giornalismo

Un “Semafor” per il mondo interconnesso: pregi e difetti della testata in bilico tra fast e slow journalism

L’obiettivo di Semafor è colmare il vuoto di una testata compiutamente globale che parli direttamente a un pubblico connesso, interessato a flussi sovranazionali e non necessariamente legato a una dimensione territoriale. Un progetto ambizioso e ben costruito, ma non senza qualche difetto

Pubblicato il 05 Dic 2022

Sabino Di Chio

Docente di Media e Consumi Culturali, Università degli Studi di Bari

semafor

Da qualche settimana è online una nuova testata giornalistica, Semafor. Fondata da Ben Smith e Justin Smith, ha accumulato aspettative di riguardo sia per il calibro dei giornalisti coinvolti sia per la volontà annunciata di irrompere nel game dell’informazione digitale producendo cambiamenti significativi, a partire dal formato dell’articolo. L’operazione ha già suscitato, come prevedibile, entusiasmi e diffidenze di ogni tipo. In questo articolo proviamo a leggere Semafor dalla prospettiva “slow”, cercando di capire quali e quante delle istanze portate avanti dallo slow journalism siano state recepite o almeno affrontate nell’ambiziosa operazione di rinnovamento.

Il progetto Semafor

Semafor è stato annunciato a gennaio 2022 come un nuovo giornale online destinato a un pubblico di istruzione universitaria e lingua inglese. L’idea è colmare il vuoto di una testata compiutamente globale che parli direttamente a un pubblico connesso, interessato a flussi sovranazionali e non necessariamente legato a una dimensione territoriale. Ben Smith, il direttore, arriva da due anni come media columnist al New York Times e, prima, è stato a capo di BuzzFeed News trasformandola da testata focalizzata su contenuti leggeri ad interessante ibrido in grado di far emergere scoop virali tra memi, liste e classifiche. Justin Smith, invece, è l’ex ceo della multinazionale Bloomberg Media. Il progetto ha raccolto 25 milioni di dollari di investimenti, per più di un anno offrirà informazione gratuita sovvenzionata dalla pubblicità per poi passare ai paywall.

WHITEPAPER
Perchè dovresti sfruttare il CRM per un marketing basato sull'esperienza
CRM
Marketing

Il formato

Su uno sfondo ingiallito come un quotidiano invecchiato su uno scaffale, Semafor presenta una home page divisa in tre sezioni: a sinistra le breaking news contrassegnate dal continente d’appartenenza, a destra le newsletter d’approfondimento, al centro gli articoli redatti secondo un formato inedito, il “semaform”. Per reinventare la notizia scritta, gli Smith hanno optato per una netta separazione tra “fatti” ed “opinioni”, animati dall’intenzione di smarcarsi da quella commistione scabrosa tra soggetto e oggetto a loro dire complice della polarizzazione e della crescente sfiducia nelle news. Gli articoli di Semafor si presentano seguendo uno schema preciso: in apertura c’è “The News”, la notizia senza fronzoli, descritta attraverso dati che mettano tutti d’accordo; si prosegue con “Our view”, il punto di vista del giornalista, “Room for disagreement”, lo spazio per opinioni contrapposte, “Other views” da altre parti del mondo e infine ulteriori link collegati alla notizia.

Lo slow journalism contro l’informazione mordi e fuggi: così si riprende la fiducia del pubblico

Sfumature di slow

È estremamente complicato redigere una definizione univoca di slow journalism[1] ma l’analisi incrociata delle dichiarazioni di intenti e delle pratiche di alcune delle esperienze più significative che si rifanno esplicitamente a questo approccio (De Correspondent in Olanda, Delayed Gratification in UK, Zetland in Danimarca, Slow News in Italia) permette di estrapolare dei comuni denominatori. Il giornalismo lento è un giornalismo non attardato ma sostenibile, “buono, pulito e giusto” come il cibo di Slow Food. Per mettere in discussione il modello dominante di diffusione delle news digitali, incline all’allargamento del disordine informativo, si mettono in atto condotte anticonformiste come il distacco dal finanziamento pubblicitario a favore di abbonamenti, crowdfunding, contatto diretto con una comunità di lettori attraverso eventi o festival. Nei contenuti si investe in investigazione, verifica, messa in contesto, trasparenza, continuità nella copertura. Nel lavoro, si valorizza il ruolo del giornalista sia attraverso retribuzioni all’altezza, sia rivendicando il ruolo professionale di scelta e selezione.

