenari

La società digitale che verrà: tecnologie autonome, ibridazioni spaziali, soggetti cyborg

Tecnologie che diventano soggetti sociali con un arbitrio computazionale ma non ancora consapevole, l’ibridazione fra spazi fisici e digitali, la costruzione della soggettività cyborg: la grande questione della società che verrà riguarda i confini dell’umano e del sociale nel momento in cui si innesta il digitale

Pubblicato il 07 Feb 2023

Davide Bennato

professore di Sociologia dei media digitali all’Università di Catania

Coltivando il verso: la sfida di scrivere poesia con GPT4

L’anno che è appena cominciato, come ogni anno, ha portato con sé una ricca produzione di contenuti su idee futuribili, nuove tendenze, concetti da tenere sotto osservazione, nonché tutta una serie di discorsi che ricordano le aspettative del passeggere di leopardiana memoria viste con gli occhi di un cittadino del XXI secolo.

Proverò allora a delineare quali saranno le caratteristiche della società digitale prossima ventura.

Mercato tech, dalla grande crisi nascerà la prossima rivoluzione

I segnali da osservare per delineare il futuro della società digitale contemporanea

Un tale obiettivo potrebbe sembrare poco realistico. Da un lato perché siamo ancora nel primo ventennio del nuovo secolo, che ha ancora troppi legami col secolo appena trascorso. Dall’altro perché potrebbe suonare arbitrario, come d’altronde lo sono tutte le analisi che usano il contemporaneo per ipotizzare cosa riservi il futuro. Però gli anni che ci siamo lasciati alle spalle sono stati così saturi di crisi sociali globali – tra le altre: la crisi economica del 2008, l’acuirsi del surriscaldamento climatico dal 2010, l’attacco del mondo digitale alle democrazie del 2016 (anno dell’elezione di Donald Trump e del referendum Brexit), la pandemia del 2020, la guerra Russo-Ucraina del 2022 – che interagendo con i processi sociali in corso stanno delineando uno scenario che sta avendo delle caratteristiche piuttosto visibili e che nascono da un nuovo livello di complessità su cui il digitale ha svolto un ruolo.

A questo punto la questione diventa: quali sono i segnali da tenere sotto osservazione per delineare il futuro della società digitale contemporanea?

A mio avviso i segnali fondamentali sono sostanzialmente tre: l’ascesa delle nuove tecnologie autonome, l’ibridazione fra spazi fisici e luoghi digitali, la costruzione della soggettività cyborg.

L’ascesa delle nuove tecnologie autonome

L’ascesa delle nuove tecnologie autonome può essere fatta corrispondere alla crescita delle tecnologie in grado di utilizzare grandi quantità di dati – e pertanto figlie dei big data – per compiere scelte e decisioni sostanzialmente autonome. Rientrano in questa categoria una vasta rappresentanza di tecnologie digitali: dagli algoritmi delle piattaforme social ormai sempre più pervasivi, alle varie forme che ha assunto l’intelligenza artificiale (per esempio: machine learning, deep learning, GAN) e che prende forma in diversi dispositivi che vanno dagli assistenti virtuali degli smartphone, agli smart speaker ad altri prodotti maggiormente specializzati (Mühlhoff 2020). Quello che accomuna queste tecnologie molto diverse fra loro è la capacità di poter compiere delle scelte – più o meno complesse – in modalità prevalentemente autonoma sulla base dell’analisi di grandi quantità di dati. Il fatto di elaborare enormi moli di dati su cui effettuare delle scelte fa sì che queste tecnologie non siano solo dispositivi tecnici, ma siano dei soggetti sociali a tutti gli effetti. Al momento queste tecnologie hanno un campo di applicazione di nicchia e le scelte che compiono sono molto limitate, ma ciononostante possono essere considerate soggetti sociali che si inseriscono in una nuova categoria assieme ai soggetti micro-sociali (individui, opinion leaders, leader carismatici, …) e ai soggetti macro-sociali (gruppi, organizzazioni, istituzioni, strutture collettive, …). In continuità con questa nomenclatura, potremmo chiamarli soggetti tecno-sociali, ovvero una nuova categoria di soggettività sociali che si presentano come degli attori non umani – definizione sociologica della actor-network theory (Latour 2007) – che si inseriscono nel tessuto della società contemporanea.

