schermi e bambini

L’effetto degli smartphone sulle funzioni esecutive di bambini e adolescenti: cosa dicono gli studi



Indirizzo copiato

L’uso dello smartphone ha un profondo impatto sulla salute mentale e fisica dei bambini e potrebbe avere impatto su alcune funzioni cognitive dette funzioni esecutive. È quindi necessario promuovere un uso consapevole dei media digitali attraverso strategie educative adeguate e ulteriori ricerche

Pubblicato il 21 dic 2023

Giulia Conte

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento di Neuroscienze Umane, Sapienza Università di Roma

Dario Esposito

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento di Neuroscienze Umane, Sapienza Università di Roma

Mauro Ferrara

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento di Neuroscienze Umane, Sapienza Università di Roma

Sara Romano

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento di Neuroscienze Umane, Sapienza Università di Roma



buonanotte bedtime stories

Strumenti onnipresenti della vita quotidiana, gli smartphone hanno trasformato profondamente le abitudini di comunicazione, intrattenimento e accesso alle informazioni.

Le trasformazioni della nostra quotidianità sono del tutto evidenti: molto meno chiari sono i dati, a oggi disponibili, sull’effetto di questi strumenti sulla salute fisica e mentale dei loro utilizzatori, in particolar modo se bambini o adolescenti.

Smartphone in età evolutiva: numeri e tendenze

Uno sguardo ai numeri del fenomeno smartphone in età evolutiva: una recente analisi su bambini e ragazzi di 8-18 anni negli USA (The Common Sense Census, 2022) ha evidenziato un aumento esponenziale nel numero di minori possessori di smartphone nel corso degli ultimi anni.

In particolare, nella fascia dei più piccoli, se nel 2015 solo un bambino di 8 anni ogni dieci possedeva uno smartphone, nel 2021 il rapporto è diventato di un bambino ogni tre. La stessa indagine ha evidenziato come i preadolescenti (età 8-12 anni) trascorrano 5 ore al giorno in media davanti ai vari media digitali (le femmine circa 5 ore in media, i maschi 6,11 ore), con un tempo ancora maggiore relativo ai teenager (12-18 anni). Per quanto riguarda una delle tipologie più diffuse di utilizzo dei media, ovvero l’uso dei social media, circa il 57-70% di tutti i bambini e ragazzi li utilizza per almeno 2 ore al giorno, con un incremento progressivo tra i più giovani, nell’età compresa tra 8 e 12 anni.

Raccomandazioni internazionali sull’uso dello smartphone dai più piccoli

Questo massiccio aumento dell’uso degli schermi digitali tra i bambini ha suscitato accesi dibattiti tra le agenzie istituzionali per la promozione della salute infantile. Ciò si è recentemente tradotto in una serie di raccomandazioni rilasciate da parte di Enti quali l‘American Academy of Pediatrics che scoraggia l’esposizione a qualunque tipo di schermo digitale nei bambini prima dei 2 anni di età e sostiene l’utilità di un limite massimo di 1 ora al giorno per i bambini dai 2 ai 5 anni.

In Italia, tra le raccomandazioni emerse, un registro analogo è stato adottato dalla Società Italiana di Pediatria in collaborazione con Meta e Fondazione Carolina onlus, che hanno diramato nel 2022 l’iniziativa “Connessioni Delicate”, specificando limiti orari e tipologie raccomandate di utilizzo dei media digitali per bambini in diverse fasce d’età.

Queste raccomandazioni perseguono dei chiari obiettivi di protezione dei minori dai rischi connessi all’uso eccessivo di schermi digitali in età evolutiva, ma nella comunità scientifica il dibattito circa la stima degli effetti dei media sui vari domini del benessere infantile – tra cui il sonno, le funzioni esecutive, il benessere fisico e lo stile alimentare, il benessere psicologico e la salute mentale – è a dir poco aperto.

