social e democrazia

Proteste organizzate via chat, così i regimi controllano e reprimono

In un contesto democratico, social e app di messaggistica sono strumenti formidabili per coordinare le proteste, condividere immagini, diffondere informazioni. Le cose cambiano nei regimi repressivi, dove queste app sono bandite, controllate o bloccate. Vediamo con quali conseguenze

27 Giu 2019
Alberto Berretti

Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ingegneria Informatica, Università di Tor Vergata

A protester faces soldiers near the Pentagon on October 21, 1967Credit Marc Riboud/Magnum Photos

I social network sono considerati strumenti di primo piano nell’organizzazione e nella gestione delle proteste di massa, come quelle delle scorse settimane a Hong Kong. Il problema, spesso sottovalutato, però è che questi strumenti aprono anche una nuova era nella repressione delle proteste di massa. 

Con quali modalità e strumenti lo vediamo di seguito, cercando di esaminare i punti deboli delle app di messaggistica più utilizzate.

Le proteste di Hong Kong

Come era facilmente prevedibile, anche le proteste delle scorse settimane ad Hong Kong hanno visto un ampio uso da parte dei manifestanti non solo dei social media tradizionali, ma anche delle applicazioni di messaging, per coordinare le proteste, per condividere immagini, per diffondere informazioni.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Sottolineo “come era facilmente prevedibile”. Viviamo nell’epoca in cui la maggior parte di noi usa questi strumenti per comunicare quotidianamente, e se una protesta delle dimensioni e dell’importanza di quella di Hong Kong nasce, è assolutamente ovvio e naturale che vengano utilizzati gli strumenti di comunicazione utilizzati in tutti gli altri contesti. Semmai in queste occasioni abbiamo modo di toccare con mano quanto l’Est sia tecnologicamente avanzato su vasta scala.

Messaging e democrazia

Noi siamo abituati a pensare ad un contesto politico sostanzialmente democratico, in cui è possibile avere lo smartphone che vuoi, installarci le app che vuoi ed utilizzarle come vuoi. Questo è sostanzialmente anche il contesto di Hong Kong: qui vige una specie di democrazia politica limitata, ma è in vigore un regime multipartitico e vi è una magistratura indipendente che segue il principio delle common law britannica. In altri contesti, non vi è nemmeno la possibilità di installare o utilizzare queste app, perché sono bandite dal paese o la comunicazione viene controllata e bloccata dai firewall che controllano le comunicazioni nel paese. Provate ad esempio ad organizzare una protesta in Cina utilizzando WeChat, e poi ne riparliamo.

Dico che l’utilizzo di queste app apre anche una nuova era nella repressione delle proteste di massa perché ad esempio una delle più popolari app utilizzata dai manifestanti (e cioè Telegram, che ha l’opzione di inviare messaggi cifrati che si autocancellano dopo un tempo prefissato, e che possiede i “Canali” – vagamente simili ai gruppi WhatsApp ma che non divulgano il numero di telefono dei membri) ha subito pesanti attacchi di Denial of Service proveniendi da indirizzi IP della Republlica Popolare Cinese.

App di messagistica, strumenti di lotta e repressione

Pavel Durov, l’autore di Telegram, intervistato dal South China Morning Post  ha parlato di attacchi da 200-400 Gigabit/sec, quindi attacchi di dimensione assolutamente non banale. Dal momento che l’app di messaging diventa (con un linguaggio un po’ da anni ’70…) uno strumento di lotta, diventa anche un target per i governi autoritari.

Se quasi tutte le app in questa categoria oggi permettono – o hanno per default – comunicazioni cifrate, le autorità possono sempre accedere ai metadati e ai dati di traffico (sostanzialmente chi comunica con chi quando e dove, ed eventualmente anche chi ha in rubrica chi), il che rende l’utilizzo sicuro di tali applicazioni un tantino più complesso di quello che sembra: tanto che Ivan Ip, studente di 22 anni amministratore del canale Telegram @parade69 (un canale da 30000 mila utenti) dove sono state condivise informazioni sulle manifestazioni, è stato arrestato qualche giorno fa.

La vicenda di Ivan Ip ha spinto in effetti i manifestanti ad assumere un atteggiamento più attento e meno disinvolto nell’utilizzo degli strumenti digitali di comunicazione.

Tutti i punti critici della privacy Whatsapp

Se WhatsApp utilizza il medesimo protocollo di Signal, applicazione ritenuta altamente sicura per la cifratura delle comunicazioni, pochi sanno ad esempio che su Android WhatsApp fa il backup delle chat su Google Drive in chiaro. Inoltre WhatsApp ha almeno altri due problemi che ne rendono l’utilizzo abbastanza discutibile in questi contesti.

Innanzitutto, il numero di telefono dell’utente appare ovunque nelle comunicazioni WhatsApp: questo è un difetto fondamentale. Se vado su un gruppo WhatsApp so immediatamente tutti i numeri di telefono dei membri, ad esempio. Inoltre, il codice di WhatsApp non è noto e quindi circa l’implementazione del protocollo Signal dobbiamo fidarci della parola di chi ha sviluppato il software.

I problemi di Telegram e il “caso” Firechat

Ma anche Telegram, pur così popolare tra i manifestanti di Hong Kong, ha la sua buona dose di problemi, ben riassunta in un post del noto esperto di sicurezza informatica che utilizza il nickname “The Grugq”. Qui i problemi sono molteplici: si va da un protocollo crittografico confuso, al fatto che per default i messaggi non sono cifrati e vengono conservati sui server di Telegram. Ma almeno parte del codice sorgente è noto e nessuno è stato in grado di aggiudicarsi i 300 mila dollari messi in palio da Pavel Durov per chi fosse riuscito a rompere la crittografia di Telegram.

Leggermente diverso il caso di Firechat, un’applicazione che permette di comunicare utilizzando reti ad hoc costruite con collegamenti bluetooth o wifi “volanti”. In questo caso non viene utilizzata per nulla l’infrastruttura di rete pubblica e le autorità non hanno modo, in linea di principio, di intercettare le comunicazioni. Ma questo funziona bene solo in contesti in cui la densità della popolazione ed il tasso di penetrazione dell’app sono sufficientemente elevati, il che è peraltro il caso di Hong Kong.

Dove non arriva il cyberattacco arriva il malware

Dove non arriva il cyberattacco, la censura o il denial of service, può comunque arrivare il malware, come l’esperienza sempre di Hong Kong nel 2014 dimostra: allora fu utilizzata WhatsApp per attacchi di phishing verso i manifestanti, tentando di spingerli ad installare un’app in grado di spiarne le attività.

Mettendosi un istante nei panni dei manifestanti, si capisce immediatamente come un’eccessiva fiducia in uno strumento tecnologico digitale, come tale intrinsecamente opaco, rischia di favorire pericolose cadute nella gestione della sicurezza operativa (OPSEC) che, in regimi autoritari, possono avere conseguenze anche gravi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4