L'approfondimento

Blockchain e banche d’affari, un rapporto che cresce: ecco i progetti

Attrazione ma anche diffidenza: il rapporto tra blockchain e banche d’affari è sembrato a volte controverso, l’interesse però per questa tecnologia è in aumento come dimostrano i casi dell’istituto di credito Goldman Sachs e dell’operatore di borsa australiano ASX

07 Ott 2022
Roberto Culicchi

Of Counsel DWF (Italy)

blockchain-3448502_19201

Il rapporto tra banche d’affari e tecnologia blockchain ha talvolta assunto risvolti controversi. Se osserviamo l’atteggiamento dei grandi istituti di credito noteremo ad esempio che le più grandi banche di Wall Street hanno in gran parte evitato di investire direttamente in criptovalute. Eppure, sin da quando la blockchain ha fatto per la prima volta il suo ingresso a Wall Street intorno al 2015, la tecnologia sottostante la crittografia è stata propagandata dai suoi sostenitori come la panacea per tutti i mali della struttura del mercato.

Del resto, i vantaggi insiti nella diffusione della tecnologia blockchain all’interno del sistema finanziario erano evidenti già allora. Tra i molteplici benefici, si era giustamente messo in evidenza anche come la tecnologia blockchain avrebbe consentito di rendere i meccanismi di regolamento titoli pressoché istantanei, più economici e quasi infallibili. Ciò a sua volta avrebbe permesso di far ritenere obsolete le tradizionali commissioni di intermediazione e di negoziazione applicate dagli intermediari finanziari, ma soprattutto avrebbe comportato per le banche d’investimento un risparmio quantificabile in circa $ 12 miliardi all’anno in costi connessi all’infrastruttura tecnologica.

Dollaro digitale e criptovalute, gli Usa pronti a regolamentare: scenari e nodi da sciogliere

Blockchain e grandi banche, la situazione

Sulla scorta di queste considerazioni, banche d’affari e società di gestione di mercati borsistici hanno iniziato a guardare con sempre maggior interesse alla tecnologia blockchain, dando vita a joint venture, consorzi e progetti strategici, spesso supportati da investimenti milionari, volti a rivoluzionare le obsolete infrastrutture tecnologiche che caratterizzavano l’operatività dell’intero sistema finanziario. È un dato di fatto che oggigiorno molti colossi di Wall Street stiano lavorando per integrare la blockchain, la tecnologia alla base della crittografia, nel trading e in altri business affini. Goldman Sachs, ad esempio, sta già negoziando alcune obbligazioni e altri titoli di debito per i propri clienti su reti infrastrutturali basate su tecnologia blockchain come Ethereum, e la banca d’affari statunitense sta anche costruendo una propria piattaforma di trading basata su blockchain. JPMorgan Chase invece già dispone di una piattaforma di trading proprietaria denominata Onyx.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Va notato che le infrastrutture tecnologiche basate su blockchain che molti colossi di Wall Street stanno per adottare differiscono dalle infrastrutture tecnologiche che alimentano bitcoin ed altre criptovalute. Mentre comune ad entrambe le infrastrutture è la presenza di un programma software che utilizza un sistema di registrazione aperto, una sorta di libro mastro centrale, per tenere traccia delle risorse e registrare le transazioni e le informazioni sulla proprietà di tali risorse, con ogni partecipante che opera sullo stesso libro mastro centrale, i sistemi basati su tecnologia blockchain utilizzati dalle banche d’affari di Wall Street rappresentano delle vere e proprie reti autorizzate, il che significa che una parte centrale, come una banca o un consorzio di banche, può decidere autonomamente chi è autorizzato ad accedere.

Le conseguenze

Il risultato pratico è che oggi poche banche vogliono correre il rischio di essere tagliate fuori dai potenziali vantaggi connessi all’utilizzo della tecnologia blockchain, con la conseguenza che i colossi bancari americani sono impegnati in una corsa agli armamenti per costruire piattaforme concorrenti. La stessa Goldman Sachs ad esempio, può contare su una divisione interna che gestisce le nuove tecnologie e gli asset digitali composta da circa 70 dipendenti a tempo pieno specializzati in settori come l’ingegneria, la compliance, gli affari legali e governativi. L’iniziale scetticismo con cui molti dei principali banchieri di Wall Street avevano guardato a bitcoin ed altre cripto valute, considerate poco più di una moda, è dunque scomparso.

Oggi Goldman Sachs ed altre banche d’affari si affannano nel mettere in evidenza come l’utilizzo della blockchain nelle piattaforme di trading dovrebbe consentire di ridurre il rischio associato al coinvolgimento nelle negoziazioni di titoli di partner commerciali, consentendo dunque di mitigare gli effetti negativi o distorsivi connessi al cosiddetto rischio di controparte. Parimenti, i sostenitori della tecnologia blockchain affermano che le nuove infrastrutture tecnologiche potrebbe rendere più facile per gli emittenti tracciare chi possiede le loro azioni o altre attività, agevolando le attività di record keeping che molta importanza hanno nel sistema finanziario.

