Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Ragosa (Agid): “Avanti con il piano per la formazione digitale”

30 Gen 2014

30 gennaio 2014

Stiamo portando avanti il piano per la formazione al digitale, con Confindustria e i sindacati. E’ un piano a vasto raggio. Definirà le nuove figure professionali contrattuali richieste dall’Europa con l’e-CF e orienterà i piani formativi in questo senso, con secifici fondi. Entro marzo prevedo di pubblicare il documento del piano.

Lo Statuto dell’Agenzia arriverà a breve, ci aspettiamo l’ok della Corte dei Conti per fine settimana, ma stiamo andando avanti lo stesso su tanti fronti: tra le altre cose, le tre priorità del Governo, la gara sul cloud, la piattaforma per gli incassi della Pa. E’ imminente il decreto sull’identità digitale, su cui abbiamo ricevuto l’ok da Bruxelles.

 

  • Attilio A. Romita

    E’ corretto favorire lo sviluppo di competenze digitali che permettano di costruire e fornire servizi efficenti.
    E’ corretto favorire lo sviluppo di reti fisiche fisse e mobili sempre più veloci.
    I numeri di Between, aggiungendo il satellite, ci dicono che siamo messi realisticamente molto bene.
    Purtroppo tutta questa disponibilità di rete è inutilizzata al 50% perchè sono tanti quelli che NON SANNO usare la Rete e non per difficoltà reali, ma per ignoranza pratica ed è questo il vero Digital Divide italiano, non gap tecnologico, ma gap culturale.
    Pensiamoci bene prima di costruire, e quindi spendere gli scarsi fondi, dal lato fornitura e poi ….nessuno la usa.
    Molte statistiche dicono che la PA italiana è in grado di fornire ottimi servizi digitali.
    Una rete decente per usarli esiste (vedi evidenze Between sulla Banda Larga).
    Pochi cittadini usano i servizi peche sono pochi quelli che SANNO COME USARLI.

  • Mario Grasso

    Spett.le redazione,

    c’è un refuso da correggere nel vostro articolo. Si tratta del link all’Ecf che porta a un sito lontano dall’originale e-CF (si scrive così).

    Il link corretto è il seguente: http://www.ecompetences.eu/

    Se può interessarvi, in Italia esiste da poco più di una settimana http://www.jobict.it, la prima piattaforma di job matching nel settore ICT basata proprio sull’e-CF.

    Cordiali saluti e buon lavoro.

Articoli correlati