Potenzialità e conseguenze degli attori tecno-sociali

Esistono diversi modi per dimostrare potenzialità e conseguenze di questi attori tecno-sociali: a mio avviso la migliore e più recente è il nascente dibattito sulle sintografie (termine usato per la prima volta da littlepinkpebble 2022), ovvero sulla possibilità di generare immagini da parte delle intelligenze artificiali a partire da una descrizione testuale dell’immagine da generare e creata da applicazioni come Midjourney, DALL-E, Playground AI. La questione che stanno sollevando questi software è legata al futuro delle professioni creative. In primo luogo, sulla sostenibilità della figura del grafico o dell’illustratore, quando queste tecnologie sono in grado di produrre tantissime immagini in poco tempo e a costi molto bassi. In secondo luogo, sulla compatibilità di questi prodotti con l’attuale mercato delle immagini, sollevando questioni come l’attribuzione del corretto copyright e su come gestire i diritti dei database che questi software utilizzano per produrre le immagini. In ultima analisi la questione della creatività: fino a che punto sono da considerarsi creative queste immagini? Non c’è il rischio di un processo di omologazione estetica derivante da un uso così massiccio di intelligenze artificiali? Tutte domande che al momento sono senza risposta e che stanno surriscaldando notevolmente i rapporti fra content creator di immagini e sostenitori delle tecnologie per le sintografie.

In estrema sintesi, le tecnologie del XXI secolo stanno diventando soggetti sociali: dotate di un arbitrio computazionale, non ancora libero, non ancora consapevole. Almeno per ora.

L’ibridazione fra spazi fisici e luoghi digitali

Il secondo segnale da tenere sotto osservazione è l’ibridazione fra spazi fisici e luoghi digitali. La pandemia del 2020 ci ha ormai abituati a vivere in contesti fisici fortemente tecnologizzati in cui è possibile essere digitalmente presenti in luoghi geograficamente distanti. Questo processo è iniziato con la telefonia mobile che ci ha abituati ad essere socialmente connessi in modo perpetuo Katz, Aakhus 2002).

La dinamica si è istituzionalizzata dall’ingresso dei social che hanno reso la compresenza fisica-digitale una pratica quotidiana con forme diverse: la disattenzione da smartphone (come nel caso degli incidenti automobilistici), la duplicazione dell’esperienza fisica negli spazi digitali (come il live streaming), la costruzione del doppelgänger digitale (come nella presentazione del sé nei profili social). Ma è con il lockdown del 2020 che tali processi sono stati radicalizzati dall’utilizzo massiccio di piattaforme per la presenza a distanza (telepresenza, videoconferenza) a scopi collaborativi come Zoom, Google Meet, Microsoft Teams.

La logica evoluzione di questo processo è rappresentata dai metaversi, spazi digitali immersivi più o meno decentrati che attraverso varie strategie di digitalizzazione dello spazio – dalla realtà virtuale alla realtà aumentata – creano un oggetto ibrido con i vincoli della fisicità ma le opportunità del digitale. Il dibattito sul metaverso è un ottimo punto di accesso per comprendere i problemi – e le opportunità – degli spazi ibridi fisico-digitali (Bennato 2022). Quali sono i diritti degli avatar nei metaversi? Fino a che punto è legittima l’esistenza di metaversi esclusivamente privati? Quali sono i rapporti legali fra un individuo e il suo avatar? Sono tutte domande che al momento fanno parte dell’opinione pubblica più tecnologizzata, ma che rapidamente entreranno a far parte del dibattito pubblico e politico.

La questione in gioco è che lo spazio sociale non è più definito dalle mura delle architetture, ma dalle pareti delle stanze virtuali: liberi dal cemento, ma vincolati dagli algoritmi.

La costruzione della soggettività cyborg

Il terzo segnale da osservare è la costruzione della soggettività cyborg. Con questa locuzione si fa riferimento alla possibilità di esercitare la propria identità fisica e sociale attraverso le tecnologie digitali che possono essere addosso a noi – smartphone, smartwatch, smartglasses – dentro di noi – neuralink, biosensori sottocutanei, organi artificiali – intorno a noi – avatar, doppi digitali, assistenti virtuali smart (Lupton 2014). Il dibattito su questi temi ha assunto forme diverse, dalle filosofie postumane – che si interrogano sui limiti del concetto di umanità – alle ideologie transumane – secondo cui la prossima fase evolutiva dell’uomo è rappresentata dall’ibridazione dei limiti del corpo fisico con le possibilità permesse dalle tecnologie bio-cibernetiche.

