il collasso dei tempi

Twitter, l’edit button e l’umana imperfezione: così la tecnologia supporta il nostro divenire

L’edit button annunciato da Twitter è uno strumento in più verso la comprensione delle condizioni di frenesia della pubblicazione e di umana imperfezione di chi si impegna nell’impresa della comunicazione anche attraverso refusi, malintesi, ripensamenti, pentimenti. Presente e futuro del social

22 Apr 2022
Sabino Di Chio

Docente di Media e Consumi Culturali, Università degli Studi di Bari

twitter musk

Twitter annuncia l’inserimento dell’edit button[1]: tra qualche mese sarà possibile modificare i tweet dopo la pubblicazione, con modalità e tempistiche ancora allo studio.

Sembra un altro passo, piccolo ma significativo, verso la maturazione della piattaforma in luogo di dibattito meno drastico e aggressivo. La modifica, infatti, impatta su un asse ideologico tipico della Silicon Valley: nell’immediatezza c’è l’autenticità.

Musk vuole tutta Twitter: perché e come cambierà il social

Twitter e l’inclinazione alla fretta e alla superficialità

Twitter si è imposto come piattaforma del dibattito pubblico perché in grado di restituirne come un sismografo l’andamento al secondo. La temporalità del social network è fatta di un incrocio di istantaneità ed eternità, da alcuni commentatori etichettato come time collapse (Brandtzaeg, Luders 2018). Nel dibattito accademico sulle piattaforme è più noto il “collasso dei contesti” in senso spaziale, ovvero la difficoltà nel dover soddisfare simultaneamente le aspettative di pubblici diversi tra loro nello stesso momento (ad esempio famiglia, colleghi e vecchi compagni di scuola). Esiste però anche un “collasso dei tempi” in cui a crollare è il cordone di sicurezza che, in altre forme di comunicazione, separa il presente dell’espressione dalla memoria di quanto detto, scritto o fatto in passato.

WHITEPAPER
Contact Center, AI e Real Time Analytics: stai adottando l’innovazione in modo corretto?
Big Data
CRM

Nel presente di Twitter, il ritmo della rotazione degli hashtag invita l’utente alla reazione istantanea: i temi hanno un ciclo di vita accelerato e allinearsi al trend momentaneo favorisce l’esposizione e il coinvolgimento dei follower. Non c’è un imperativo categorico alla fretta o alla superficialità ma un’inclinazione. Couldry ed Hepp (2017) spiegano che la temporalità dei media ha la peculiarità di sapersi imporre su quella degli altri sistemi sociali: nel caso dei media digitali, l’arrivo istantaneo dei messaggi e l’immediata disponibilità a rispondere prevalgono su altri possibili usi del tempo e da lì si irradiano per contaminare anche la temporalità della politica o dell’informazione. Il “senso comune” della presenza sulla piattaforma è partecipare in diretta allo sviluppo di un trend, rilanciando o apportando un contributo che sia inserito in una sorta di registro pubblico delle opinioni. Tra l’opinione e la pubblicazione c’è solo l’esile membrana della domanda “Che c’è di nuovo?” in apertura, a chiedere all’utente sintesi e tempestività nel costruire un tassello del mosaico. L’eccesso di riflessione, una verifica troppo faticosa della veridicità dell’informazione, un eventuale dubbio sulle proprie competenze nel prendere parola rischiano di indebolire l’incisività dell’affermazione, di portarla fuori tempo massimo.

Il passato di Twitter non si cancella

L’istantaneità stride con l’eternità della permanenza del messaggio una volta pubblicato. Il passato di Twitter non si cancella, resta immortalato allo scopo di responsabilizzare l’utente affinché rifletta bene su cosa incidere nel marmo digitale della timeline. Più responsabili, in meno tempo: è tutto qui il corto circuito dei social media. Ogni iscritto porta sempre con sé lo storico di tutte le dichiarazioni passate che collassano insieme in un presente eterno. Una garanzia di trasparenza per il social network, una difficoltà in più sia per l’utente, che vede la presenza pubblica sempre ricontestualizzata sulla base del passato, sia per il mondo dell’informazione che diventa complesso e ingovernabile perché, come ricorda Chadwick (2014), la presenza di vasti archivi online di contenuti di notizie ricercabili significa che storie o frammenti di storie possono rimanere dormienti per mesi o anni prima che esplodano e siano integrati nel ciclo.

