l’analisi

Comunicazione post-covid: i nuovi equilibri dopo la “tempesta perfetta”



Indirizzo copiato

La pandemia ha mostrato come le emergenze cambino le nostre scelte comunicative, mentre la digitalizzazione ha trasformato la percezione del pubblico, ora più incline a pensarsi come influencer. Questo contesto richiede una maggiore consapevolezza e autonomia nell’interazione con i media, per non diventare “sonnambuli” in un mondo in rapida evoluzione

Pubblicato il 14 mag 2024

Mario Morcellini

Professore ordinario emerito in Sociologia della Comunicazione e dei Media digitali alla Sapienza Università di Roma



Accuracy: come interpretarla dal GDPR all’AI Act
Accuracy: come interpretarla dal GDPR all’AI Act

Viviamo un tempo segnato da un certo trionfalismo del digitale, e questo aspetto può far dimenticare il radicale cambiamento che attraversa la dimensione della formazione sociale (ma anche politica dei giovani e degli adulti). È in questo contesto che siamo chiamati a riflettere su quanto, e velocemente, siamo cambiati.

Qui diventa centrale osservare attentamente l’impatto della comunicazione, ma soprattutto il posizionamento di non contemplarla semplicemente come utenti. È solo entro una lettura riflessiva che si può cogliere quanto essa parli di noi e della nostra disponibilità ad andare verso il nuovo. Resta il fatto che uno dei limiti della modernità è non domandarci cosa perdiamo del passato, senza che neanche ce ne accorgiamo, configurando dunque un vero e proprio rischio di cancel culture. Ne consegue che il focus di un’attenzione non pregiudiziale deve mettere al centro l’assestamento dei complessi equilibri della comunicazione contemporanea.

La pandemia e la riscoperta del ruolo dei pubblici

Solo in questo contesto, infatti, l’analisi diventa adeguata, soprattutto se non subiamo l’imperativo di “smettere” il Covid come un abito “fuori stagione”. È un punto di vista quasi negazionista, che dà la risposta più sbagliata ad un serio interrogativo contemporaneo: le emergenze sono finite o destinate a ripresentarsi? Sotto questo profilo, gli studi sulle novità della potenza dei media durante il Covid hanno insegnato che affrontiamo le emergenze cambiando scelte mediali prima ritenute immutabili. Inoltre abbiamo cominciato a rilevare quanto le svolte comunicative per un’informazione ispirata ad un ritorno alla mediazione, comportavano trasformazioni nella geografia mediale ma soprattutto nei comportamenti sociali. Mai avevamo avuto una così chiara percezione della duplicità di impatto dei media sui pubblici. Da un lato quella in cui gli utenti finiscono per essere semplicemente spettatori, disponendosi con naturalezza ad un’inondazione di contenuti, messaggi e stimoli. Dall’altro è sempre più evidente una nuova platea che, per competenze acquisite o propensioni culturali, sceglie una comunicazione pensata e vissuta in nome del media activism.

La “riscoperta” che il ruolo dei pubblici è decisivo in termini di autonomia non è una novità, ma induce a capire le profonde divergenze tra i media tradizionali, dove le emittenti appaiono a viso scoperto di fronte all’audience, e quelli digitali connotati dalla moltitudine di messaggi apparentemente privi di un mandante e di una regia, e dunque percepiti come interpersonali, anche grazie all’esplosiva frammentazione dei testi. Rischia così di diventare invisibile il profilo del potere comunicativo degli imperi digitali.

È una tematica complessa[1], che possiamo e dobbiamo affrontare in vista di un guadagno di autonomia e consapevolezza che può riconoscere nuovo valore alle scelte degli utenti. Abbiamo studiato per decenni l’influenza delle politiche culturali delle Tv, dove appariva comunque evidente un diverso status tra fonti e pubblici; oggi questi ultimi sono indotti alla gratificante percezione che gli atlanti comunicativi sono il prodotto delle loro scelte e selezioni di contenuti piuttosto che palinsesti riconducibili agli Over the Top. Il mood vincente è quello in cui tutti sono portati a pensarsi come influencer, proprio nel momento in cui rischiamo di essere più modellati dalle piattaforme. Qui appare lampante l’ “illusione social” spesso denunciata da Papa Francesco rivolgendosi soprattutto ai giovani.

La disintermedizione ci allontana dalla partecipazione

Gli OTT sono così lontani e globali da essere sottratti ad ogni giudizio di qualità culturale e formativa. È del resto difficile abituarsi all’assenza di figure professionali di mediazione capaci di aiutare i pubblici nella spiegazione e contestualizzazione dei contenuti. Si coglie così la loro centralità a fronte della ripetitività e tautologia oggi dominanti nella comunicazione. La disintermediazione tanto tipica della disinvoltura digitale oscura la possibilità di un qualunque contropotere degli utenti e allontana la chance che l’infrastruttura comunicativa incoraggi forme di partecipazione e attivismo. Chi studia comunicazione sa che, senza un centro unitario e adeguati punti di riferimento, essa svolge una pura funzione di accompagnamento alle crisi, e dunque dobbiamo cercare altrove, fuori dai linguaggi correnti, un progetto di exit strategy. Dobbiamo inoltre prendere atto che, per la prima volta nella storia della modernizzazione socioculturale, un pezzo rilevante di società è diventato indifferente, e spesso addirittura insofferente, nei confronti della cultura e della conoscenza[2].

Si può allora capire meglio la conclusione a cui arriva l’appuntamento con il Rapporto Censis che, ogni anno, individua una formula semantica per descrivere il nostro passaggio al futuro: ci ha definito “sonnambuli” che si muovono quasi automaticamente sulla scena, pronti a rimuovere la lezione del Covid e comunque quelli che il Censis descrive come “i luoghi del pensiero”. È una metafora preziosa, se pensiamo che questo trend prende le mosse a partire dalla stagione educativa prima ancora dell’ingresso a scuola, e racconta quanto abbiamo perduto rispetto ad un’epoca in cui quella era percepita da tutti come l’età della formazione ai valori e alla vita, e ora divenuta invece solo il secondo tempo del percorso educativo.

Verso una normalizzazione digitale?

Gli indicatori più aggiornati sulla “potenza di fuoco” dei media, soprattutto digitali e social, disegnano una tendenza nei comportamenti comunicativi orientata più al contenimento che all’espansionismo. È una novità interessante, soprattutto se le rilevazioni non saranno contraddette in autunno; ma quale che sia lo standard a venire (non è infatti impossibile che si possa registrare un rimbalzo, che poco toglierebbe ai trend del primo trimestre) saremmo di fronte alla presa d’atto che siamo vicini alla normalizzazione dei dati sulla comunicazione.

Nelle ultime rubriche che ho firmato per la rivista Formiche[3] ho cominciato ad osservare questo fenomeno, con riferimento anche ai media tradizionali e, in particolare, al Servizio pubblico radiotelevisivo, riconoscendo che i confronti devono essere condotti non con il periodo Covid ma con quello precedente. Rinviando ad altra sede questa discussione solo apparentemente metodologica, l’ipotesi di una frenata nella corsa dei media digitali (la seconda dopo quella durante il Covid) sembra più che plausibile ed è stata segnalata recentemente anche in un editoriale di Alessandro Campi per il Messaggero[4].

Rimettere al centro la qualità dei contenuti

Tutto questo non toglie nulla al riconoscimento che i giovani, accanto a larghi contingenti di adulti, risultano in uno stato di forte esposizione e forse addirittura saturazione rispetto alla pressione dei media e dei social. Nasce così l’obiettivo di una riflessione che torni a mettere al centro la questione dei contenuti, ivi inclusi la questione della loro autonomia culturale. Si pone qui l’esigenza di dare un’anima alla comunicazione, che significa anzitutto interrogarci su come misurare l’impatto delle tecnologie sulla vita e sulla mente. Gli indicatori parlano chiaro: 5 o 6 ore al giorno sono destinate al menu mediale, senza contare il tempo dedicato a telefoni e smartphone.

Non deve sfuggirci l’attenzione alla cessione di attenzione che soprattutto i giovani regalano ai social, abbastanza impegnativa se ricordiamo che alcuni dei tempi dell’agenda giovanile sono di fatto anelastici (il sonno, la scuola, i pasti e i compiti); si può dire allora che quasi tutto lo spazio che la sociologia francese chiamerebbe “scelto” è assorbito dal digitale. In altri termini il vero tempo pieno della scuola italiana lo conseguono proprio le cosmologie dei device.

Sono questi i dati che ci narra il consueto appuntamento di We are social, che autorizzano a ipotizzare appunto una normalizzazione delle tecnologie digitali; un’Indagine assai interessante perché consente di individuare scostamenti secondari e dunque un’accorta revisione nella distribuzione dell’attenzione.

I media digitali e la scomparsa del tempo libero

È venuto il momento di aprire un’analitica disputa sulla qualità e sui contenuti. Nel contesto di un sistema mediale che sembra un talk permanente, e in un tempo segnato da una crisi di pensiero, si profila l’ipotesi che il contatto con i media rappresenti l’alimento di un vero e proprio “senso comune”; ma c’è di più. Si intravvede una parziale confisca da parte dei media dello spazio dell’autonomia giovanile, al punto che nessuno parla più di tempo libero. Se aggiungiamo a queste perplessità la presa d’atto che il contesto in cui viviamo è quello di un sistematico aumento delle dipendenze, si può capire quanto i contenuti e i volumi della comunicazione non rappresentino automaticamente un’innovazione di sapere, facendo pensare piuttosto ad una cosmologia di messaggi con un loro tasso di ripetitività e tautologia, riconducibile in buona misura alla profilazione sempre più accurata degli utenti.

Ma così la comunicazione regala a tutti ciò che già abbiamo, ciò che sappiamo, riducendo l’innovazione e la varietà, ma soprattutto incollandoci addosso etichette preconfezionate e immobili.

Comunicazione e sovranismo digitale

Qui la nostra riflessione incontra un filone abbastanza consistente della letteratura scientifica che si interroga sul sovranismo digitale, volto a scorgere nuove gerarchie di temi, valori e parole messe in scena, riconoscendo così nella comunicazione contemporanea un formidabile attore di influenza sulle mentalità e sugli stati di coscienza. Nei testi incontriamo sempre più spesso un riferimento alla conquista delle menti, che sembra rinviare all’epoca in cui la letteratura (di importazione americana), inaugurava concetti come quello di “media potenti”. Affrontando una tematica di questo genere, coerente del resto con i dibattiti condotti negli anni precedenti e in particolare nell’ultimo, da cui traiamo un brillante stimolo scientifico nell’epilogo del saggio di Federico Boni dell’Università di Milano, che qui chiamo in causa per sottolineare un comune riconoscimento di nodi culturali aperti e meritevoli di un supplemento di attenzione.

Ritorniamo con la mente al trauma Covid: “Il sequestro della normalità di cui abbiamo parlato spinge i pubblici «nella direzione di una ricerca di senso da restituire ad un mondo culturale che lo ha perso e che improvvisamente non risulta più ordinato, riconoscibile» (Ieracitano 2020, p. 112), e se questa ricerca di senso «supporta una dipendenza cognitiva verso i mezzi di informazione» (ivi, p. 104), allora davvero si può concludere, con Miconi, che si è trattato di una ‘tempesta perfetta’, di un’occasione mancata per costruire un significato e dare un senso a quanto sta accadendo.

In questa tempesta – in questo naufragio – gli spettatori si sono trovati a essere non solo pubblici ma anche protagonisti, protagonisti di una vicenda il cui senso – sia come direzione narrativa che come significato – è di difficile attribuzione e sempre elusivo. Ma se «il viaggio è esso stesso narrazione», come sostengono Salzano e Scognamiglio (2020, p. 13), allora possiamo sperare che il naufragio ci abbia fatto capire che forse è il caso di seguire altre rotte, «una nuova narrazione che ci porti a comprendere che il post Covid-19 dovrà fondarsi su una maggiore consapevolezza di quanto la velocità a cui siamo abituati a viaggiare ci stia facendo perdere di vista la natura del viaggio stesso». Dopotutto, «un semplice virus ci ha mostrato che la destinazione che ambivamo a raggiungere era tutt’altro che sicura e confortevole» (ibidem). 

Note


[1] Ho anticipato la discussione di questi temi nella Rubrica di gennaio 2024 sulla Rivista Formiche (n. !98/2024), “Che c’è di nuovo nella comunicazione”.

[2] Cfr. M. Morcellini, L’essenziale è visibile agli occhi. Una riflessione radicale sulla comunicazione, Editoriale Scientifica, Napoli 2018.

[3] Cfr. M. Morcellini, “Media. Effetto post-Covid”, in Formiche n.199 (febbraio 2024) e “Che c’è di nuovo nella comunicazione”, in Formiche n. 198 (gennaio 2024).

[4] Cfr. A. Campi, “Crisi di consensi / Il prestigio perduto della (finta) realtà social” (Il Messaggero, 28 dicembre 2023).

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3