Oltre la VR

Tecnologia aptica per videogame: la diffusione in ambito intrattenimento e automotive

Le interazioni tattili permettono di porgere la mano in avanti per raccogliere una mela virtuale, riuscendo ad avvertirne concretamente la fisicità. Ma queste tecnologie con feedback tattili hanno un futuro non solo in ambito videoludico ed intrattenimento, ma anche nella sicurezza legata alle auto

Pubblicato il 13 Mar 2023

Maurizio Stochino

Consulente ICT - Esperto di Sicurezza Informatica

Digital,Contents,Concept.,Social,Networking,Service.,Streaming,Video.,Nft.,Non-fungible

L’accesso sempre più semplice alla tecnologia aptica nei videogame che forniscono feedback tattili, ha concesso a numerosi utenti di toccare con mano questa forma di intrattenimento. E non saranno solo i videogiochi, ma anche ambiti business come l’automotive a trarre vantaggio dalla diffusione di questa tecnologia, versatile e capace di adattarsi alle esigenze di aziende e mercati di riferimento.

Non tutti ne conoscono le potenzialità e le modalità d’uso. Ma studiarla consente di preparare una strategia di marketing efficace nel breve e lungo periodo.

Haptic Technology Lets You "Touch" Virtual Objects

Haptic Technology Lets You "Touch" Virtual Objects

Guarda questo video su YouTube

Tecnologia aptica per videogame: dalle origini ad oggi

Il mondo che Aldous Huxley immagina nel suo romanzo “Il mondo nuovo”, anticipa l’evoluzione della tecnologia aptica di decenni. Nel 1932, anno della pubblicazione del libro, l’autore racconta come i film iniziarono la loro trasformazione, adottando l’audio, per passare dal muto al sonoro. La rappresentazione dei sentimenti attraverso l’espressione di immagini e suoni è stata naturale, anche se inizialmente traumatica per chi affrontava tale cambiamento.

Nel dettaglio, il libro si concentra su un film ambientato in un teatro, in cui viene girata una scena d’amore su un tappeto di pelle d’orso, indispensabile per riprodurre la sensazione tattile dei peli dell’orso sull’epidermide. Una soluzione così semplice non garantiva inizialmente la piena sensazione di apticità. Ma convinse tantissimi esperti a lavorare su sistemi che potessero facilitarne la percezione.

Oggi, nel mercato dei giochi per computer e delle soluzioni VR (realtà virtuale), sia nell’ambito del cinema che in quello videoludico, i professionisti stanno cercando di introdurre sistemi esterni per migliorare l’intrattenimento leggero. La scommessa consiste nell’accentuare il senso del tatto, oltre la vista e l’udito, al fine di aumentare l’illusione all’intern0 di un contesto virtuale.

L’obiettivo in futuro è quello di porgere la mano in avanti per raccogliere una mela virtuale senza attraversarla, riuscendo invece ad avvertirne concretamente la fisicità. Così sarà possibile avvertire la percezione di proiettili che fendono l’aria, del movimento di oggetti spostati e della fisicità di altre interazioni di gioco.

Sebbene l’idea di realizzare dispositivi aptici sia molto semplice, nel concreto, il processo è meno intuitivo di quanto si pensi.

Per sperimentare la miglior sensazione possibile di apticità, è necessario indossare tute tattili, da indossare sul corpo o in parti corporee. Per esempio, i guanti aptici consentono di avvertire sensazioni in modo puntuale, come la percezione della mela sull’albero.

La tecnologia aptica riproduce i movimenti delle dita e della mano in corrispondenza di quelli reali, provocando sensazioni appropriate agli elementi toccati. Sono gli attuatori tattili, installati all’interno del guanto, a restituire tali sensazioni.

Anche i giubbotti tattili hanno lo scopo di stimolare le parte superiore del corpo, simulando la ricezione di interazioni con oggetti ed altri elementi.

Formazione e cultura, così il metaverso diventa un’opportunità per le aziende

I guanti aptici: come funzionano

La fascia alta della tecnologia aptica si riferisce al videogame e alla VR. Sebbene i dispositivi di realtà virtuale ricoprano un ruolo di spicco per i feedback tattili, anche altre soluzioni hanno un ottimo impatto.

Negli smartphone, computer touch ed interfacce touch di veicoli e servizi di ristorazione, i benefici di questo sistema sono evidenti.

La tecnologia aptica dell’azienda Aito

Con sede ad Amsterdam, Aito produce un sistema tattile per dispositivi digitali e laptop. L’azienda olandese sviluppa una tecnologia in cui sfrutta gli attuatori e materiali piezoelettrici, che si restringono o si espandono in risposta alla tensione, generando un lieve movimento.

Quando si schiaccia un cristallo piezoelettrico, si genera corrente. Ciò si traduce in una tecnologia che può impiegare sia attuatori che sensori. La versatilità è un parametro particolarmente interessante su cui lavorare per ottenere un costo inferiore di investimento e un risultato finale soddisfacente.

