meta-intelligenza

Come l’AI aiuta a sviluppare il talento creativo



Indirizzo copiato

Le nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale, possono contribuire allo sviluppo del talento creativo, ma come? Serve pertanto una riflessione approfondita sul concetto di talento da diverse prospettive, tra cui la formazione, l’educazione e le sfide legate alla privacy dei dati e alla sicurezza

Pubblicato il 10 nov 2023

Fabio De Felice

Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

Antonella Petrillo

Università degli Studi di Napoli “Parthenope”



artificial-intelligence-4736369_960_720

Da anni si cerca di dare una risposta alla domanda se “il talento è innato o sviluppato attraverso l’esperienza e l’ambiente”. La domanda che ci poniamo oggi è: L’apprendimento in ambienti “personalizzati”, tramite algoritmi di intelligenza artificiale, può favorire il pensiero creativo e lo sviluppo di talenti?”

Talento, creatività e intelligenza artificiale

Oggi il consenso è pressochè generale e indiscutibile: il talento è un elemento determinante del successo di individui ed organizzazioni in tutto il mondo. Più o meno tutti sono alla ricerca del talento negli altri e vogliono dimostrare il proprio. Tutti vogliamo lavorare con persone di talento. E’ un ottimo modo per sviluppare anche il nostro talento. Scoprire e valorizzare un talento latente, farlo crescere rappresenta, in definitiva, una delle sfide più gratificanti e significative della missione educativa oltre che della missione che dovrebbe avere qualsiasi società.

La domanda se si nasca talentuosi o si diventi persone di talento è stata oggetto di dibattito filosofico e scientifico per molto tempo. Filosofi come John Locke sostenevano l’ambientalismo, affermando che la mente umana è una “tabula rasa” alla nascita e che l’esperienza modella il talento come si può ben leggere dal suo Saggio sull’intelletto: «Donde [l’intelletto] ha tratto tutti questi materiali della ragione e della conoscenza? Rispondo con una sola parola: dall’esperienza.

È questo il fondamento di tutte le nostre conoscenze; da qui esse traggono la loro prima origine.» (Saggio sull’intelletto umano, libro II, cap. I). Secondo il vocabolario Treccani per talènto s. m. [da talènto1 si intende l’Ingegno, la predisposizione, la capacità e le doti intellettuali rilevanti, in quanto naturali e intese a particolari attività. Alcune volte si confonde il talento con la genialità.

Ma di fatto sono due corse diverse o meglio la genialità può essere definita come la capacità innata di “creare” dal nulla, mentre avere un talento è più che altro la predisposizione a “trasformare” nella maniera migliore ciò che esiste nel presente. Sono tante e diverse le definizioni di talento. Basti pensare che secondo uno studio condotto dalla Gallup, Inc., nota società americana di analisi e consulenza con sede a Washington, sono stati identificati 34 “temperamenti tematici” o “talenti”. Individuare una persona talentuosa può essere un processo complesso e soggettivo, poiché i talenti possono variare notevolmente tra individui e sono spesso influenzati dal contesto e dalle esigenze specifiche. Tuttavia, ci sono alcuni parametri che possono aiutare ad individuare il talento: Fantasia; Inventiva; Creatività; Curiosità (Figura 1).

Image

Figura 1: Rappresentazione della 4 sfere del Talento: Fantasia, Inventiva, Creatività, Curiosità (elaborazione degli autori tramite algoritmo di intelligenza artificiale text to image)

Vogliamo soffermarci su un tipo specifico di talento, il talento creativo ovvero quel tipo di talento che si manifesta attraverso la creatività, l’immaginazione e l’abilità di pensare fuori dagli schemi per creare qualcosa di nuovo, unico o significativo. Un talento che grazie alla capacità di immaginare un futuro diverso genera nuove idee, capaciti di far “accadere” le cose.

Una cosa è certa, trovare i talenti richiede un processo di scoperta che può variare a seconda del campo di interesse e delle capacità in questione. Moltissimi cercano talenti che spesso non riescono a trovare. Molti pensano di aver trovato un “potenziale” talento che spesso non crea valore all’interno di un’organizzazione. Secondo The Conference Board, think tank fondato a New York nel 1916 come National Industrial Conference Board (NICB) da un gruppo di amministratori delegati preoccupati per l’impatto delle problematiche legate al posto di lavoro sulle imprese, il tema della ricerca dei talenti è in cima ai pensieri di amministratori delegati e cariche aziendali. Oggi la società rappresenta una delle “fonte più attendibile di statistiche e tendenze imparziale, seconda solo forse al Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti”.