L’impatto dello smartphone sulle funzioni esecutive

Una delle tematiche più controverse riguarda l’impatto degli smartphone su alcune funzioni cognitive in via di sviluppo: l’attenzione, la memoria, le capacità di pianificazione e di decisione strategica. Nel loro insieme, queste competenze prendono il nome di funzioni esecutive (FE): raggruppano processi cognitivi diversi, per lo più inconsapevoli, che agiscono costantemente al servizio dell’organizzazione e della regolazione del comportamento in base all’obiettivo che ci poniamo nell’eseguire un’azione, oppure alla necessità di adattare il nostro operato a quanto richiesto dalle situazioni esterne.

Le FE sono fondamentali per affrontare le attività di tutti i giorni, sono utilizzate di continuo negli scenari della vita quotidiana: organizzare lo studio per una verifica a scuola, programmare le attività da fare nel pomeriggio, oppure il dover stabilire modi alternativi per raggiungere casa se la metro viene chiusa per un guasto tecnico.

In età evolutiva, le FE si organizzano e si perfezionano seguendo le incredibili trasformazioni nello sviluppo cerebrale in questa fase di vita. Come per gran parte delle funzioni cerebrali, le FE vanno incontro ad una maturazione protratta nel corso dello sviluppo infantile, con un consolidamento maggiore in età scolare-preadolescenziale, al passo con la progressiva maturazione della corteccia prefrontale del nostro cervello (Wu et al., 2011; Xu et al., 2013).

Le FE sono più o meno sviluppate da persona a persona e sono estremamente influenzate dall’ambiente di crescita, da quanto cioè il bambino venga più o meno adeguatamente stimolato nel consolidamento di queste abilità (Best & Miller, 2010).

Screen time e sviluppo delle funzioni esecutive nei bambini

Nell’esplorare gli effetti degli smartphone sulle FE in età evolutiva, la letteratura scientifica è stata dominata da studi che hanno preso in esame la questione del tempo di utilizzo degli schermi digitali, il cosiddetto screen time. Tra questi, alcuni studi hanno correlato uno screen time maggiore a peggiori prestazioni nelle FE in età prescolare (Li et al., 2022; McHarg et al., 2020; Nathanson et al., 2014; Paulich et al., 2021), altri hanno rilevato che è soprattutto il perdurare durante l’infanzia di uno screen time elevato, in contrapposizione a periodi isolati di elevato utilizzo, a determinare effetti deleteri sulle FE(Best, 2012; McHarg et al., 2020).

Diversi Autori hanno ipotizzato diversi possibili meccanismi attraverso i quali l’eccessiva esposizione ai media digitali potrebbe influire sullo sviluppo delle FE: la sostituzione ad attività più appropriate per lo sviluppo e l’apprendimento, l’aumentato rischio di esposizione a contenuti inappropriati, la destrutturazione del sonno notturno e il ridotto accesso ad esperienze di relazione/caregiving che promuovono e sostengono le FE (Kirkorian et al., 2008; Ponti, 2023; Radesky & Christakis, 2016).

Oltre agli studi di tipo comportamentale, che hanno cioè misurato le varie FE in bambini e adolescenti, abbiamo a disposizione sempre più dati di tipo morfo-funzionale, che riguardano gli aspetti di maturazione e modificazione dei network cerebrali coinvolti nelle FE in base allo screen time. Nei bambini di 3-5 anni, è stato osservato che uno screen time elevato si associa a una minore organizzazione delle aree cerebrali del linguaggio, dell’attenzione e dell’apprendimento (Hutton et al., 2020, 2022).

Da dati emersi da un altro studio su una vasta popolazione di bambini di 10 anni, è emerso che un maggiore screen time si associa nel 37% dei casi a modifiche in aree importanti per le funzioni cognitive di ordine superiore (corteccia prefrontale) (Paulus et al., 2019). Tuttavia, nell’interpretare queste modifiche, gli Autori del lavoro scientifico hanno enfatizzato come esse non siano ascrivibili in maniera unilaterale a processi di ritardata maturazione, quindi di ordine “negativo”, ma che, anzi, per alcuni bambini, le modifiche osservate sono indicative di un aumento specializzato dell’organizzazione strutturale della corteccia cerebrale.