Questi sono temi evidentemente appannaggio delle riflessioni futuristiche e futuribili, ma se invece ci limitiamo all’uso del cyborg come metafora interpretativa, possiamo considerare che la condizione sociale contemporanea né solo umana né solo tecnologica, sta sollevando questioni delicate che non sempre il pensiero del secolo precedente è in grado di affrontare. Un caso celebre in questo senso è la richiesta di Oscar Pistorius nel 2008 alla IAAF (International Association of Athletics Federation – Federazione internazionale di atletica leggera) di poter gareggiare con gli atleti tradizionali alle Olimpiadi di Pechino del 2008 nonostante fosse dotato protesi che sostituiscono le sue gambe amputate in giovane età. La IAFF si espresse negativamente affermando che le protesi gli garantivano performance superiori alle gambe biologiche, dichiarando così di fatto Pistorius un cyborg-atleta che non poteva gareggiare con atleti umani (Bennato 2010).

L’uso della tecnologia di potenziamento umano (human enhancement) ha gli handicap come ambito sperimentale, ma diventando sempre più economici e diffusi potrebbe rappresentare delle libere scelte da parte di chi voglia sfruttare il potenziale di essere cyborg. Il dibattito – attualmente poco più che aneddotico – su chi si è fatto implantare chip sottocutanei o su chi preferisce partner robotiche o virtuali, sono solo avvisaglie dei temi che ci troveremo ad affrontare. Inoltre, la questione della soggettività cyborg avrà anche conseguenze socio-politiche perché è facile immaginare che le opportunità sociali consentite dalla tecnologizzazione dell’essere umano daranno vita a processi di resistenza e reazione a queste nuove forme di umanità che prenderanno le caratteristiche di atteggiamenti neoluddisti, ovvero di resistenza – ideologica, religiosa, politica – alla tecnologia, con il rischio che possano assumere anche forme estreme e violente.

Che la dimensione socio-politica del cyborg entri o meno nel dibattito pubblico, comunque, non ci impedisce di sostenere che noi tutti siamo diventati postumani: esseri umani potenziati da tecnologie che ancora non controlliamo (e non comprendiamo) completamente.

Conclusioni

Il XX secolo è stato caratterizzato da processi di istituzionalizzazione della modernità, una società nata da un nuovo ambito produttivo ed economico innescato dalla rivoluzione industriale che ha sconvolto tutte le forme antropologiche e sociali: individuo, cultura, istituzioni, politica, economia. Il XXI secolo raccoglie l’eredità del secolo precedente ma aggiunge un livello in più: la creazione di uno contesto sociotecnico nuovo come il digitale e le sue innumerevoli rappresentazioni a cui si aggiunge un potere trasformativo estremamente profondo che ha messo in crisi categorie che sembravano assodate.

La società che sta prendendo forma davanti ai nostri occhi è sicuramente complessa e articolata ma può essere rappresentata da una sola grande questione: quali sono i confini dell’umano e del sociale nel momento in cui si innestano le tecnologie digitali?

Bibliografia

Bennato, D. (2010), La circolazione delle tecnologie, in XXI Secolo, volume: L’Universo Fisico, Istituto dell’Enciclopedia Italiana Giovanni Treccani, Roma, pp.577-586, disponibile online all’URL: https://www.treccani.it/enciclopedia/la-circolazione-delle-tecnologie_(XXI-Secolo)/

Bennato. D. (2022), Sociologia del metaverso, tra immaginario e ideologie, “le Sfide”, n.11, Maggio, 100-107.

Jurgenson, N. (2012), When atoms meet bits: Social media, the mobile web and augmented revolution, “Future internet”, 4(1), 83-91.

Katz, J. E., Aakhus, M. (Eds.) (2002), Perpetual contact: Mobile communication, private talk, public performance, Cambridge, Cambridge University Press.

Latour, B. (2007), Riassemblare il sociale. Actor-Network Theory, Meltemi, Roma, 2022.

littlepinkpebble (2022, dicembre 23), R/midjourney – comment by U/Littlepinkpebble on “I do both syntography (AI art) and art and believe both should co exist.”, Reddit. Ultimo accesso gennaio 5, 2023, from https://www.reddit.com/r/midjourney/comments/zt6gl6/comment/j1d2lei/
?utm_source=share&utm_medium=web2x&context=3

Lupton, D. (2014), Sociologia digitale, Milano-Torino, Pearson, 2018

Mühlhoff, R. (2020), Human-aided artificial intelligence: Or, how to run large computations in human brains? Toward a media sociology of machine learning, “New Media & Society”, 22(10), 1868-1884.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2