Un’esperienza come quella di Semafor, sbocciata nelle city del giornalismo mainstream, non ha e non vuole avere alcuna connessione diretta con approcci critici o militanti. Il solo fatto che sia pensata come un’operazione diretta ad un pubblico già attrezzato la connota come bene elitario, inadatto ad affrontare la disconnessione tra fasce più deboli della popolazione e dibattito pubblico. Eppure, nelle scelte editoriali intraprese è possibile leggere l’esito di una riflessione sulle derive del giornalismo fast che ormai sembra aver fatto breccia anche nel cuore delle elite.

Semafor, il giornalista al centro

Innanzitutto, Semafor riafferma la centralità del giornalista: la redazione è formata da grandi personalità strappate alla concorrenza, il cui nome e volto campeggiano sul titolo dell’articolo con un protagonismo ansioso di restituire alle competenze il ruolo che meritano. Dopo anni di sbornia da disintermediazione, l’opacità persistente del mondo costringe a ripensare l’utilità del gatekeeper, sollecitato a modificare gli strumenti (ad esempio, le newsletter) ma non a vergognarsi del potere che deve esercitare per ridurre la complessità. Non può esistere un reale trasferimento di conoscenze, infatti, se non si parte da un’asimmetria di competenze, sulla differenza tra chi sa e chi no. Se compiuta senza abusi né derive personalistiche, la capacità del giornalista di arrivare e capire prima degli altri è un’affermazione di superiorità che va accettata perché ammorbidita dalla redistribuzione connaturata all’atto di informare.

Nel “semaform”, all’autore è chiesto di usare la professionalità per selezionare i fili del racconto che godano di un consenso di fondo (i “fatti”), di elaborare un’interpretazione che permetta al lettore di orientarsi nella comprensione (“l’opinione”), di corredare il tutto con la ricerca di punti di vista alternativi che diano profondità al dibattito. La distinzione tra fatti e opinioni è certamente problematica, così come la pretesa di nascondere le inclinazioni personali dietro alla selezione di presunte “obiettività”, ma è difficile non accostare questo metodo alla richiesta di contestualizzazione che emerge potentemente dalle esperienze di slow journalism, inclini ad un’opera non sempre facile di allargamento della notizia dalle maglie strette della breaking news.

Occuparsi non solo del problema ma ipotizzare soluzioni, non solo dell’oggi ma guardare al domani, spiegare ai lettori l’origine e la conclusione delle vicende non limitarsi al resoconto semplificato di episodi sono alcune delle istanze maggiormente sostenute da chi prova a resistere all’accelerazione delle news oltra la soglia di tolleranza. L’home page di Semafor, inoltre, non è affollata ma presenta solo sette storie principali. Anche in questa rivendicazione del “less is more”, si intravede una forma di critica al sovraccarico informativo, più teso alla ricerca della distrazione che alla comprensione.

Conclusioni

Il punto di maggior distanza resta infine il modello di business. Sebbene sia ipotizzata in futuro un’apertura alle sottoscrizioni, il modello pubblicitario attuale posiziona Semafor troppo vicino alla principale fonte di entropia del giornalismo digitale: la sudditanza al clic. La dimostrazione arriva dalla polemica più insidiosa che la testata ha affrontato nelle prime settimane di vita: la sponsorizzazione da parte di una compagnia petrolifera della newsletter su temi ambientali e cambiamento climatico. Un’ombra di sospetto difficile da far svanire con il solo esercizio libero e competente della professione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4