lavoro e tecnologie

Un’IA dal “volto umano” contro le diseguaglianze economiche: come impostare il cambiamento

Il lavoro è un’attività pienamente umana con ricompense materiali, sociali e psicologiche. Contro le diseguaglianze e il risentimento sociale generato dall’IA, aziende e governi dovrebbero impostare un percorso di innovazione tecnologica che abbia anche un “volto umano”. Gli aspetti su cui riflettere

Pubblicato il 09 Dic 2022

Achille Pierre Paliotta

Ricercatore INAPP

digital intelligenza ai

La società attuale viene trasformata vieppiù dalle tecnologie digitali, in particolare dall’intelligenza artificiale (IA), quale tecnologia ubiquitaria. Ma questa trasformazione pone un inquietante enigma: l’IA non ha finora svolto un ruolo determinante nella redistribuzione della ricchezza così come si paventa la possibile sostituzione della forza lavoro, vi è un problema crescente di up/re-skilling e si accrescono le discriminazioni algoritmiche a livello sociale e culturale.

New technology: what do you have to fear?

L’impatto dell’IA su lavoro e produttività

In linea generale, l’IA ha un impatto sostanziale sull’economia in termini di produttività, crescita, disuguaglianza, innovazione e occupazione. In molti casi, la sostituzione delle macchine con il lavoro umano porta all’espansione economica e a un aumento della domanda di lavoro in attività non automatizzate poiché il costo di produzione diminuisce e ciò è chiamato effetto di produttività. A questo riguardo, la redistribuzione derivante dalla ricchezza dell’IA potrebbe essere equa e inclusiva, oppure parziale e favorire solo alcuni gruppi sociali, i quali beneficiano del potere socio-economico che si concentra sempre più nelle loro mani. In un contesto siffatto, ci si può chiedere, dunque, del perché l’IA attuale non riesca a generare una redistribuzione diffusa nell’intera società e del perché vengono alimentate le diseguaglianze economiche soprattutto nel caso specifico dello spiazzamento della forza lavoro a opera delle “macchine intelligenti” (smart machines).

WHITEPAPER
Garantisci maggiore trasparenza dei tracciamenti nella Supply Chain, grazie all'Internet of Things
IoT
Industria 4.0

IA e aumento della diseguaglianza economica

Tuttavia, la situazione non è stata sempre così. Fino a qualche tempo fa, molti studiosi credevano che il progresso tecnologico generasse automaticamente una prosperità diffusa una volta che l’economia avesse attraversato un periodo di distruzione creatrice (Schumpeter). Nonostante ciò, a partire dagli anni Ottanta, il progresso tecnologico è stato accompagnato da un significativo aumento della disuguaglianza. Ad esempio, David Autor in un articolo del 2015 “Why are there still so many jobs? The history and future of workplace automation”, nell’esaminare un’ampia letteratura economica giungeva alla conclusione che l’automazione aveva portato a una polarizzazione del mercato del lavoro, in cui le occupazioni a medio reddito, collegate a mansioni di routine, erano state sostituite da posti di lavoro a basso reddito, mentre quelle al vertice, della distribuzione del reddito, avevano fatto registrare guadagni significativi, portando a un aumento della disuguaglianza economica tra le varie professioni. A ciò si può aggiungere che, negli ultimi due decenni, i salari mediani, ovvero la retribuzione di un lavoratore tipico, sono cresciuti a un ritmo più lento rispetto alla produttività complessiva, e che tale divario è aumentato nel corso del tempo.

Intelligenza artificiale “so-so technologies” e risentimento sociale

Daron Acemoglu e Pascual Restrepo, in un articolo del 2020 “The wrong kind of AI? Artificial intelligence and the future of labour demand”, forniscono prove convincenti del ruolo sostitutivo (effetto di spiazzamento) dell’automazione e dei robot nei confronti dei lavoratori umani e del decremento della crescita salariale degli stessi. Secondo i loro dati, dal 50 al 70% della crescita della disuguaglianza salariale negli Stati Uniti, tra il 1980 e il 2016, è stata causata dall’automazione. E ciò è avvenuto prima dell’adozione massiva dell’IA per cui, a tutt’oggi, le disuguaglianze potrebbero essersi ancor più accentuate. La spiegazione addotta è che le imprese scelgono spesso di implementare le cosiddette “so-so technologies”, le quali generano piccoli miglioramenti di produttività piuttosto che creare nuove ed estese opportunità di business. E ciò avviene perché l’effetto positivo sulla produttività di queste tecnologie “così così” non è sufficiente a compensare il calo della domanda di lavoro dovuto all’effetto spiazzamento: di fatto, le imprese utilizzano il capitale più economico rappresentato da queste tecnologie nello svolgimento di compiti precedentemente svolti dai lavoratori.