Uno strumento in più verso la comprensione delle condizioni di umana imperfezione

L’edit button sembra quindi uno strumento in più verso la comprensione delle condizioni di frenesia della pubblicazione e di umana imperfezione di chi si impegna nell’impresa della comunicazione anche attraverso refusi, malintesi, ripensamenti, pentimenti. Un passo che le corporation della Silicon Valley non compiono volentieri (il diritto all’oblio fu imposto a Google nel 2014 da una sentenza della Corte di Giustizia europea) perché immerse nell’ideologia della trasparenza radicale, utile a legittimare la datizzazione e la renderizzazione del profondo, motori all’economia digitale. Dopo l’annuncio, il responsabile del prodotto di Twitter, Jay Sullivan ha ribadito che la priorità dell’azienda è “proteggere l’integrità della conversazione pubblica”[2], ribadendo l’equivalenza tra integrità e irreversibilità.

Eppure, Twitter dovrebbe essere consapevole dei cortocircuiti connessi al collasso delle temporalità, visto che negli ultimi anni si è impegnata sempre più spesso nel porre un argine agli aspetti più tossici dell’istantaneità. La contestualizzazione dei tweet è stata perseguita dapprima inserendo un avviso per chiedere all’utente la cortesia di leggere gli articoli prima di retwittarli[3], poi consentendo limitazioni alla possibilità di replicare offrendo agli iscritti la scelta di restringere la conversazione solo con i follower, per arrivare in seguito a implementare forme di moderazione algoritmica che influissero sull’aspetto grafico dei post attraverso misure quali la rimozione dell’immagine di anteprima o l’inserimento di etichette di segnalazione con link a contenuti di approfondimento, metodo utilizzato per segnalare a maggio 2020 come fuorviante un tweet del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulle modalità di voto per posta[4]. Tutto fino alla decisione estrema dell’estensione della cancellazione dell’account per incitamento alla violenza anche ai profili di interesse pubblico, come dimostrato proprio con Trump dopo l’assalto al Campidoglio.

Conclusioni

Twitter innerva il web e la forza dei tweet sta nella loro ubiquità ben oltre la mera timeline. Ogni cambiamento si riflette sull’intera rete e dovrà essere ponderato con cautela attraverso l’adozione di strumenti che permettano di evitare truffe e fughe dalle responsabilità. L’attuale tweet immodificabile, però, è un’occasione mancata perché impedisce alla tecnologia digitale di mettere la sua flessibilità a servizio del divenire che sostanzia la vita di ognuno: la crescita, la maturazione, le nuove idee, i nuovi incontri, le conversioni, le riappacificazioni.

Nel 2018, la vicenda del comedian Kevin Hart, dimissionario dalla conduzione degli Oscar nel 2018 a causa delle proteste contro i tweet omofobi pubblicati dal 2009 al 2011 ha reso il tema di domino pubblico e messo in circolo alcune domande a cui un edit button può dare risposta: quanto è giusto duri il passato? Per quanto tempo è lecito essere chiamati a rispondere delle proprie performance in rete? Come si può segnalare un cambiamento, senza arrivare all’opzione limite della cancellazione?

Note e bibliografia

Andrew Chadwick, The Hybrid Media System: Politics and Power, Oxford, Oxford University Press, 2013

Nick Couldry e Andreas Hepp, The Mediated Construction of Reality, London, Polity Press, 2017

Petter Bae Brandtzaeg e Marika Lüders, “Time Collapse in Social Media: Extending the Context Collapse”, Social Media + Society, January-March 2018: 1–10.

  1. https://www.theverge.com/2022/4/5/23011327/twitter-edit-button-blue-test; https://www.wsj.com/articles/twitters-edit-button-isnt-just-a-simple-fix-it-could-be-a-mistake-11649309719?mod=tech_lead_pos5#comments_sector
  2. https://twitter.com/jaysullivan/status/1511457597768929285
  3. https://twitter.com/TwitterSupport/status/1270783537667551233
  4. https://www.nytimes.com/2020/05/26/technology/twitter-trump-mail-in-ballots.html?action=click&module=Top-%20Stories&pgtype=Homepage
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3