Etica e digitale nel 2023

Intelligenza artificiale, la via per un approccio più etico e regolato

Il 2023 può essere l’anno giusto per avviare un approccio più costruttivo e antropocentrico all’intelligenza artificiale. Ecco le proposte che andranno a frutto quest’anno e i fronti sui quali è necessario apportare cambiamenti

Pubblicato il 10 Gen 2023

Ivana Bartoletti

Autrice di An Artificial Revolution, Esperta di privacy e etica del digitale, Co-Founder, Women Leading in AI Network

Lucia Lucchini

esperta di privacy e etica del digitale

digital intelligenza ai

Guardando a questo 2022, il mondo dell’Intelligenza Artificiale (IA) ha occupato una figura centrale nel dibattito pubblico di governi e paese, e nell’agenda di organizzazioni internazionali.

Non c’è dubbio cha la definizione del rapporto tra umanità e tecnologia continui ad essere un imperativo, e il 2022 ha visto il dibattito riscaldarsi ulteriormente con il caso Lemoine, che ha portato alla ribalta il tema (e l’ossessione) per l’antropomorfizzazione dell’IA.

Se fosse vero che c’è una intelligenza artificiale senziente

Antropomorfizzazione dell’IA: il caso Lemoine

A giugno, Blake Lemoine, ex ingegnere di Google, ha annunciato che il modello linguistico sviluppato dall’azienda, chiamato LaMDa (Language Model for dialogue Applications), fosse senziente, cioè dotato di sensibilità. Lemoine inizia ad interagire con il modello per testare che il chatbot non usasse linguaggio offensivo e/o discriminatorio; tuttavia, nel corso dell’esperimento, Lemoine comincia ad avere conversazioni con LaMDa nelle quali il modello è in grado di definirsi ‘consapevole della [propria] esistenza’ e del mondo che lo circonda. LaMDa afferma di apprezzare ‘le tematiche della giustizia e dell’ingiustizia, la compassione e Dio, la redenzione e lo spirito di sacrificio per una causa superiore’ e di riuscire a provare felicità e tristezza, auto caratterizzandosi come senziente, e dunque umano.[1] In quanto tale, Lemoine ha chiesto che LaMDa fosse rappresentato da un avvocato e che dunque ottenesse tutti i diritti che ogni persona ha. Il caso ha subito suscitato un ulteriore indagine condotta dalla squadra Google, formata da entrambi eticisti e ingegneri, i quali hanno confermato che LaMDa non è una tecnologia senziente ma bensí un prodotto sofisticato in grado di produrre risultati accattivanti in quanto in grado di imitare il discorso e la creatività umana grazie al volume dei dati, l’architettura e le tecniche che sono state adottate.

INFOGRAFICA
Rendere più efficienti i tempi di attesa in sanità: ecco come fare, grazie al digitale
Intelligenza Artificiale
Sanità

Riteniamo che sia importante analizzare questo caso perché in molti modi è emblematico dello sviluppo del discorso che circonda l’intelligenza artificiale e in particolare il tema della sua cornice etica. Sistemi di AI che ´parrot´ quel che gli umani danno loro in pasto possono, ovviamente, rispondere con terminologia simile a quella degli umani. Ma il parroting, ovvero il ripetere simile ad un pappagallo, non è di certo umano di per sé ed è pertanto essenziale che i programmatori e coloro che usano questi programmi – a partire dai chatbots – comunichino agli utenti che si tratta di macchine e non di esseri umani in ‘colloquio’ con loro.

Il caos di Blake Lemoine ha poi mostrato il paradigma IA degli ultimi anni e come ci siamo mossi da concettualizzare IA come automazione, a come tecnologia in grado di risolvere e semplificare molti dei problemi che enti ed organizzazioni hanno, sia in termini di efficienza che di accuratezza, fino a giungere al discorso per la quale l’intelligenza artificiale riuscirà a prendere totale controllo sulla vita degli individui e, in puro spirito da Terminator o iRobot, annientare la vita come percepita finora.

Intelligenza artificiale, ecco l’etica che serve all’innovazione

Definire in modo costruttivo la relazione tra umanità e tecnologia: le iniziative che andranno a frutto nel 2023

Vedere questa evoluzione è ai nostri occhi preoccupante, in quanto distoglie l’attenzione da quello che secondo noi è il vero prossimo passo da affrontare, cioè l’opportunità unica e irripetibile di definire in modo costruttivo la relazione tra umanità e tecnologia e il ruolo che l’etica ha nel mondo digitale.

Disturbati dal rumore cacofonico del dibattito distopico, rischiamo di dimenticarci di alcune delle iniziative che sono state già messe in moto e che procederanno nel corso del 2023.

Tra queste notiamo naturalmente l’iniziativa del Consiglio dell’Unione Europea sull’Intelligenza Artificiale che ha connesso policy makers ed esperti di varie discipline, l’AI Coordination Group, per discutere e proporre raccomandazioni sull’intersezione tra IA e protezione dei dati, privacy, diritti umani, democrazia e il principio della legalità nel suo insieme. L’iniziativa ha già emesso studi in grado di aiutare cittadini ed enti verso un’adozione più responsabile della tecnologia, così come a definire in modo chiaro e profondo come l’IA si può collocare all’interno delle nostre relazioni sociali.[2]

A livello internazionale, le Nazioni Unite nel settembre 2020 hanno pubblicato ‘Our Common Agenda[3] il quale propone un Global Digital Compact entro il settembre 2024. Il Global Digital Compact delineerà principi comuni per il raggiungimento di uno futuro digitale aperto, libero, e sicuro. Tra le dimensioni di studio che il documento andrà a snocciolare, problemi relativi alla connessione digitale, la frammentazione dell’internet, la libertà e scelta relativa al trattamento dei dati personali, così come l’applicazione dei diritti umanitari nel mondo digitale, e il problema della disinformazione sono al centro della discussione.

