il caso

Uber Files, se i tassisti hanno ragione a temere il “mostro” digitale

Un’inchiesta di Guardian, Bbc e le Monde rivela che Uber avrebbe effettuato una pesantissima campagna di lobbying per espandersi ulteriormente. Sono gli Uber Files. Anche così certi colossi hanno fatto profitti penalizzando la classe media. Tassisti e non solo

14 Lug 2022
Massimo Borgobello

Avvocato a Udine, co-founder dello Studio Legale Associato BCBLaw, PHD e DPO Certificato 11697:2017

taxi uber

I tassisti possono non essere simpatici a molti, ma a molti, a molti di noi – classe media – sono più simili di quanto questi “molti” sono disposti ad ammettere. Probabilmente. Schiacciati dall’ansia di profitto di alcune big tech, con la compiacenza dei Governi.

Si può leggere così lo scandalo Uber Files.

Un’inchiesta di Guardian, Bbc e le Monde rivela che Uber avrebbe effettuato una pesantissima campagna di lobbying per espandersi ulteriormente. A sostegno dell’ipotesi investigativa, un’enorme mole di materiale d’inchiesta, denominato Uber files. E i tassisti italiani, già in sciopero, hanno un motivo in più per insorgere.

Uber files: l’inchiesta

Le famose testate giornalistiche hanno messo in luce un articolato sistema di lobbying messo in opera dal cofondatore di Uber, Travis Kalanick, in Europa, per ottenere vantaggi politici e normativi a favore della piattaforma californiana.

Sciopero dei tassisti, la causa: “Così le app fanno fuori le professioni”

Negli Uber files si trovano elementi di indagine che porterebbero ad individuare attività di pressione e “persuasione” (corruzione?) su politici molto noti del panorama europeo, a partire dal Presidente francese, Emmanuel Macron.

Il Guardian, addirittura, arriva ad affermare che Macron avrebbe “aiutato segretamente Uber nella sua attività di lobby in Francia”.

Il Presidente francese non smentisce i contatti, ma nega ogni attività a favore di Uber.

Kalanick avrebbe avuto contatti anche con l’attuale Presidente statunitense Joe Biden, oltre che con Olaf Scholz, attuale Cancelliere della Repubblica Federale di Germania e con l’ex ministro delle finanze della Gran Bretagna, Geroge Osborne.

Ci sarebbero stati contatti anche con l’ex commissaria europea Neelie Kroes, che avrebbe addirittura intavolato trattative per essere inserita nel board di Uber prima della fine del suo mandato.

Uber avrebbe provato ad operare anche in Italia, attraverso il governo Renzi: l’ex premier però pare essere stato solo sfiorato dall’inchiesta, perché nessun elemento di indagine porta a poter sostenere contatti simili a quelli descritti per i politici francesi, tedeschi e inglesi.

Uber avrebbe ammesso “errori e scelte sbagliate”, sostenendo di essere “cambiata” dal momento in cui la vicenda sarebbe avvenuta, ossia il 2017.

 

Lo sciopero dei tassisti

Ornai da giorni i tassisti sono in sciopero per bloccare il disegno di legge “concorrenza”, che darebbe al governo ampia delega per regolare il mercato del trasporto pubblico di persone non di linea.

Il grido di battaglia è “Draghi, non te lo chiede l’Europa, te lo chiede Uber”: ovviamente l’inchiesta giornalistica ha infiammato ancora di più gli animi della categoria, già ampiamente provata dalla pandemia.

L’idea di fondo della protesta è che la normativa dovrebbe avere un iter parlamentare e non essere oggetto di delega al governo: questo perché i parlamentari dovrebbero essere più sensibili alla base dell’elettorato rispetto ai colossi delle piattaforme.

Se il materiale dell’inchiesta giornalistica fosse vero, i tassisti avrebbero ragione a sostenere che l’interlocutore governativo sarebbe più facilmente influenzabile da parte delle multinazionali in generale e da Uber e Lyft in particolare.

Il governo, allo stato, alle prese con una crisi politica che può portare addirittura al voto, non ha ritenuto di ritirare la norma contestata dalla totalità delle sigle sindacali dei tassisti.

Conclusioni

Le piattaforme hanno ottenuto enormi profitti negli ultimi anni e si sono rinforzate economicamente nel periodo pandemico, a scapito della cosiddetta middle-class, di cui i tassisti fanno parte.

La liberalizzazione selvaggia del settore può creare uno shock sistemico per i tassisti, prima che un decremento di reddito per i singoli, già alle prese – in particolare in alcune realtà – con il problema degli “abusivi”.

L’accordo siglato da Uber con IT Taxi, il più grande operatore di prenotazione del paese, ha innescato una miccia che rischia di deflagrare proprio sul disegno di legge “Concorrenza”, che potrebbe svantaggiare ancora i tassisti in favore delle piattaforme.

La crisi di governo, sullo sfondo, impatta anche su un modo di vedere l’economia italiana in prospettiva: quanto dovranno essere favoriti i colossi esteri e quanto dovranno essere compresse le fasce di mercato di pmi e professioni?

Questo governo non è parso amico dei professionisti, e le scelte economiche sono state “pagate” più dalle pmi che dalla grande industria. 

L’uso (o abuso) di algoritmi, che rischia di “meccacinizzare” i lavoratori della gig economy è solo un’aggravante.

Lo sciopero dei tassisti, letto all’inquietante luce degli Uber files, è un esempio di quello che potrebbe accadere tra non molto per agricoltori, trasportatori e professionisti.

Gig economy: regole e meccanismi per evitare il degrado del lavoro

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4