Gli attuatori di Aito sono composti di tre strati. Il rivestimento esterno è in plastica, vetro o in legno. Nella parte sottostante è posizionata una griglia di capacità con il compito di modificare il campo elettrico quando il dito tocca il dispositivo. Il terzo strato, invece, è una matrice di attivatori piezoelettrici che migliora la precisione dell’interazione tra griglia ed impulso elettrico.

La combinazione di questi tre strati avviene in 1.8 millimetri di spessore. Dunque si può facilmente incorporare in un touch pad e nei touchscreen dei dispositivi mobile. In futuro gli sviluppatori potranno affinare ulteriormente tale tecnologia che già attualmente ottiene ottimi riscontri.

Sotto il profilo tecnico, quando il sensore rileva un dito, attiva una risposta appropriata, verificando la posizione e la pressione del dito in esame.

Ogni applicazione può garantire un’azione diversa, dal semplice clic a una risposta vincolata all’informazione o al monitoraggio degli eventi. Questa tecnologia però può anche adattarsi allo strato superiore dello schermo in una superficie stabile, generando una sensazione di resistenza, come una penna stilografica sul foglio di carta o un pennello che dipinge.

Un pittore o un disegnatore ha dunque la possibilità di sfruttare la sensorialità simile a quella reale, generando contenuti digitali in maniera molto più veloce e con inferiori margini di errore.

Schermi pieghevoli

L’introduzione dei dispositivi portatili, muniti di schermi pieghevoli, fa sì che la parte inferiore possa servire da tastiera tattile. I programmatori potrebbero usarla per offrire una risposta tattile simile a una tastiera meccanica, implementando funzionalità aggiuntive come l’inserimento automatico di lettere maiuscole senza la necessità di utilizzare un tasto fisico. Eliminando i tasti fisici si potranno realizzare dispositivi più leggeri e sottili, migliorando la trasportabilità e l’ergonomia di un prodotto.

Lo stesso prodotto potrebbe essere in vendita in luoghi diversi, senza modificare l’hardware, poiché una tastiera tattile basa il suo funzionamento su schermo e può essere programmata secondo le necessità di chi la utilizza. Scegliere la lingua appropriata per il Paese di riferimento rende l’interazione più intuitiva anche a coloro che non sono soliti utilizzare questi strumenti.

Prodotti più sottili e leggeri, inoltre, apre scenari a nuove strategie di marketing. Negli ultimi anni diverse aziende stanno investendo su servizi di terze parti e software dedicati alla realtà aumentata e a quella virtuale, per promuovere un brand rispetto a quelli legati a tecnologie datate.

Automotive: la tecnologia aptica incentiva la sicurezza

La tecnologia aptica non si diffonde solo nei videogame o in ambito intrattenimento, ma si farà strada anche nell’automotive, soprattutto per l’utilizzo di interruttori del cruscotto digitale che andranno a sostituire quelli fisici.

La sicurezza su strada è una condizione essenziale per le case
automobilistiche. Poiché i guidatori sono abituati al tasto fisico per evitare di distrarsi durante la guida, implementare una tecnologia aptica efficace significa aggiungere i vantaggi di un sistema virtuale senza perdere la sensorialità dei tasti fisici. Vuol dire garantire agli automobilisti la medesima sicurezza, evitando distrazioni durante la guida.

Non tutte le aziende utilizzano la stessa tecnologia per le loro vetture. La differenza principale è da ricercare nei costi di produzione e nella fascia di prezzo di riferimento dei veicoli commercializzati.

La sostituzione dei tasti fisici arreca anche ltri benefici all’automobile. Infatti l’auto allungherà la vita agli accessori interni, dal momento che lo schermo principale dovrà solo monitorare le funzioni di guida attiva e passiva.

Intrattenimento per adulti

Fra le potenziali applicazioni della tecnologia aptica spicca il mercato pornografico. I film per adulti, già pionieri nell’introduzione delle sensazioni audiovisive, stanno valutando l’adozione di tecnologia aptica.

Le aziende stanno sviluppando servizi che prevedono incontri di sesso virtuali. Oltre all’interazione aptica è interessante sottolineare anche la produzione di giocattoli sessuali, in grado di aumentare la sensazione di piacere sia nelle interazioni virtuali con l’altro partner che da soli.

Conclusioni

La tecnologia aptica, mutuata dal mondo videogame, è frutto dell’evoluzione digitale. Il costo di queste soluzioni è ancora alto e non accessibile a tutti i consumatori, ma diverse aziende stanno investendo già da tempo in VR e dispositivi aptici, per migliorare la preparazione di dipendenti in ambito professionale e testare l’abilità degli studenti in ambito accademico.

Lo sviluppo di accessori sempre più versatili abbasserà il costo complessivo di produzione, permettendo di sperimentare un approccio immersivo e funzionale alle attività quotidiane.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3