In aggiunta, notiamo iniziative alternative a quelle di stampo istituzionale, quali l’Alliance for Universal Digital Rights (AUDRi)[4], nata dalla collaborazione di due organizzazioni internazionali, Equality Now e Women Leading in AI, che esplora modi per creare un futuro nel quale tutti possano beneficiare in egual modo al diritto alla sicurezza, libertà, e dignità nel mondo digitale. L’iniziativa ha i meriti di aver distillato una prima dichiarazione dei diritti digitali, i cui principi fondamentali sono: l’uguaglianza, sicurezza e privacy, il diritto all’autodeterminazione digitale, accesso al mondo digitale, libertà di espressione e associazione, accesso a network e tecnologie resilienti e sicure, diversità linguistica e culturale, diritto al beneficiare di normative e standard per governare in modo responsabile le tecnologie, e il diritto ad una governance multilaterale e democratica.

Le difficoltà a regolamentare il mondo digitale

Queste sono alcune delle iniziative precursorie volte a risolvere la sfida che ad oggi ci troviamo a fronteggiare, cioè la difficoltà a regolamentare il mondo digitale e il mondo dell’Intelligenza Artificiale. Mentre queste normative proseguono nel loro iter, vediamo un approccio inconsistente e inefficiente che rischia di aumentare l’impatto su gruppi e comunità meno privilegiate, andando dunque ad avere un impatto profondo sulla salvaguardia dei diritti umani. La salvaguardia di questi rimane azione centrale per molte istituzioni, basti pensare al Summit del 29 Settembre 2021, nel quale l’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno confermato la loro innegabile opposizione all’uso dell’intelligenza artificiale per scopi che possano in qualsiasi modo infringere ai diritti umani, incluso l’uso della tecnologia a scopi di ‘social scoring’, che può essere in grado di limitare i diritti fondamentali alla libertà. Entrambi i Paesi si riferiscono all’approccio della Cina che rimane diametralmente opposto agli sforzi Europei e Americani di disegnare e applicare un approccio orizzontale all’AI governance, volto per l’appunto a sviluppare un panorama sostenibile per il futuro dell’umanità.[5]

Sia la proposta dell’IA dell’Unione Europea che quella americana centrata sull´algorithmic accountability, vanno in questa direzione e hanno come focus l’aderenza ai valori fondamentali delle nostre società.

Per un’IA etica ed ecologica serve l’impegno di tutti: la strada per una leadership Ue

Conclusioni

Guardando avanti a questo 2023, fiduciose delle iniziative che già sono state improntate, ricordiamo le parole del Presidente dello Stato, Sergio Mattarella, a dicembre del 2021, “le regole non possono essere dettate dalle tecnologie: è imperativo lavorare per applicazioni che abbiano ben chiaro che è la persona – con i suoi inalienabili diritti e le imprescindibile tutele di questi diritti – a essere il punto di riferimento centrale”.[6]

Per ottenere questo approccio più costruttivo e antropocentrico riteniamo che il 2023 deve vedere cambiamenti su 3 fronti principali:

  1. Mediatico: fonti di informazioni comuni e accessibili devono cambiare il discorso relativo al mondo digitale, incluso l’intersezione tra umanità e intelligenza artificiale, al fine di proiettare una visione più costruttiva e veritiera sullo sviluppo tecnologico e il ruolo che il digitale ha nelle nostre vite.
  2. Educativo: forum ed enti in grado di insegnare che cosa si intenda per interagire con il mondo digitale, specialmente quando siamo di fronte ad un artefatto in grado di mimare il linguaggio umano. Di conseguenza, educarci a vivere nella comunità, definendo le responsabilità politiche e sociali che abbiamo verso il digitale.
  3. Normativo: Istituzioni nazionali, regionali, e internazionali che regolamentino il mondo digitale al fine di istituire un circuito di responsabilità, accountability, doveri e diritti.

Ora più che mai il 2023 può essere l’anno dove questo nuovo approccio può essere instaurato, dove queste iniziative possono avere il tempo e lo spazio di crescere e, insieme – nella collettività digitale che rappresentiamo – riuscire a cogliere con determinazione e coscienza l’opportunità di maturare un rapporto etico, sicuro, e sostenibile con il mondo digitale.

Note

  1. https://www.corriere.it/tecnologia/22_giugno_14/lamda-google-italiano-medium-1baf7b5c-eb42-11ec-b89b-6b199698064a.shtml?refresh_ce
  2. https://www.coe.int/en/web/artificial-intelligence/work-in-progress#05EN
  3. https://www.un.org/en/content/common-agenda-report/assets/pdf/Common_Agenda_Report_English.pdf
  4. https://audri.org/
  5. https://www-brookings-edu.cdn.ampproject.org/c/s/www.brookings.edu/research/the-geopolitics-of-ai-and-the-rise-of-digital-sovereignty/?amp
  6. https://it.notizie.yahoo.com/mattarella-svolta-digitale-cambia-volto-144525096.html?guce_referrer=aHR0cHM6Ly93d3cuZ29vZ2xlLmNvbS8&guce_referrer_sig=AQAAAAMxAwZoRt7jcIIpeDOfJxpMEGoB82zjNIUrKM_0j-cujgngw_6CrbeZkLlOUkkTdL0BWz0IiaVXaYIEZT7bmXouGk9siZYg1oEbUx82xQ6tN36A1o21M6u0nrIpmoqRZBP4PAqKXdXC9mX_1z-MFPm03z7dWGlvOF_dG9QbmHEN

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4