In sintesi, il rapporto tra FE e screen time è ancora complesso da decifrare e quando si guarda alla sintesi dei dati esistenti in letteratura, ovvero alle metanalisi, le evidenze sono tutt’altro che conclusive. Da una recente metanalisi che racchiude i risultati di svariati studi comportamentali sulle FE in bambini di 0-6 anni sulla base dello screen time (Bustamante et al., 2023), non emerge infatti alcun ruolo significativo del tempo di utilizzo degli schermi digitali sullo sviluppo delle FE e sulla loro efficienza.

Appare pertanto evidente la necessità di ricorrere ad un approccio più multi-componenziale per aumentare la nostra capacità di comprendere quali modelli o profili di utilizzo degli schermi digitali siano più strettamente associati a conseguenze positive, negative o neutre sulle FE dei bambini. Inoltre, poiché la maggior parte dei genitori fatica ad aderire alle raccomandazioni sul tempo da far trascorrere ai bambini davanti allo schermo, l’utilizzo di un approccio più articolato all’uso dei dispositivi digitali sembra particolarmente utile per identificare quali usi siano da incoraggiare per promuovere esiti positivi per i bambini.

In tal senso, appare centrale l’identificazione delle circostanze in cui l’uso dei media digitali è favorevole alla salute e allo sviluppo, ampliando l’analisi al di là del fattore screen time e considerando aspetti quali il contenuto dei media ed il contesto del loro utilizzo.

Svariati studi hanno evidenziato che la fruizione tramite media digitali di programmi educativi adatti alla età infantile è positivamente associata alle competenze di FE, indipendentemente dal tempo trascorso davanti agli schermi (Huber et al., 2018; Yang et al., 2017; Zimmerman & Christakis, 2007).

In uno studio su varie tipologie di video di cartoni animati per bambini, sono emerse peggiori FE in bambini esposti prevalentemente a video di intrattenimento (ricchi di stimolazioni sensoriali e di frequenti transizioni nelle trame o nelle scene, che catturano l’attenzione ma che riducono le capacità di tolleranza dell’attesa o di tempi più lenti di svolgimento della narrazione) rispetto a quelle di bambini esposti a video con contenuti più educativi (Fan et al., 2022).

Pertanto, l’assenza di caratteristiche informative e di tempi di narrazione più “lenti” e quindi più consoni al consolidamento delle informazioni nei programmi di intrattenimento può porre i bambini in una modalità passiva di elaborazione delle informazioni quando guardano questo tipo di video (Bryant & Anderson, 1983), determinando risultati peggiori nei compiti di funzionamento esecutivo. Analogamente, altri studi su bambini e uso passivo dei social media, hanno evidenziato come tale utilizzo preannunci la tendenza nel bambino a scegliere ricompense più piccole ma immediate, rispetto a ricompense maggiori ma ritardate (delay aversion) e maggiormente in linea con la fatica dell’apprendimento nella vita quotidiana (Schulz van Endert & Mohr, 2022; Wegmann et al., 2020).

Risultati analoghi rispetto alle conseguenze negative sulle FE dell’uso passivo e di intrattenimento degli schermi digitali, in particolare dei social media, provengono anche da studi condotti con adolescenti. Un gruppo di ricerca coreano ha evidenziato come lo scrolling passivo e ripetitivo sui social, determini una riduzione dell’attività dei network attentivi (network frontoparietale) e faccia entrare il cervello in modalità “stand-by” aumentando l’attività del network “di base” del cervello (default mode network – DMN), ovvero dell’insieme di circuiti neurali (corteccia prefrontale mediale e cingolo posteriore), che si attivano quando non si è impegnati a svolgere compiti specifici (Hu, Cui, et al., 2022).