Naturalmente la ricerca di talenti non è soltanto un problema di posti di lavoro.

Se da un lato nell’acquisizione di talenti l’utilizzo di piattaforme di intelligenza artificiale generativa sembrano essere un strumento potenziale dall’altro vogliamo affrontare la problematica da una prospettiva diversa ovvero “è possibile sviluppare il talento attraverso l’intelligenza artificiale e le nuove tecnologie? È possibile sviluppare quella scintilla creativa che rende le persone uniche nella sfera lavorativa ma anche nella sfera personale?

L’utilità pratica di tutto ciò è che scoprire un talento fino ad oggi sottovalutato procura notevoli vantaggi, sia come persona sia come organizzazione. Riuscire a cogliere il vero valore di ognuno di noi è il presupposto per creare non solo un team unico e motivato ma anche un individuo integrato in un mondo sempre più complesso, psicologicamente avanzato.

L’esempio de “L’attimo fuggente”

Uscito nel lontano 1989, “L’attimo fuggente” (titolo originale Dead Poets Society) è un film toccante ed ancora oggi ispiratore. Il film diretto da Peter Weir e scritto da Tom Schulman è ambientato nella Welton Academy, un prestigioso collegio. Racconta la storia di un insegnante di letteratura, John Keating, interpretato da Robin Williams che incoraggia i suoi studenti a “cogliere l’attimo” e a vivere la vita in modo significativo, distinguendosi dagli altri. “O Capitano! Mio Capitano!” è una frase tratta dalla poesia di Walt Whitman dedicata al presidente americano Abraham Lincoln ma divenuta celebre proprio grazie al film in cui ha significato simbolico: il Prof. Keating, insegnante influente e carismatico, riesce ad influenzare in modo significativo il processo di sviluppo del talento dei suoi studenti attraverso l’educazione, la guida ed il potere dell’ispirazione.

“L’attimo fuggente” è il film che ha voluto trasmettere molto, promuovendo l’importanza della ricerca della passione personale come componenti essenziali del percorso di sviluppo del talento.

È una storia potente che ha influenzato diverse generazioni perché, Keating attraverso un approccio didattico originale, celebra l’importanza della passione, dell’arte e dell’autenticità nella vita, mettendo in luce l’importanza di sviluppare nei giovani studenti la Fantasia, l’Inventiva la Creatività e la Curiosità. Il film ci invita a riflettere anche su un concetto chiave ovvero che per sviluppare il proprio talento, è utile considerare diverse prospettive e approcci per scoprire nuove opportunità, a imparare in modo continuo, a collaborare efficacemente e ad adattarti alle sfide.

Figura 2: Alcune immagini ispirate dal film “L’attimo fuggente” (elaborazione degli autori tramite algoritmo di intelligenza artificiale text to image)

Il film, in definitiva, è un vero e proprio inno alla creatività, all’importanza dello sviluppo del talento partendo dalla consapevolezza che la scarsità di talento si riflette anche a livello macroeconomico, in un modo globalizzato. Mai prima di oggi ci sono talenti che attendono di essere scoperti. Nella nostra società globalizzata la tecnologia è diventata ormai parte integrante di ogni aspetto della nostra vita.

È difficile pensare che questo processo di cambiamento non stia influenzando anche il modo di apprendere e non possa essere “sfruttato” per promuovere un apprendimento significativo per sviluppare nuovi talenti. In questo senso, l’intelligenza artificiale sta rivoluzionando l’esperienza didattica in molti modi personalizzando l’apprendimento, adattandolo alle esigenze individuali degli studenti, rendendo così l’istruzione più efficace ed inclusiva. In altre parole, la realtà virtuale ed aumentata, supportate dall’AI, possono consentire agli studenti di immergersi in esperienze di apprendimento interattive e coinvolgenti.