Collaborazione uomo-AI, a che punto siamo? Limiti e prospettive

Erik Brynjolfsson in un articolo del 2022 “The Turing trap. The promise & peril of human-like artificial intelligence”, sostiene, infine, che una sorta di ossessione imitativa dell’intelligenza umana, esemplificata dalla macchina di Turing, teorizzata dal matematico, informatico, logico, crittoanalista e filosofo inglese Alan Mathison Turing [1912-1954], ha portato alla diffusione pervasiva di una IA che troppo spesso ha il mero obiettivo di sostituire i compiti svolti dai lavoratori piuttosto che estendere le capacità umane e consentire così agli stessi di svolgere nuovi compiti collaborativi (human-AI collaboration), evidentemente al netto di tutti i bias cognitivi degli stessi lavoratori. L’eccessiva attenzione ai compiti simil-umani, svolti dall’IA attuale, ha così l’effetto di ridurre i salari, per la maggior parte dei lavoratori e, nello stesso tempo, di amplificare il potere di pochi, concentrando la ricchezza prodotta nelle mani di coloro che possiedono e controllano le tecnologie “così così”.

In tale quadro generale, non può che aumentare il risentimento sociale, alimentato anche nelle echo chambers dei social media, in quanto la percezione diffusa è che i benefici economici vadano sostanzialmente alle élites dei magnati tecnologici e, a cascata, seppur in misura notevolmente ridotta, ai tecnici maggiormente connessi con l’IA i quali costituiscono tuttavia solo una ristretta porzione dell’intero corpo occupazionale/professionale.

L’alternativa è un’IA dal volto umano

Cosa si può proporre in alternativa, a una situazione che rischia politicamente, culturalmente e socialmente di sfuggire di mano? Come si potrebbe impostare un percorso di innovazione tecnologica che abbia anche un “volto umano”, a dir il meno collaborativo, parafrasando il testo di John Budd del 2005 “Employment with a human face. Balancing efficiency, equity, and voice”? Il lavoro è, difatti, un’attività pienamente umana con ricompense materiali, sociali e psicologiche. Come tale, i lavoratori hanno diritto sia all’equità che ad avere una “voce” sul posto di lavoro. L’attenzione all’efficienza economica dovrebbe essere bilanciata, dunque, dall’inclusione di equità e “voce”.

Non è facile, chiaramente, proporre delle soluzioni appropriate ma l’accento potrebbe essere messo sull’eventuale freno alle tecnologie “così così” in direzione di altre che possano rappresentare una migliore integrazione coi lavoratori umani. In questo senso, i decisori politici, anche in ambito comunitario, potrebbero legiferare affinché l’ecosistema normativo disincentivi un’eccessiva diffusione di una IA simil-umana.

All’opposto, potrebbero essere sovvenzionate quelle innovazioni che portino a un “ottimo sociale”, in un’ottica di economia del benessere, in cui si tende a raggiungere il massimo benessere collettivo e in cui anche l’equità e la “voce” abbiano un ruolo significativo oltre la mera efficienza economica. È evidente, infine, che l’individuazione di un “ottimo sociale” presupponga la formulazione di alcuni giudizi di valore e che si tratti di definire preliminarmente “cosa sia giusto” e “cosa sia sbagliato”.

IA e benessere sociale

Nel caso specifico dell’introduzione dell’IA, ci si dovrebbe chiedere, pertanto, quando aumenta e quando si riduce il benessere sociale. In carenza di ciò, si vede assai bene come l’attuale discorso pubblico ed economico ponga l’accento, sull’onere dell’adattamento alle tecnologie ubiquitarie, solo sui lavoratori e sui governi, compresi quelli dei Paesi del Sud globale.

Rispetto ai lavoratori, a essi si chiede di aggiornarsi continuamente (up/re-skilling) per rimanere pienamente occupabili in un mercato del lavoro dinamico che viene velocemente rimodellato dalla diffusione dell’IA. Rispetto ai governi, a essi si chiede che, ad esempio, rafforzino vieppiù le reti di sicurezza sociale, espandano e finanzino i programmi di formazione e occupabilità quali la “Garanzia di occupabilità dei lavoratori” (GOL) e il “Fondo Nuove Competenze” (FNC), promossi dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Tutte queste iniziative sono finanziate, in genere, dai contribuenti – a prescindere dalla situazione contingente delle risorse messe a disposizione dal PNRR – vale a dire dalla società intesa nel senso più ampio.

Ma sarebbe così impopolare e antieconomico se si chiedesse di sostenere una parte di tali oneri, in vista di un “ottimo sociale”, anche alle piattaforme estrattive che realizzano ingenti profitti tramite la diffusione delle tecnologie “così così”?

Conclusioni

In conclusione, non resta che sottolineare un’evidente implicazione di policy rispetto a quanto sin qui sostenuto, vale a dire che le istituzioni governative, anche in ambito comunitario, dovrebbero perseguire con convinzione gli obiettivi di una crescita socio-economica inclusiva non solo mediante l’attivazione di una serie di politiche attive quali, a solo titolo esemplificativo, l’accesso alla formazione continua e i servizi pubblici per l’impiego in un’ottica di up/re-skilling, quanto piuttosto incentivare progetti di collaborazione human-AI nonché prevedere delle modalità di partecipazione agli “oneri” sociali della transizione digitale, da parte delle piattaforme estrattive, da versare a organismi pubblici o privati erogatori di prestazioni di politiche attive a favore dei lavoratori interessati dall’introduzione di tecnologie “così così” e IA simil-umane.

*Le opinioni qui espresse sono strettamente personali e non coinvolgono quelle dell’Ente di appartenenza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4