Il punto della situazione

I numeri della fattura elettronica B2B a oltre un mese dall’obbligo: un bilancio (pro e contro)

Il Sistema di interscambio ha retto all’avvio dell’obbligo di fattura elettronica B2B: al 18 febbraio, 228 milioni di fatture elettroniche sono transitate dal SDI, diverse le anomalie tecniche riscontrate dai contribuenti ma in generale la sensazione è positiva

13 Feb 2019
Daniela Mulone

Dottore Commercialista

Daniele Tumietto

Dottore commercialista

regime forfettario

Dopo il primo mese di avvio dell’obbligo di fatturazione elettronica B2B è necessario fare qualche considerazione, ancorché prematura per una compiuta valutazione, ma utile per comprendere come si sta sviluppando questa importante innovazione per il nostro paese.

I primi dati della fattura elettronica B2B

Iniziamo a dare qualche numero significativo:

  • nel mese di gennaio sono state gestite dal Sistema di Interscambio 105 milioni di fatture elettroniche. Ricordiamo che nel medesimo periodo del 2018 erano state trasmesse 2,6 milioni di fatture elettroniche, costituite da fatture verso PA (97,97%) e fatture tra privati (1,23%);
  • alla data del 5 febbraio il numero di fatture elettroniche transitate dal SDI era già cresciuto a 132 milioni;
  • alla data del 18 febbraio, sono stati inviati 228 milioni di file da parte di 2,3 milioni di soggetti;
  • le fatture elettroniche scartate dal SDI a gennaio erano il 4,8%;
  • quelle scartate al 18 febbraio erano il 4,43%.

I primi diciotto giorni di febbraio hanno portato un significativo incremento, la fattura elettronica si conferma un trend in progressiva crescita grazie alla maggior consapevolezza degli utenti verso questo nuovo strumento. Il trend si nota anche dalla diminuzione significativa della percentuale delle fatture scartate dal SDI. Gli scarti sono dati per la maggioranza da errori formali, come erronea indicazione del Codice Destinatario e del numero di partita IVA.

WHITEPAPER
Conquistare il consumatore cinese sui social: le sfide
Marketing
Retail

I settori più interessati

Al 18 febbraio, secondo i dati dell’Agenzia delle entrate, il settore più attivo nella trasmissione delle e-fatture al SDI è l’ambito del commercio all’ingrosso e al dettaglio o riparazione di autoveicoli e motocicli: 55.750.194 fatture inviate da 550.039 operatori.

Nel manifatturiero le fatture trasmesse sono 20.236.052, mentre quelle inviate da attività di noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese sono 10.490.684. I file inviati nel settore del trasporto e magazzinaggio sono 7.741.565.

Tra gli operatori i più attivi dopo concessionarie e autofficine sono i liberi professionisti, ben 338.691, i costruttori, 269.972, gli operatori delle manifatture, 269.600, e gli agenti immobiliari 142.627, in coda alberghi e ristoranti (121.171).

La classifica regionale

Al 18 febbraio 2019, secondo l’agenzia delle entrate, la Lombardia è la regione più coinvolta nell’invio di fatture. Il podio comprende:

  • Lombardia con 81.180.119 fatture
  • Lazio (51.235.686 fatture inviate)
  • Emilia-Romagna (13.524.740)

Tra le regioni del Nord spiccano anche il Veneto (12.153.873 fatture inviate) e il Piemonte (12.009.929). Al la Toscana conta 8.048.074 fatture inviate, seguita dalle Marche (3.103.146) e dall’Umbria (1.792.741). Al Sud la Campania registra 6.947.742 di fatture, la Sicilia invece 4.696.895, mentre la Puglia 4.344.587 le fatture.

Le anomalie

Ci sono state alcune anomalie di funzionamento nell’avvio della fatturazione elettronica dal primo gennaio – a quanto risulta dai commenti sui principali gruppi su Facebook dei Dottori Commercialisti – e l’Agenzia delle entrate è al lavoro per risolverle. Con riferimento alle discussioni sui social, i quesiti tecnici più frequenti, anche se non sempre di grande rilevanza sono riassumibili (tra gli altri) in:

  • problemi a identificare la data di registrazione delle fatture acquisti e relativo diritto alla detrazione;
  • tipologie di controlli effettuati sulle fatture elettroniche e motivazione dei relativi scarti;
  • quale comportamento adottare per trattare correttamente le fatture a e dalla Repubblica di  San Marino;
  • quali comportamenti adottare per come correggere i successivi invii di fatture che sono risultate errate, non solo quelle scartate da SDI.

Il Sistema di interscambio sta reggendo

Problemi ci sono stati e ci sono tutt’ora, ma bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno perché i numeri pubblicati dall’Agenzia delle entrate dimostrano che il Sistema di Interscambio ha retto l’impatto dell’avvio dell’obbligo di fatturazione elettronica tra privati e sta andando avanti in modo soddisfacente.

Oltre ai dati sopra indicati va fatta anche un’analisi qualitativa del lavoro svolto da Sogei, il partner tecnologico dell’Agenzia delle entrate che ha la gestione del Sistema di Interscambio, che “non ha avuto interruzione dell’erogazione del servizi o rallentamenti” e che “anche i centri multicanali dell’Agenzia non hanno ricevuto segnalazioni di malfunzionamenti”, come scrive la stessa ADE. Per il 97% dei documenti inviati è stata già resa disponibile la ricevuta per la quale c’erano 5 giorni di tempo.

I problemi riscontrati

L’avvio di un’innovazione così importante è inevitabile che porti ad alcuni problemi superabili: indispensabile cercare tutti di lavorare per migliorare il sistema e non per affossarlo. Tra i vari problemi riscontrati dai contribuenti i più frequenti sono stati:

  • casi di mancata consegna della fattura elettronica al cliente, non persona fisica, nonostante indicazione corretta del codice destinatario e indicazione dello stesso sul portale “fatture e corrispettivi”;
  • fatture elettroniche verso clienti, diversi da persona fisica, inviate in data 31/12/2018 e non consegnate;
  • fatture elettroniche che risultano inviate tramite il proprio “gestionale” che ma sono rinvenibili sul portale “fatture e corrispettivi” nella sezione fatture elettroniche ricevute. Alcuni contribuenti hanno poi risolto il problema consultando la sezione fatture messe a disposizione, sembrerebbe pertanto diffuso il fatto che c’è poca conoscenza del diverso scopo e funzionamento delle sezioni del portale “fatture e corrispettivi”;
  • fornitore italiano che ha emesso ed inviato, tramite servizio fattura elettronica dell’Agenzia delle entrate una fattura verso cliente con partita Iva italiana digitata erroneamente con il codice paese ISO di altro stato (non IT ma differente). Il Sistema di Interscambio non ha dato segnalazione di errore inviandola. Ci si domanda se e come vengono effettuati, preventivamente all’invio della fattura elettronica, i controlli sull’esistenza e correttezza delle partite Iva estere, o quantomeno di quelle iscritte al VIES;
  • Cambio di partita Iva italiana, comunicato regolarmente all’Agenzia delle entrate. Dopo l’emissione delle fatture elettroniche è stata fatta con l’erronea indicazione della vecchia partita IVA, senza che si sia verificato un blocco o un avviso di anomalia.
  • Casi di fatture elettroniche verso privati, con codice fiscale errato, che non vengono scartate.

Questi sono solo alcuni dei quesiti formulati che in parte sono dovuti anche ad una continua emanazione di indicazioni di comportamento che viene effettuata tramite FAQ o comunicati. Sarebbe stato meglio coinvolgere tutti i soggetti interessati al processo di fatturazione elettronica (i cosiddetti stakeholder), nell’ambito del Forum Italiano sulla Fatturazione elettronica, nella predisposizione di linee guida che, in anticipo rispetto all’avvio dell’obbligo, potessero essere di ausilio per i soggetti che poi dovevano partire con l’emissione delle fatture elettroniche. Un’ultima nota riguarda alcuni produttori di software che, in base ad un’indagine di Unappa,  avrebbero attuato politiche commerciali aggressive e con adibiti di costi extra contrattuali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link