Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Data protection UE

Soro (Garante Privacy): “La normativa passi nonostante le lobby Usa”

di Antonello Soro, Garante Privacy

13 Mar 2014

13 marzo 2014

Alcuni Paesi membri stanno ostacolando l’approvazione delle nuove regole privacy. Ignorando le volontà di cittadini e imprese europee. Attenzione: il progetto di riforma europeo può rappresentare un punto di riferimento per tutto il resto del mondo

La proposta ambiziosa della Commissione di revisione dell’intero quadro normativo in tema di protezione dei dati personali si è rafforzata nel tempo, soprattutto alla luce delle rivelazioni in tema di spionaggio informatico.

Tra i cittadini, così come tra le imprese, è ormai condiviso l’obiettivo di creare un quadro armonizzato di principi per garantire che la protezione dei dati rimanga al passo delle tecnologie continuamente emergenti e dei nuovi modelli economici che poggiano, in modo esclusivo, sulla raccolta, analisi e circolazione dei dati.

Forti sono state, almeno sino ad ora, le pressioni delle lobby – e degli OTT in particolare che generano in Europa circa un terzo del loro fatturato – per ridimensionare la proposta che vorrebbe assicurare a 500 milioni di potenziali utenti europei la possibilità di avere un maggior controllo sui loro dati ed alle imprese di superare l’asimmetria normativa che compromette la concorrenza in favore di multinazionali con sede extra-ue.

La paura di chi si oppone al progetto di riforma è che i nuovi standard  – tra tutti l’applicabilità extra territoriale delle norme, l’obbligo di richiedere il consenso esplicito degli utenti, il diritto all’oblio, le sanzioni economiche – possano di fatto ostacolare  le aziende extra UE. Non solo, ma anche le opportunità offerte dalle tecnologie per perseguire un controllo generalizzato, preventivo e pervasivo, spesso giustificato da generiche finalità di sicurezza nazionale o lotta al terrorismo, sono destinate, con le nuove  norme, ad essere ricondotte nell’ambito di una cornice di principi e garanzie democratiche.  

Di fronte a questi scenari, si registra tuttavia una debole volontà dei Governi ad assecondare le forti spinte che provengono dai cittadini e dalle imprese e ancora numerose sono le riserve sollevate sul testo da alcuni Paesi membri. Il rischio concreto da evitare è che un atteggiamento politico orientato alla prudenza possa in questa fase indebolire l’intera discussione, mentre il progetto di riforma europeo ha possibilità di rappresentare un punto di riferimento per tutto il resto del mondo.

  • ComputArte

    Ancora si cincischia su come , quanto e perchè la privacy debba essere protetta! E’ assurdo che si ponga in dubbio un diritto sacrosanto! Se le OTT vogliono i nostri dati, LI DEVONO COMPRARE E PAGARE BENE! altrimenti ciccia!
    Ma soprattutto chi non vuole venderli, deve avere il diritto di NON ESSERE SPIATO!

  • Attilio A. Romita

    Su questo stesso numero di Agenda Digitale due pareri contrastanti, o quantomeno disallineati, di autorevoli esperti su le possibili regole europee su DATA PROTECTION:
    Antonello Soro, Garante Privacy dice: “ ….. Attenzione: il progetto di riforma europeo può rappresentare un punto di riferimento per tutto il resto del mondo ….”
    Schiavoni (Ovum): dice “Dalla normativa privacy Ue caos e costi per le pmi …… Ecco tutte le criticità del regolamento che sta per passare al Parlamento europeo ”
    L’eccesso di cure rischia di avvelenare il paziente, la mancanza di cure rischia di far vincere il male ….e noi continuiamo ad essere contenti per un’inutile difesa della privacy fatta di inutili firme di accettazione in calce ad inutili moduli.

Articoli correlati