gli studi

L’altra “faccina” della disinformazione: il ruolo delle emoji nella diffusione di fake news

Le emoji sono più comuni nell’informazione falsa che nella legittima. Inoltre, la disinformazione, quando diffusa enfatizzando il testo con delle emoji, piace e viene quindi anche diffusa di più. Due studi empirici ci dicono di più su come le emojis influenzino la circolazione di fake news

06 Ago 2021
Laura Brandimarte

Assistant Professor of Management Information Systems, University of Arizona

Many_Emojis_at_a_glance

Negli ultimi anni si è discusso e scritto molto di disinformazione, ovvero della intenzionale diffusione di informazioni testuali inaccurate o totalmente false fatta spesso per scopi commerciali, ideologici o politici.

Poco sappiamo però sul ruolo di caratteristiche non testuali che potrebbero influenzare la diffusione di disinformazione, tra cui le emojis o emoticons, ovvero le piccole immagini che vengono spesso utilizzate per trasmettere un coinvolgimento emotivo altrimenti difficile da far trasparire in uno scritto.

Disinformazione digitale: pericoli, conseguenze e prospettive future

Emojis e diffusione della (dis)informazione: gli studi

Per cercare di capire come le emojis influenzino la circolazione di informazione abbiamo condotto due studi empirici: uno analizzando dati su tweet identificati come contenenti disinformazione e un altro costituito da un esperimento con tweet contenenti informazione sia legittima che falsa.

WHITEPAPER
Trasferire i processi in cloud è una scelta non più rimandabile: ecco perché
Cloud
Digital Transformation

Partiamo dal primo studio. Siamo partiti da una nota piattaforma di individuazione di disinformazione, snopes.com, e abbiamo individuato una lista di 3.615 tweet identificati dalla piattaforma come contenenti informazioni vere, false o un mix di entrambe. Abbiamo quindi salvato le necessarie caratteristiche di tali tweets: testo (completo di emoji, se presenti) e numero delle volte in cui ciascun tweet ha ricevuto un’interazione (“Mi piace” o Retweet). Infine, abbiamo suddiviso i tweet in due gruppi: quelli con e (in grande maggioranza, il 91,5%) senza emoji. Anzitutto, abbiamo notato che i Tweets contenenti almeno una emoji hanno avuto una diffusione più ampia rispetto a quelli senza, con un 128% in più di retweets e un 142% in più di “Mi piace.” Inoltre, altro dato interessante è che, tra i tweets contenenti almeno una emoji, quasi la metà (il 49%) contengono disinformazione, un terzo (33%) informazione vera e il rimanente 18% un mix di entrambe. Altra statistica interessante è che le emoji più comuni utilizzate in tweets di disinformazione sono quelle che dipingono risate fragorose, applausi o bandiere.

In base a questo primo studio, sembrerebbe esserci dunque una maggiore probabilità che, in presenza di una emoji, un Tweet contenga disinformazione piuttosto che informazioni vere.

Tweet con emoji e senza: quali si diffondono di più?

Poiché si tratta solo di una correlazione, per capire se l’effetto è causale, e cioè se una emoji rende davvero un tweet più virale, abbiamo condotto un esperimento. Tramite una piattaforma piuttosto diffusa tra gli accademici (Prolific), abbiamo invitato 100 persone, tutte di residenza statunitense e attive su Twitter, a partecipare al nostro studio. Abbiamo mostrato a ciascuno 4 diversi tweets, 2 contenenti informazione falsa e 2 legittima. Abbiamo creato 3 versioni per ciascun tweet: nella condizione di controllo non abbiamo inserito alcuna emoji; nella condizione che possiamo chiamare di “sostituzione,” abbiamo sostituito una parola con una emoji; infine, nella condizione che chiamiamo di “enfasi” abbiamo aggiunto accanto a una parola la corrispondente emoji. A ciascun partecipante è stata mostrata, in modo casuale, solo una versione per ciascuno dei 4 tweets. Questo schema ci ha consentito di testare due ipotesi: la prima è che la presenza di una emoji renda un tweet più diffuso rispetto allo stesso identico tweet senza emoji.

La seconda è che il meccanismo per cui ciò avviene è, almeno in parte, determinato dalla funzione dell’emoji: sostituendo una parola con una emoji, si può rendere un testo meno comprensibile, obbligando il lettore a sforzarsi a interpretarlo e rendendolo così meno gradito. Al contrario, semplicemente aggiungendo una emoji a del testo, ci si limita ad associare un contenuto emotivo ad un testo scritto, che potrebbe renderlo più piacevole.

I risultati ottenuti sono piuttosto interessanti: quando una emoji sostituisce una parola, un tweet piace meno del suo corrispettivo senza emoji, mentre quando una emoji enfatizza (viene aggiunta ad) una parola, un tweet piace di più rispetto al suo corrispettivo senza emoji. Non si sono invece registrati effetti sul numero di retweets. Ciò che più conta, tuttavia, è che questi risultati valgono solo se il tweet contiene disinformazione: nessun effetto risulta statisticamente significativo se il tweet contiene informazione vera.

Una breve nota riguardo all’utilizzo del numero di “Mi piace” come indicatore di diffusione di informazione. L’algoritmo di Twitter mostra a chi ci segue (i nostri “followers”) sia i nostri Tweets e retweets, sia i Tweets per cui abbiamo mostrato interesse clickando sul tasto “Mi piace,” rendendo così tale azione un effettivo strumento di diffusione del Tweet tanto quanto lo è un’azione di redistribuzione diretta come il retweet. Nei contenuti virali, infatti, c’è alta correlazione tra le due misure: moltissimi retweets e moltissimi “Mi piace.” In effetti, il “Mi piace” potrebbe essere considerato una misura anche migliore di diffusione dell’informazione, perché in alcuni casi rappresenta una sponsorizzazione o un sostegno indiretto al contenuto, attenuato rispetto al retweet, e quindi più facilmente e comunemente impiegato dagli utenti di twitter.

Conclusioni

Cosa possiamo dunque concludere da questi studi riguardo all’impatto delle emoji nella diffusione di disinformazione online? Anzitutto, le emoji sono più comuni nell’informazione falsa che nella legittima. Inoltre, la disinformazione, quando diffusa enfatizzando il testo con delle emoji, piace e viene quindi anche diffusa di più.

Ciò suggerisce che chi vuole diffondere disinformazione potrebbe usare le emoji in maniera strategica per manipolare il coinvolgimento emotivo dei lettori, che funge da catalizzatore per la diffusione dell’informazione. Un’ultima considerazione va dedicata all’effetto delle emoji nella diffusione delle informazioni autonomamente effettuata da algoritmi.

I nostri studi si basano sulle reazioni delle persone alle emoji, ma non sappiamo come si comportano gli algoritmi che selezionano contenuti da diffondere. Potrebbero, ad esempio, selezionare disinformazione contenente emoji con maggiore probabilità, visto che il criterio generale utilizzato è la massimizzazione delle interazioni. Allo stesso modo, non sappiamo come questo fenomeno, che potremmo chiamare “effetto emoji” potrebbe influire sull’affidabilità degli algoritmi utilizzati per individuare disinformazione.

Non è chiaro se e come tali algoritmi utilizzino le emoji per stabilire se un contenuto sia falso o legittimo, e ciò potrebbe rappresentare un vantaggio per utenti malevoli che vogliano strategicamente evadere la sorveglianza automatizzata e diffondere disinformazione in maniera più efficace.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati