le misure

Poca intelligenza artificiale nei programmi elettorali: le strategie per un vero cambio di passo

Nei programmi delle principali liste i riferimenti all’intelligenza artificiale sono piuttosto marginali quanto generici. Sono invece tante le misure che servirebbero per una strategia italiana per l’AI degna di questo nome. Ecco le tre principali

15 Set 2022
Stefano da Empoli

presidente dell’Istituto per la Competitività (I-Com)

digital intelligenza

In una campagna elettorale poco concentrata sui contenuti, non sorprende che di intelligenza artificiale (AI) si sia parlato poco o nulla.

La boutade del Ministero per l’intelligenza artificiale a Milano

L’unica occasione nella quale l’AI è entrata nel dibattito politico del giorno è stata in occasione del convegno annuale organizzato da Ambrosetti a Cernobbio, quando il 4 settembre si sono confrontati i leader dei principali partiti e il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha proposto di portare a Milano il Ministero per l’intelligenza artificiale, l’innovazione e la digitalizzazione. Un Ministero che peraltro oggi non esiste, o meglio si chiama attualmente Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, e di intelligenza artificiale non si è poi occupato moltissimo finora.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

PA digitale: tutti i tasselli che devono andare a posto nel 2022

Dunque, ben venga immaginarne una ridenominazione, anche se non appare questo il problema principale. Maggiori perplessità induce lo spostamento da Roma, pur ancorandosi a motivazioni in apparenza sensate (in primis, la vicinanza alle imprese e alla ricerca industriale). Il Ministero non è infatti né un’authority indipendente né una società in house e deve necessariamente dialogare innanzitutto con le altre componenti di Governo e con il Parlamento. E per farlo efficacemente essere a Roma è certamente un vantaggio, pena essere considerato un Ministero di serie B. Per dirla alla romana, trasferire il Ministero a Milano vorrebbe dire, in termini pratici, rifilare alla capitale economica (ma anche ai destini dell’AI in Italia) una bella sòla.

La poca “intelligenza” dei programmi elettorali

Al di là delle boutade di inizio settembre, nei programmi delle principali liste ci sono riferimenti all’AI piuttosto marginali quanto generici.

Ruolo dei dati e ITS

Il Movimento 5 Stelle e il Terzo Polo e ipotizzano fondi di investimento per le tecnologie, tra le quali l’AI. Sul ruolo dei dati si soffermano sia il M5S che il PD ma più in una logica di tutela della privacy e dell’eventuale monetizzazione da parte degli utenti che di vere applicazioni AI. Più o meno tutti si dichiarano a favore del rafforzamento degli ITS per formare “più tecnologi del futuro” ma in generale senza fornire molti dettagli. Forza Italia propone l’introduzione del coding a scuola.

AI Act

Il PD fa un esplicito riferimento al regolamento europeo sull’AI attualmente in discussione a Bruxelles per enfatizzarne i possibili usi malevoli, da mettere al bando (dai software di sorveglianza e riconoscimento biometrico in luoghi pubblici ai sistemi di scoring sociale e all’impiego di sistemi di riconoscimento emotivo). Più in positivo, il Terzo Polo propone una sandbox normativa per semplificare le attività delle startup, senza riferirla esplicitamente all’AI. Ma è proprio rispetto al Regolamento sull’AI che ferve il dibattito sull’ampiezza delle sandbox, almeno a livello europeo (con buoni progressi in vista).

Use case dell’AI

Infine, rispetto ai possibili use case dell’AI, che ricordiamo si tratta di una famiglia di tecnologie trasversali a tanti possibili campi di applicazione, vengono citati l’agricoltura di precisione (Lega e PD), la smart mobility (Forza Italia e PD), nonché l’efficienza energetica (PD e Terzo Polo).

L’AI nella PA

La Lega propone con enfasi di introdurre l’uso dell’AI nella PA, per automatizzare i processi decisionali binari (del tipo si/no), applicandola in particolare ai contratti e agli appalti pubblici. Un modo per accelerare procedure massive spesso ferme al palo a causa dell’overload amministrativo. Si tratta di una buona idea, aggiungiamo noi, purché avvenga secondo garanzie di imparzialità e trasparenza, coerentemente con i contenuti del regolamento europeo in discussione e con i principi di funzionamento delle amministrazioni pubbliche. Si potrebbe immaginare qualche prima sperimentazione controllata, nel caso da estendere successivamente in caso di successo.

La Strategia italiana per l’AI

Il Terzo Polo è tuttavia l’unica formazione a evocare esplicitamente la Strategia italiana per l’AI, chiedendo di darne piena implementazione, costituendo un’unità dedicata nel Ministero per l’innovazione tecnologica e prevedendo un coordinamento interministeriale.

Le misure prioritarie di cui ci sarebbe più bisogno (e che mancano nei programmi)

Sono tante le misure che servirebbero per un cambio di passo verso una strategia italiana per l’AI degna di questo nome. A mio avviso sono tuttavia 3 le principali, di cui purtroppo si trova poca traccia nei programmi elettorali.

La Piattaforma Digitale Nazionale Dati

Nel PNRR, che pure è stata finora una grande occasione mancata per accelerare l’attuazione di una strategia nazionale per l’AI, è contenuto il progetto di Piattaforma Digitale Nazionale Dati (PDND), che sarà gestita da PagoPA. Si tratta di un’occasione importante per valorizzare l’enorme patrimonio di dati in possesso della PA, grazie all’interoperabilità dei sistemi informativi e delle banche dati dei diversi enti. Perché esprima pienamente il suo valore, la grande sfida sarebbe quella di aprirla quanto prima (naturalmente, nel rispetto della privacy e della sicurezza) all’uso di soggetti esterni (anche a pagamento qualora questo avvenisse per fini commerciali). Inoltre, occorre che il vagone del PPND viaggi in parallelo con la creazione dei dataspace europei, previsti dalla Strategia europea dei dati, integrandosi con questi e anzi esercitando un ruolo proattivo.

Un Istituto nazionale per l’AI

Piuttosto che trasferire a Milano un Ministero per l’AI, per convogliare e coordinare le tante eccellenze presenti nel nostro Paese, rimane un’esigenza utile far nascere, perché no lontano da Roma, un Istituto nazionale per l’AI, sul modello dell’Alan Turing Institute britannico. Era questa una delle principali proposte della task force che lavorò anni addietro alla Strategia italiana ma, dopo che il Governo Conte II ne annunciò la sede a Torino, non se ne seppe più nulla. In questo caso, la vicinanza al mondo produttivo e della ricerca sarebbe certamente un plus e dunque una collocazione nel triangolo Milano-Bologna-Torino pienamente in linea, anche per evitare di farne un inutile carrozzone.

Infine, il PNRR, pur prevedendo molte risorse per le competenze, non mette in campo una vera e propria Strategia per le skill digitali, al contrario di un Paese come la Spagna (che pure riceve molti meno finanziamenti del nostro, avendo rinunciato ai prestiti). Per l’AI, serve certamente un disegno organico, che operi sia sulle competenze di base che su quelle specialistiche, in mancanza del quale appare difficile trasformare il sistema formativo adeguandolo alle nuove esigenze, a fronte dei tanti blocchi del sistema.

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3