Modello moltiplicativo del successo: bias, euristiche e talento

Bias, euristiche e talento sono concetti interconnessi che possono influenzare la percezione e la valutazione delle abilità e delle capacità degli individui. Troppe volte siamo influenzati da un’idea iniziale che polarizza la nostra attenzione ed impedisce un’analisi del problema. Pochi di noi riescono a svincolarsi da questo dominio. A volte capita di trovarsi di fronte a problemi che sono apparentemente senza soluzione o che sembrano offrire dati insufficenti per proter trarre delle conclusioni. Altre volte, in balia di stanchezza e stress, tendiamo ad analizzare i problemi nella maniera più semplice possibile, affidandoci a scorciatoie di pensiero chiamate “Euristiche”. Tuttavia, l’analisi del problema è il vero problema. I dati sbagliati in entrata danno dati sbagliati in uscita (bias cognitivo). I bias cognitivi influenzano la nostra percezione, la nostra presa di decisione e il nostro giudizio (Tabella 1). Questi bias possono portare a conclusioni distorte o irrazionali. Esempi di bias cognitivi includono il bias di conferma (tendenza a cercare informazioni che confermano le nostre convinzioni), l’effetto Dunning-Kruger (sovraestimare le proprie capacità) e l’effetto di ancoraggio (essere influenzati da valori di riferimento iniziali).

Tabella 1: Classificazione delle diverse tipologie di Bias Cognitivi

Tipologia di Bias

Effetto

Errori sistematici

Bias di conferma

La tendenza a cercare, interpretare e ricordare le informazioni in modo da confermare le nostre convinzioni preesistenti

Ignorare o sottovalutare le informazioni che non supportano le nostre opinioni o credenze.

Bias di disponibilità

Dare maggior peso alle informazioni più facilmente accessibili o ricordabili

Creare false memorie basate su informazioni fuorvianti o distorte

Bias di ancoraggio e aggiustamento

Essere influenzati da un numero o un valore di riferimento iniziale nella valutazione di informazioni successive

Non aggiornare in modo sufficiente le stime o le valutazioni iniziali quando nuove informazioni diventano disponibili

Bias di attribuzione

Tendere a spiegare il comportamento degli altri in termini di tratti di personalità anziché in base al contesto

Giudicare un individuo in base agli stereotipi del suo gruppo di appartenenza

Bias di sovrastima della consapevolezza di sé

Sovrastimare le proprie capacità o conoscenze in un determinato campo, spesso in modo inversamente proporzionale alle proprie abilità reali

Sopravvalutare la frequenza con cui gli altri condividono le nostre opinioni o credenze

Bias di prospettiva

Sopravvalutare la probabilità di esiti positivi futuri e sottostimare i rischi

Dare un valore eccessivo agli oggetti o alle situazioni di proprietà personale

Bias di status quo

Tendere a mantenere le attuali preferenze o scelte invece di considerare alternativ

Preferire l’opzione predefinita o attuale senza considerare alternative

Bias di conferma sociale

Adottare le opinioni o i comportamenti della maggioranza per evitare l’isolamento sociale

Seguire una tendenza popolare senza esaminare criticamente le proprie convinzioni

Bias di attribuzione di causa

Percepire erroneamente una relazione causa-effetto tra eventi casuali

Credere erroneamente che due eventi siano correlati quando in realtà non lo sono

Bias emotivi

Evitare il rischio per paura di perdere qualcosa, anche se le probabilità sono favorevoli

Prendere decisioni basate sulla paura anziché sui dati oggettivi.

È bene precisare che lo sviluppo del talento richiede una combinazione piuttosto stretta di caratteristiche diverse generando un potente effetto complessivo, vale il cosiddetto modello moltiplicativo del successo. In altre parole, essere persone di talento sembra presupporre un’interazione complessa tra bias, euristiche per il superamento dei pregiudizi o distorsioni cognitive ed errori di valutazione che si possono commettere in un qualsiasi contesto decisionale.