I ricercatori hanno evidenziato come ciò non accada quando gli stessi adolescenti sono immersi nella lettura di un libro di fantascienza, ad indicare quanto un utilizzo passivo dei contenuti digitali possa avere un impatto significativo sulle funzioni cognitive (Hu, Cui, et al., 2022), anche dopo sole 4 settimane di aumentato utilizzo dei social media in questa modalità (Hu, Yu, et al., 2022). Altri dati confermano tale ipotesi, mostrando che gli adolescenti con uso problematico dei social (la cosiddetta “dipendenza da social media”) presentano alle neuroimmagini una minore capacità di attivare le aree cerebrali deputate all’orientamento volontario dell’attenzione verso una certa attività (dorsal attention network – DAN) (Lee et al., 2021).

I fattori di rischio dei social media

Altri Autori hanno evidenziato come la struttura stessa dei social media costituisca un fattore di rischio per l’utilizzo passivo dei contenuti digitali, dati alcuni meccanismi propri della comunicazione e del passaggio delle informazioni su queste piattaforme (Bhargava & Velasquez, 2021; Giraldo-Luque et al., 2020), tra cui:

  • l’eccesso di notifiche e messaggi di tipo visivo e uditivo, che possono comportare una cronica saturazione dei network attentivi, con frequente interruzione e dispersione dell’attenzione rivolta ad altre attività;
  • il meccanismo dei “mi piace” cioè la conferma dell’accettazione sociale ricevuta dagli altri utenti, che genera una potenziale dipendenza dall’uso dei social;
  • i contenuti personalizzati cioè contenuti audiovisivi e testuali individuati dagli algoritmi dei social che creano attivazione del network del piacere tramite rinforzi intermittenti e variabili. Questo si associa alla mancata presenza di segnali naturali di stop come l’orario sullo schermo o la necessità di ricaricare pagine successive possono portare a fenomeni di dipendenza in soggetti maggiormente predisposti;
  • la FoMo (Fear of Missing out) cioè il costante bisogno di essere online per timore di perdere eventi, informazioni o contenuti scaturita dall’affiliazione tra utenti e dal bisogno di appartenenza che possono portate ad ansia da controllo, attivazione emotiva negativa e riduzione delle capacità di pensiero orientato alle attività contestuali.

L’impatto del contesto d’uso degli schermi sulla salute dei bambini

Anche il contesto in cui il bambino utilizza gli schermi appare come un fattore importante da considerare. Si stima che quasi il 60% dei genitori nel Regno Unito e a Singapore espongano i bambini all’uso di schermi durante i pasti (Goh & Jacob, 2012; Wright et al., 2007). Secondo vari studi disponibili (Fruh et al., 2021; Neshteruk et al., 2021; Pearson et al., 2018), tale contesto di utilizzo degli schermi contribuisce a un maggiore apporto calorico e a una durata prolungata del pasto, oltre che a un rischio maggiore di avere un BMI (body mass index) nel range degli obesi nei bambini piccoli (Teekavanich et al., 2022). Altre ricerche suggeriscono che il ricorso agli schermi come mezzo per regolare il comportamento dei bambini possa avere un impatto negativo sul loro sviluppo delle capacità di autoregolazione (Azevedo et al., 2022; Radesky, Kistin, et al., 2016; Radesky, Peacock-Chambers, et al., 2016). Ad esempio, se un bambino fa i capricci in uno spazio pubblico, i genitori possono dargli un dispositivo portatile per aiutarlo a distrarlo dalla sua esperienza di emozioni negative, ma l’uso di strategie di regolazione delle emozioni basate sullo schermo è stato collegato allo sviluppo di un uso più problematico dei media (ad esempio, perdita di interesse per attività che non coinvolgono gli schermi) nei bambini piccoli (Coyne et al., 2021).

Verso un uso consapevole dei media digitali: il futuro di ricerca e educazione

In conclusione, la possibile correlazione tra uso di media digitali e funzioni esecutive si rivela un argomento complesso e in continua evoluzione. I dati raccolti fino a oggi dimostrano che esiste un rapporto, influenzato e orientato da una serie di variabili che vanno al di là del semplice tempo totale di utilizzo. Alcune ricerche suggeriscono una correlazione negativa tra l’uso eccessivo dei media digitali e le funzioni esecutive, altre sembrano suggerire che alcune attività digitali possano persino migliorarle. Il mondo scientifico su questo argomento è tutt’altro unanime: sono sul campo diversi punti di vista e risultati controversi, il che sottolinea la necessità di un approfondimento e avanzamento della ricerca.

