società digitale

Selfie 0.5, il tormentone dell’estate per la generazione Z

In una estate torrida e costellata da molte e serie problematiche – dalla guerra alla siccità, passando da omicron 5 – si passa del tempo anche a discettare di Selfie 0.5. Una tendenza che riporta al primo cinema, quello degli esordi e poi della realtà in presa diretta. Una moda? Vedremo quanto durerà

08 Lug 2022
Nicola Strizzolo

docente sociologo Università di Udine

selfie-465563_1280

Mentre parte delle riserve idriche potabili in Italia, come nel mondo, viaggiano a rotta di collo verso il loro esaurimento, mentre due Paesi, storicamente neutrali, come la Svezia e la Finlandia, scivolano come pedine di un domino, dopo il sì della pacifica Turchia, dentro la Nato, e con il fiato sospeso cerchiamo di vedere se in fondo alle tessere ci sia un qualche pulsante rosso, e mentre l’ultima versione del Covid, la Omicron 5, tira di più qualsiasi tormentone estivo tanto da poter prevedere che non tramonterà alla fine dell’estate, la parte più spaccona d’Italia discute su quanto cafona o meno sia la pizza con il patanegra, quella più glamour disserta su un nuovo modo di fare i selfie, il tutto corredato da lezioni di corsivo parlato.

Dal sé al selfie: gli influencer tra narcisismo e neoliberalismo (e tanto business)

Da sociologo dei processi culturali vedo l’inutile e il faceto risorgere a fianco della tragedia, che se prolungata, diventano ansiolitiche vie di fuga ed un modo per esorcizzare la drammaticità dei tempi e restaurare così, attraverso leggerezza e loisir, la normalità dei veglioni Made by Rag. Filini.

E proprio perché da studioso mi occupo di comunicazione e perché l’eccezionale calura, che rende difficile il respiro, insieme alle catastrofi psico cosmiche dei notiziari, non fanno che portarmi al panico, scelgo la via dell’inutile e del faceto e parlerò, in questo articolo estivo, dei Selfie 0.5 (senza sottovalutare, per questo, i capodanni fantozziani, citazione pop de Il posto di Olmi).

Il tormentone dei selfie 0.5

Probabilmente, Kalley Huang, la giornalista che ha reso celebre queste tipologie di foto, attraverso l’articolo del 23 giugno sul New York Times, si sarà trovata in una situazione non dissimile di quello dello scrivente, con l’aggiunta di una stringente urgenza di trovare un tema per un articolo.

Huang ha puntato così su questa modalità di farsi la foto attraverso il grandangolare sul cellulare, ora chiamati “point five” perché “0.5x” è il nome del grandangolo nell’iPhone ottenendo immagini distorte o deformate: essendo questa camera nel retro del cellulare, non ci si può guardare durante lo scatto.

Non conosciamo effettivamente quanto sia diffusa, ma di certo scrivere di nuovo trend, moda o anche ossessione della Gen Z ha mediaticamente il suo effetto, tanto da rimbalzare sull’italica stampa, dove si cita l’estetica dell’antiestetica, il brutto ma virale, la spontaneità e la minore artificialità, la deformità alla moda, l’approccio caricaturale autoironico fino alla liberazione dalla prigionia di canoni di bellezza imposta dal potere tecnologico al servizio del consumo.

Questa pratica avrebbe anche una sua fondatrice, Julia Herzig, ventiduenne di Larchmont, nello Stato di New York, che rapita dalle muse ispiratrici avrebbe provato per prima questo innovativo metodo fotografico ed in pochi mesi ha trovato la sua bacheca colma di immagini prodotte da epigoni del selfiestilnovo.

Sono poi subito arrivate le docce fredde, salvifiche nella canicola: altri articoli hanno smontato il fenomeno; semmai è stata la stessa stampa a produrre la ricerca del termine e ad alimentare così la tendenza; altri riportano che non si tratta certo di novità, poiché il grandangolare è in dotazione agli smartphone dal 2019 e già, nella fotografia tradizionale, le esperienze con il grandangolare non sono mancate.

Dal mio punto di vista: la voglia di originalità e immediatezza, già riscontrata in estese ricerche[1], queste sì scientifiche per l’impianto metodologico e l’estensione del campione, hanno messo in evidenza come la ricerca di spontaneità manifesta – e dunque non improvvisata – sia una delle etichette richieste dai social per ottenere follower e gradimento.

A questo, posso aggiungere una divisione che perdura dalla nascita del cinema[2]:

  • da una parte, i fratelli Lumière, che ponevano la telecamera lì dove gli eventi accadevano, il grado 0 del cinema, rappresentato dal pedinamento e inseguimento della realtà nel Neorealismo (soprattutto dove si usavano attori non professionisti e in alcuni casi, letteralmente incontrati per strada, come Carlo Battisti in Umberto D. di De Sica), nei documentari con presa diretta sulla realtà e in quelle riprese cinematografiche che la vogliono evocare (es. la camera tenuta a mano durante scene di azione).
  • dall’altra, la reinterpretazione della realtà, attraverso un arricchito linguaggio cinematografico, con le sue specifiche regole, tecniche, ed effetti speciali. Il prodromo fu Georges Méliès, illusionista e prestigiatore, che copiò grazie al suo ingegnere la macchina da presa che non volevano vendergli, introdusse così il montaggio con gli effetti speciali fino a portare, per primo nel cinema, l’uomo sulla luna. Maestro sognatore di questa scrittura fu sicuramente Fellini, regista fantasmagorico e circense, che non solo giocava con la fantasia nel cinema ma anche con il cinema della fantasia.

Conclusioni

I selfie 0.5 si avvicinerebbero così al primo cinema, quello degli esordi e poi della realtà in presa diretta. Ma che questa sia una tendenza, moda o ossessione, pare poco assodato.

Infine, che cosa vogliano i giovani attraverso questa pratica esprimere e quali le ragioni profonde? Non è ho assolutamente idea.

Posso solo prevedere che il tempo per una seria indagine per approfondire il fenomeno potrebbe durare più del fenomeno stesso e che probabilmente l’O. (Omicron) 5 inciderà sulle nostre vite più dello 0.5 Selfie.

Una sola cosa è certa: il “point five” conduce all’iPhone, questa è una grande pubblicità per il brand, per confermare così creatività e stile della sua comunità.

Note

    1. Boccia Artieri, G. & Gemini, L. & Pasquali, F. & Carlo, S. & Farci, M. & Pedroni M. (2017). Fenomenologia dei Social Network. Presenza, relazioni e consumi mediali degli italiani online. Milano: Guerini Scientifica.
    1. Rondolino G., Tomasi D. (2018), Manuale del film: linguaggio, racconto, analisi. Torino: Utet.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4