Esperienze didattiche tra ai e metaverso: talento di nascita, talento di professione

L’esperienza fornisce una base di conoscenza e competenze che possono essere applicate in modo creativo per affrontare sfide e risolvere problemi in una varietà di contesti. Grazie all’esperienza, è infatti, più probabile riconoscere i modelli ricorrenti nei problemi oppure comprendere meglio le conseguenze delle diverse azioni e decisioni. Ma se l’esperienza non è ben guidata ed indirizzata, anziché favorirci, essa stessa rappresenta a sua volta un ostacolo alla soluzione dei problemi, irrigidendo il pensiero entro determinati schemi funzionali. Il pensiero laterale, così come definito da Edward de Bono, può essere utilizzato per sfidare e superare i bias cognitivi che possono ostacolare “l’intuizione” dell’esperienza aiutando a sviluppare nuove idee aggirando gli sbarramenti dovuti all’influenza polarizzatrice di idee vecchi. Le nuove tecnologie digitali offrono, in questo senso, una vasta gamma di opportunità nell’approcciare i problemi e le sfide in modi non convenzionali e quindi nello sviluppo del talento e della creatività consentendo un apprendimento accessibile a chiunque in modi mai visti prima. Le potenzialità sembrano enormi. Si possono creare ambienti virtuali di apprendimento che consentono di acquisire nuove competenze in modo interattivo. Si può interagire con persone provenienti da diverse parti del mondo, con diverse culture, background e punti di vista. Ci si può immergere nella storia per “dialogare” con personaggi illustri. (Figura 3).

Figura 3: Possibili esperienze didattiche (elaborazione degli autori tramite algoritmo di intelligenza artificiale text to image)

Notizia recente riguarda la possibilità di visualizzare una cellula in 3D mediante l’utilizzo della realtà virtuale. Risultato di uno studio condotto congiuntamente dal Consiglio nazionale delle ricerche – l’Istituto di scienze applicate e sistemi intelligenti ‘E. Caianiello’ (Isasi) e l’Istituto sistemi e tecnologie industriali intelligenti per il manifatturiero avanzato (Stiima) – in collaborazione con il Dipartimento di medicina molecolare e biotecnologie mediche dell’Università degli studi di Napoli Federico II.

Immagine che contiene vestiti, cartone animato, personaDescrizione generata automaticamente

Figura 4: Il metaverso nella scienza. Visualizzare una cellula in 3D (elaborazione degli autori tramite algoritmo di intelligenza artificiale text to image)

Gli studi accademici e le ricerche su questo tema che stiamo conducendo nell’ambito del laboratorio LAPIS (Lean Advanced Production and Industrial Sustainable systems lab – Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope – Figura 5) dimostrano che le esperienze didattiche nel metaverso (Tabella 2) possono svolgere un ruolo importante e significativo nell’aiutare a superare i bias cognitivi e nel supportare lo sviluppo del talento. Possiamo infatti pensare al Metaverso come a un internet immersivo che ci consente di essere “dentro” i contenuti piuttosto che visualizzarli semplicemente.

Figura 5: Esperienza didattica e metaverso (Laboratorio LAPIS)

Tabella 2: Esperienze didattiche nel metaverso

Esperienze diattiche nel Metaverso

Descrizione attività

Esposizione a Diverse Prospettive

Interazione in ambiente immersivo con persone provenienti da diverse culture e punti di vista.

Simulazioni e Apprendimento Basato su Scenari

Creazione di simulazioni e scenari realistici in cui gli studenti possono applicare le proprie competenze e prendere decisioni.

Feedback in Tempo Reale

Feedback immediato agli studenti per correggere gli errori e migliorare le competenze.

Apprendimento Collaborativo

Creazione di ambienti immersivi per facilitare l’apprendimento collaborativo, consentendo agli studenti di lavorare insieme in ambienti virtuali.

Personalizzazione dell’apprendimento

Creazione di ambienti immersivi per offrire opportunità di apprendimento personalizzato, adattando il contenuto e le sfide alle esigenze e al ritmo di ciascuno studente.

L’esperienza può svolgere un ruolo cruciale nello sviluppo del talento, specialmente quando si adotta un approccio orientato a “quello che vedi è quello che ottieni” (WYSIWYG – What You See Is What You Get).

Creare ambienti di apprendimento più coinvolgenti, efficaci ed efficienti includendo nuovi metodi, strumenti, tecnologie e strategie può favorire l’apprendimento e lo sviluppo del talento in cui si può imparare dai successi e dai fallimenti in un mondo immersivo. Sono stati quindi sviluppati ambiente totalmente immersivi per la progettazione e gestione virtuale degli ordini e delle scorte all’interno di un processo industriale accessibile mediante visori per la realtà virtuale (Figura 6). L’utente, sia esso uno studente, un ricercatore, uno supply chain manager può immergersi in un mondo virtuale per collaborare con i fornitori nella progettazione della catena di fornitura.