In un’ottica di riduzione del danno, selezionare attentamente le attività di utilizzo dello schermo in base alle caratteristiche proprie dei bambini (ad esempio, età, interessi, profilo comportamentale) e in base alle caratteristiche del contenuto, alla natura dell’uso e al contesto d’uso potrà aiutare i genitori a fare scelte che massimizzino i benefici e minimizzino i danni derivanti dall’uso degli schermi digitali.

Il futuro della ricerca in questo ambito riguarderà lo studio più approfondito dell’impatto specifico dei vari tipi di media e format digitali, considerando le modalità di utilizzo (passivo/attivo), l’età, il contesto e altri fattori influenti, non ultimo l’educazione al buon uso dei media digitali all’interno delle famiglie.

Conclusioni

Dovremo continuare a interrogarci su come sfruttare al meglio i media digitali per il potenziamento delle funzioni esecutive e per favorire strategie educative che orientino al meglio l’inarrestabile – e irrinunciabile – rapporto di bambini e adolescenti con la tecnologia.

Bibliografia

Azevedo, E. C., Riter, H. da S., Pieta, M. A. M., & Frizzo, G. B. (2022). Digital Media use on Interactions Between Mother and Child: Differences in Infants’ Early Years. Paidéia (Ribeirão Preto), 32, e3210. https://doi.org/10.1590/1982-4327e3210

Best, J. R. (2012). Exergaming immediately enhances children’s executive function. Developmental Psychology, 48(5), 1501–1510. https://doi.org/10.1037/a0026648

Best, J. R., & Miller, P. H. (2010). A developmental perspective on executive function. Child Development, 81(6), 1641–1660. https://doi.org/10.1111/j.1467-8624.2010.01499.x

Bhargava, V. R., & Velasquez, M. (2021). Ethics of the Attention Economy: The Problem of Social Media Addiction. Business Ethics Quarterly, 31(3), 321–359. https://doi.org/10.1017/beq.2020.32

Bryant, J., & Anderson, D. R. (1983). Children’s Understanding of Television: Research on Attention and Comprehension. Academic Press, Inc.

Bustamante, J. C., Fernández-Castilla, B., & Alcaraz-Iborra, M. (2023). Relation between executive functions and screen time exposure in under 6 year-olds: A meta-analysis. Computers in Human Behavior, 145, 107739. https://doi.org/10.1016/j.chb.2023.107739

Coyne, S. M., Shawcroft, J., Gale, M., Gentile, D. A., Etherington, J. T., Holmgren, H., & Stockdale, L. (2021). Tantrums, toddlers and technology: Temperament, media emotion regulation, and problematic media use in early childhood. Computers in Human Behavior, 120, 106762. https://doi.org/10.1016/j.chb.2021.106762

Fan, L., Lu, M., Qi, X., & Xin, J. (2022). Do Animations Impair Executive Function in Young Children? Effects of Animation Types on the Executive Function of Children Aged Four to Seven Years. International Journal of Environmental Research and Public Health, 19(15), 8962. https://doi.org/10.3390/ijerph19158962

Fruh, S., S, W., K, H., C, H., Gm, H., S, S., Rj, G., H, H., & J, B. (2021). A practical approach to obesity prevention: Healthy home habits. Journal of the American Association of Nurse Practitioners, 33(11). https://doi.org/10.1097/JXX.0000000000000556

Giraldo-Luque, S., Afanador, P., & Fernández-Rovira, C. (2020). The Struggle for Human Attention: Between the Abuse of Social Media and Digital Wellbeing. Healthcare, 8, 497. https://doi.org/10.3390/healthcare8040497