Il caso di Goldman Sachs

L’anno scorso, Goldman Sachs ha organizzato un’emissione obbligazionaria con durata biennale da 100 milioni di dollari per la Banca europea per gli investimenti che è stata registrata in Francia e gestita sulla rete Ethereum. Normalmente, il collocamento di obbligazioni del genere richiede cinque giorni di borsa aperta per essere completato, mentre in questa circostanza, grazie all’utilizzo della tecnologia blockchain, si è risolto in appena un’ora. Questo comporta la possibilità di disporre liberamente di denaro che altrimenti potrebbe essere vincolato per giorni tra le controparti ma anche una notevole riduzione del cosiddetto rischio di controparte, ovverosia la possibilità che una delle controparti di una negoziazione incorra in un evento di default prima del positivo completamento della transazione.

Gli ultimi anni sono stati dunque caratterizzati da sforzi sempre più intensi ad opera delle banche e delle borse per implementare nuovi progetti infrastrutturali legati all’utilizzo della tecnologia blockchain. La maggior parte di questi progetti blockchain aziendali sono stati annunciati con grande enfasi.

Il progetto di ASX

Il progetto forse di più alto profilo o ambizioso è quello di ASX, il principale operatore di borsa valori australiano, per sostituire il suo principale sistema di elaborazione post-negoziazione con la tecnologia blockchain. Un vero e proprio colpo per la nascente industria blockchain, ma soprattutto per la startup selezionata tra 400 candidati per sviluppare la tecnologia, Digital Asset Holdings, la società guidata da un veterano del settore delle applicazioni fondate sull’utilizzo della tecnologia blockchain. Con il sostegno azionario di ASX e quello di alti nomi della finanza di Wall Street tra cui la stessa Goldman Sachs, JPMorgan e CME Group, la startup sembrava avere tutti gli ingredienti giusti per realizzare un sogno che ancora nel 2016, data di inizio del progetto, sembrava molto audace. Molti grossi nomi dell’industria finanziaria avevano battezzato l’operazione come il primo vero progetto commerciale su larga scala di creazione di una infrastruttura tecnologica basata sulla tecnologia blockchain.

A più di sei anni di distanza dal lancio del progetto, dopo una serie di ritardi, cambi di governance e investimenti successivi dell’ordine di diversi milioni di dollari, non è ancora chiaro dove stia andando quel progetto o se, peggio, questo si stia trasformando in una vera e propria odissea.

ASX ha dichiarato di recente che non si aspetta che il passaggio alla sostituzione della tecnologia, già ritardato due volte quest’anno, possa essere “live” prima della fine del 2024. Nel frattempo, anche senza blockchain, le azioni australiane continuano a essere scambiate, magari non velocemente come la tecnologia blockchain avrebbe consentito, ma comunque in maniera tale da consentire al mercato di continuare a svolgere la sua attività. Nel frattempo, molti si domandano se questa sostituzione tecnologica da 250 milioni di dollari valga ancora la pena di essere perseguita,

Probabilmente, i prossimi 18 mesi ci sveleranno se quello di ASX possa essere annoverato come il primo positivo case study riguardante l’applicazione della tecnologia blockchain ad una infrastruttura tecnologica borsistica o come un progetto fallimentare che sarà meglio dimenticare in fretta.

La situazione in Italia

Interessante notare come a livello europeo l’Italia sia il paese pioniere nell’utilizzo della tecnologia blockchain ad opera delle banche, con il progetto “Spunta DLT” sviluppato dall’Associazione Bancaria Italiana nel 2020, che coinvolge una rete di più di 100 banche. Nello specifico, il sistema permette di intercettare automaticamente le transazioni non corrispondenti utilizzando un algoritmo condiviso, standardizzando il forum di comunicazione e consentendo una chiara rendicontazione delle transazioni tra le parti interessate. Inoltre, l’utilizzo di Spunta consente di effettuare registrazioni delle operazioni di riconciliazione su base giornaliera anziché mensile. Non solo: Spunta permette alle banche italiane di partecipare a studi di una eventuale moneta digitale.

Ma Spunta non è rimasta un’idea isolata nel contesto; Banca Sella ha infatti lanciato nel contempo Fabrick, la nuova piattaforma di Open Banking, mentre il progetto promosso da Cetif dell’Università Cattolica di Milano con Cherrychain mira alla digitalizzazione dell’ onboarding e del know your customer (le tecniche di classificazione della clientela) con la tecnologia legata alla blockchain. Altri importanti istituti di credito nazionali hanno messo in atto importanti iniziative e progetti in ambito blockchain.

Come sempre, sarà fondamentale che l’adozione da parte degli intermediari di innovazioni tecnologiche improntate a maggiore efficienza non prescinda da requisiti di affidabilità e sicurezza che concorrano a mantenere la fiducia del pubblico e garantire la tutela dell’utenza, con nuovi servizi o prodotti che dovranno essere in grado di assicurare relazioni corrette fra la clientela e gli intermediari.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3