Figura 6: Esperienza didattica. Il metaverso: Visualizzazione Immersiva ed ottimizzazione dei processi industriali (Laboratorio LAPIS)

Sono stati creati ambienti di formazione virtuali in cui gli studenti possono collaborare globalmente in tempo reale con diversi team di studio distribuiti geograficamente in diverse parti del mondo (Figura 7).

Figura 7: Esperienza didattica. Il metaverso: Formazione e Addestramento. (Laboratorio LAPIS)

Sono stati creati ambienti di formazione virtuali in cui gli studenti possono essere formati ad operare in ambienti virtuali per il Digital Twin per eseguire simulazioni in tempo reale all’interno di uno stabilimento industriale (Figura 8).

Figura 8: Esperienza didattica. Il metaverso: Formazione e Addestramento. (Laboratorio LAPIS)

E’ bene precisare che le esperienze nel “metaverso” sono in continua evoluzione. L’obiettivo finale dovrebbe essere quello di poter disporre di un unico mondo virtuale in cui diverse piattaforme e mondi virtuali possono interagire e comunicare in modo fluido tra loro rendendo il Metaverso più interoperabile. Tuttavia, la sinergia tra Metaverso e Intelligenza Artificiale rappresenta oggi una sfida tecnologica potente e promettente a cui non possiamo restare indifferenti poiché offre sicuramente opportunità significative per lo sviluppo del talento (collaborazione globale, sviluppo di competenze creative, simulazione ed addestramento, apertura mentale, adattamento a scenari diversi, ecc).

Conclusioni

La questione resta di vitale importanza: “il talento è innato o sviluppato attraverso l’esperienza e l’ambiente?” A nostro avviso, le nuove tecnologie possono aiutare a sviluppare il talento inteso come creatività e pensiero critico. Elementi essenziali per fare la differenza (indipendentemente dall’ambito in cui si opera). Uno degli aspetti più interessanti riguarda il “superamento” di alcuni limiti grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale e delle nuove tecnologie. I concetti chiave possono essere riassunti in personalizzazione dell’apprendimento, diversità di esperienze di apprendimento, apprendimento attivo ed approccio basato sul problem solving. L’uso di tecnologie innovative come la realtà virtuale, la realtà aumentata, i dispositivi mobili e le piattaforme online può, quindi, arricchire l’esperienza di apprendimento, rendendola più coinvolgente e stimolante.

Tutto dipende anche da quale tipo di approccio abbiamo nei confronti di questa “novità”. Siamo consapevoli che le nuove tecnologie possono amplificare le nostre capacità di risolvere problemi complessi, promuovere la comprensione e possono, in definitiva, “valorizzare” il talento in modi innovativi. Disponiamo, a nostro avviso, di uno strumento “in più” per allenare il talento. Per potenziare i nostri sensi. È molto probabile che nel prossimo futuro vedremo una crescente collaborazione tra intelligenza artificiale e intelligenza umana per affrontare le sfide future e per “sfruttare” il potenziale dell’IA per migliorare la nostra comprensione del mondo e risolvere problemi complessi. Tuttavia, è importante notare che l’efficacia di queste pratiche dipende dalla loro adeguata implementazione e dal contesto in cui vengono utilizzate nel rispetto dei valori etici. E’ essenziale considerare anche le sfide legate alla privacy dei dati, alla sicurezza e all’equità nell’accesso alle risorse digitali.

Bibliografia

A. Longo, G. Scorza, INTELLIGENZA ARTIFICIALE – Edizione digitale: L’impatto sulle nostre vite, diritti e libertà. Ed. Mondadori, Milano, 2020.

E. Fiorini. Enigmi del pensiero libero. Ed. Amazon, Torino, 2020.

F. De Felice, A. Petrillo. Effetto digitale. Visioni d’impresa e Industria 5.0. Ed. McGraw-Hill Education, Milano, 2021.

T. Cowen, D. Gross. Talento. Come scovare le persone vincenti, creative e piene di energia positiva. Ed. Egea, Milano, 2022.

L. Montagna. Metaverso. Noi e il web 3.0. Ed. Mondadori, Milano, 2022.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3