Goh, D. Y., & Jacob, A. (2012). Perception of picky eating among children in Singapore and its impact on caregivers: A questionnaire survey. Asia Pacific Family Medicine, 11(1), 5. https://doi.org/10.1186/1447-056X-11-5

Hu, B., Cui, Y.-L., Yu, Y., Li, Y.-T., Yan, L.-F., Sun, J.-T., Sun, Q., Zhang, J., Wang, W., & Cui, G.-B. (2022). Combining Dynamic Network Analysis and Cerebral Carryover Effect to Evaluate the Impacts of Reading Social Media Posts and Science Fiction in the Natural State on the Human Brain. Frontiers in Neuroscience, 16. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fnins.2022.827396

Hu, B., Yu, Y., Yan, L., Qi, G., Wu, D., Li, Y., Shi, A., Liu, C., Shang, Y., Li, Z., Cui, G., & Wang, W. (2022). Intersubject correlation analysis reveals the plasticity of cerebral functional connectivity in the long‐term use of social media. Human Brain Mapping, 43(7), 2262–2275. https://doi.org/10.1002/hbm.25786

Huber, B., Yeates, M., Meyer, D., Fleckhammer, L., & Kaufman, J. (2018). The effects of screen media content on young children’s executive functioning. Journal of Experimental Child Psychology, 170, 72–85. https://doi.org/10.1016/j.jecp.2018.01.006

Hutton, J. S., Dudley, J., DeWitt, T., & Horowitz-Kraus, T. (2022). Associations between digital media use and brain surface structural measures in preschool-aged children. Scientific Reports, 12, 19095. https://doi.org/10.1038/s41598-022-20922-0

Hutton, J. S., Dudley, J., Horowitz-Kraus, T., DeWitt, T., & Holland, S. K. (2020). Associations Between Screen-Based Media Use and Brain White Matter Integrity in Preschool-Aged Children. JAMA Pediatrics, 174(1), e193869. https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2019.3869

Kirkorian, H. L., Wartella, E. A., & Anderson, D. R. (2008). Media and young children’s learning. The Future of Children, 18(1), 39–61. https://doi.org/10.1353/foc.0.0002

Lee, D., Lee, J., Namkoong, K., & Jung, Y.-C. (2021). Altered functional connectivity of the dorsal attention network among problematic social network users. Addictive Behaviors, 116, 106823. https://doi.org/10.1016/j.addbeh.2021.106823

Li, S., Guo, J., Zheng, K., Shi, M., & Huang, T. (2022). Is Sedentary Behavior Associated With Executive Function in Children and Adolescents? A Systematic Review. Frontiers in Public Health, 10, 832845. https://doi.org/10.3389/fpubh.2022.832845

McHarg, G., Ribner, A. D., Devine, R. T., & Hughes, C. (2020). Screen Time and Executive Function in Toddlerhood: A Longitudinal Study. Frontiers in Psychology, 11. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyg.2020.570392

Nathanson, A. I., Aladé, F., Sharp, M. L., Rasmussen, E. E., & Christy, K. (2014). The relation between television exposure and executive function among preschoolers. Developmental Psychology, 50(5), 1497–1506. https://doi.org/10.1037/a0035714

Neshteruk, C., A, Z., L, S., E, E., We, K., Js, L., Ac, S., M, S., N, Z., & Sc, A. (2021). Weight-Related Behaviors of Children with Obesity during the COVID-19 Pandemic. Childhood Obesity (Print), 17(6). https://doi.org/10.1089/chi.2021.0038

Paulich, K. N., Ross, J. M., Lessem, J. M., & Hewitt, J. K. (2021). Screen time and early adolescent mental health, academic, and social outcomes in 9- and 10- year old children: Utilizing the Adolescent Brain Cognitive Development SM (ABCD) Study. PLoS ONE, 16(9), e0256591. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0256591

Paulus, M. P., Squeglia, L. M., Bagot, K., Jacobus, J., Kuplicki, R., Breslin, F. J., Bodurka, J., Sheffield Morris, A., Thompson, W. K., Bartsch, H., & Tapert, S. F. (2019). Screen Media Activity and Brain Structure in Youth: Evidence for Diverse Structural Correlation Networks from the ABCD Study. NeuroImage, 185, 140–153. https://doi.org/10.1016/j.neuroimage.2018.10.040

Pearson, N., Sjh, B., P, G., Jp, J., & E, H. (2018). Clustering and correlates of screen-time and eating behaviours among young children. BMC Public Health, 18(1). https://doi.org/10.1186/s12889-018-5698-9

Ponti, M. (2023). Screen time and preschool children: Promoting health and development in a digital world. Paediatrics & Child Health, 28(3), 184–202. https://doi.org/10.1093/pch/pxac125

Radesky, J. S., & Christakis, D. A. (2016). Increased Screen Time: Implications for Early Childhood Development and Behavior. Pediatric Clinics of North America, 63(5), 827–839. https://doi.org/10.1016/j.pcl.2016.06.006

Radesky, J. S., Kistin, C., Eisenberg, S., Gross, J., Block, G., Zuckerman, B., & Silverstein, M. (2016). Parent Perspectives on Their Mobile Technology Use: The Excitement and Exhaustion of Parenting While Connected. Journal of Developmental and Behavioral Pediatrics: JDBP, 37(9), 694–701. https://doi.org/10.1097/DBP.0000000000000357

Radesky, J. S., Peacock-Chambers, E., Zuckerman, B., & Silverstein, M. (2016). Use of Mobile Technology to Calm Upset Children: Associations With Social-Emotional Development. JAMA Pediatrics, 170(4), 397–399. https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2015.4260

Schulz van Endert, T., & Mohr, P. N. C. (2022). Delay Discounting of Monetary and Social Media Rewards: Magnitude and Trait Effects. Frontiers in Psychology, 13. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyg.2022.822505

Teekavanich, S., Rukprayoon, H., Sutchritpongsa, S., & Rojmahamongkol, P. (2022). Electronic media use and food intake in Thai toddlers. Appetite, 176, 106121. https://doi.org/10.1016/j.appet.2022.106121

The Common Sense Census: Media Use by Tweens and Teens, 2021 | Common Sense Media. (n.d.). Retrieved November 21, 2023, from https://www.commonsensemedia.org/research/the-common-sense-census-media-use-by-tweens-and-teens-2021

Wegmann, E., Müller, S. M., Turel, O., & Brand, M. (2020). Interactions of impulsivity, general executive functions, and specific inhibitory control explain symptoms of social-networks-use disorder: An experimental study. Scientific Reports, 10(1), Article 1. https://doi.org/10.1038/s41598-020-60819-4

Wright, C. M., Parkinson, K. N., Shipton, D., & Drewett, R. F. (2007). How do toddler eating problems relate to their eating behavior, food preferences, and growth? Pediatrics, 120(4), e1069-1075. https://doi.org/10.1542/peds.2006-2961

Wu, K. K., Chan, S. K., Leung, P. W. L., Liu, W.-S., Leung, F. L. T., & Ng, R. (2011). Components and developmental differences of executive functioning for school-aged children. Developmental Neuropsychology, 36(3), 319–337. https://doi.org/10.1080/87565641.2010.549979

Xu, F., Han, Y., Sabbagh, M. A., Wang, T., Ren, X., & Li, C. (2013). Developmental differences in the structure of executive function in middle childhood and adolescence. PloS One, 8(10), e77770. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0077770

Yang, X., Chen, Z., Wang, Z., & Zhu, L. (2017). The Relations between Television Exposure and Executive Function in Chinese Preschoolers: The Moderated Role of Parental Mediation Behaviors. Frontiers in Psychology, 8, 1833. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2017.01833

Zimmerman, F. J., & Christakis, D. A. (2007). Associations between content types of early media exposure and subsequent attentional problems. Pediatrics, 120(5), 986–992. https://doi.org/10.1542/peds.2006-3322

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4