Comarch E-Invoicing

Clearance Model: verso una nuova era per la fatturazione elettronica?

Automatizzare i processi di supply chain e di fatturazione permette alle aziende un accesso rapido e sicuro a dati affidabili, l’ottimizzazione dei processi con la Robotic Process Automation e riduzione dei costi di gestione dei documenti. Un passaggio fondamentale in vista della fatturazione elettronica europea 2020

28 Ott 2019
Adam Beldzik

direttore della Business Unit E-INVOICING, Comarch


Non molto tempo fa, gli imprenditori si preparavano a implementare soluzioni che permettessero di rappresentare le dichiarazioni fiscali nel formato Standard Audit File per il formato fiscale.

Il primo gennaio 2019, l’Italia è stato il primo paese in Europa a rendere la fatturazione elettronica obbligatoria per tutte le transazioni B2B e B2C. Un nuovo cambiamento significativo è avvenuto il 18 aprile 2019, il termine ultimo entro il quale le pubbliche amministrazioni europee dovevano essere pronte a ricevere le fatture elettroniche strutturate (obbligo che verrà esteso a tutte le pubbliche amministrazioni, anche quelle locali a partire dal 18 aprile 2020, ndr) . La rivoluzione sta quindi prendendo slancio, siamo pronti?

L’amministrazione fiscale non è mai stata così facile

L’IVA è una significativa fonte di entrate per i bilanci degli Stati membri dell’Unione europea. Non sorprende quindi che le autorità fiscali stiano adottando nuove misure con lo scopo di facilitare la gestione dell’IVA. Il loro obiettivo principale è quello di inasprire il sistema al fine di ridurre il divario sull’IVA dovuta e quella riscossa, tra le diverse cause abbiamo il problema dell’evasione fiscale, la principale fonte di perdite per i paesi europei. Da un lato la legislazione viene approvata, mentre d’altro un ruolo importante viene svolto dalla crescente tendenza europea a sostituire le fatture cartacee con i loro equivalenti elettronici, che conferisce ai paesi un maggiore controllo su IVA pagata dai contribuenti.

In passato, le imprese erano molto più avanti di autorità fiscali in termini di digitalizzazione dei processi e scambio elettronico di documenti. Nel corso del tempo, alcuni paesi hanno introdotto la possibilità di presentare le dichiarazioni fiscali online, mentre altri hanno permesso ai loro contribuenti di emettere fatture elettroniche. Tali decisioni sono state generalmente motivate dal desiderio di semplificare le procedure e rendere la vita più facile per i contribuenti. Dal momento che l’IVA è un elemento importante delle entrate del settore pubblico, da diversi anni osserviamo la tendenza a promuovere lo scambio elettronico di documenti con le autorità fiscali. Grazie alla tecnologia, infatti possono raccogliere e analizzare più dati dai contribuenti rispetto al passato.

Digitalizzazione fatture: clearance model o post-audit?

Ci sono due approcci globali alla fatturazione elettronica: il modello “Clearance” e il post-audit. Nel primo, le fatture non possono essere emesse direttamente tra acquirente e venditore, ma prima devono essere presentate a un’autorità fiscale (come in Brasile e Messico) o inviate ai sistemi governativi (come in Italia e Turchia). Questo approccio consente alle autorità fiscali di controllare le transazioni in tempo reale, che in pratica significa un controllo più rigoroso su riscossione delle imposte e la possibilità di reagire rapidamente qualora si scopra un inadempimento in termini di report fiscale.

In Europa il modello principalmente utilizzato è quello del post-Audit: le fatture vengono scambiate direttamente tra il venditore e l’acquirente e le autorità fiscali verificano le transazioni dopo il loro completamento. In molti Stati della comunità europea si è diffuso l’obbligo di riferire i dati alle autorità fiscali utilizzando lo standard SAF-T o un formato nazionale simile. Questa soluzione è stata adottata in Portogallo e poi si è diffusa in altri paesi, come il Lussemburgo, la Francia, Polonia e l’Ungheria. La soluzione si è rivelata molto efficace, consentendo spesso alle autorità fiscali di ottenere informazioni sulle transazioni quasi in tempo reale, ma non si è rivelato efficace quanto il modello Clearance, che mette l’autorità fiscale al centro della transazione.

OpenPEPPOL: standard comune per i rapporti commerciali con gli enti pubblici in Ue

Come accennato in precedenza, un passo importante verso la fatturazione elettronica ha avuto luogo il 18 aprile 2019 – il termine ultimo entro il quale le autorità fiscali europee devono essere pronte a ricevere fatture elettroniche strutturate secondo la direttiva 2014/55 / ​​UE. Il suo scopo è quello di garantire un ambiente armonizzato per la fatturazione elettronica in tutta l’UE. In risposta a queste esigenze, l’associazione OpenPEPPOL ha avviato una delle più grandi iniziative in termini di fatturazione elettronica nel mondo. Il suo scopo è quello di aumentare la competitività dei fornitori, allo stesso tempo mantenere un sistema omogeneo nella comunità europea senza creare ostacoli nell’implementazione della fatturazione elettronica nel mercato europeo.

La direttiva 2014/55/EU: verso un cambiamento radicale nella fatturazione elettronica

Mentre le soluzioni di OpenPEPPOL sono in fase di implementazione, alcuni paesi stanno utilizzando l’esperienza dell’America Latina, una regione che da anni utilizza con successo il modello autorizzativo. Si tratta principalmente di paesi che si trovano ad affrontare problemi simili: evasione fiscale e frode dell’IVA, con conseguente ingenti perdite di entrate. L’Italia è lo stato della comunità europea con il maggiore gap tra IVA dovuta e versata. Secondo lo studio e i rapporti sul VAT Gap in Europa – 28 Memeber States: 2018 Final Report nel 2016, la differenza tra le entrate previste dall’IVA e il risultato effettivo è stata di 35 miliardi di euro. Non sorprende quindi che l’Italia sia diventato il primo Stato in Europa a seguire l’esempio dell’America Latina. Una volta che l’Italia ha deciso di passare alla fatturazione elettronica non solo nei rapporti con le pubbliche amministrazioni, anche in tutti i rapporti commerciali, questo argomento è diventato un tema caldo in tutta Europa.

Sembra che la tendenza ad implementare i controlli fiscali in tempo reale stia portando a un vero e proprio cambiamento nel mercato europeo. Si può facilmente ipotizzare che altri paesi seguiranno

L’importanza di avere un solido partner

Sempre più organizzazioni operano a livello internazionale. Questa strategia richiede l’implementazione di nuove soluzioni in termini di gestione aziendale e l’obbligo di dover tenere conto di diverse normative legali. Oggi, la conformità legale è un requisito che non può essere ignorato, soprattutto in considerazione del ritmo pressante con cui vengono applicati cambiamenti nelle regolamentazioni. Alla vigilia di questa rivoluzione digitale, è importante scegliere un partner affidabile in grado di assistere le aziende globali nella corretta implementazione delle soluzioni locale e tenerle informate formate sui cambiamenti imminenti col giusto anticipo.

Comarch E-Invoicing è uno dei settori di Comarch che fornisce tecnologia all’avanguardia con lo scopo di permettere alle aziende di automatizzare i processi di supply chain e di fatturazione. Un supporto completo sia alla collaborazione interna che esterna con i partner includendo lo scambio di prodotti, merchandising, forniture di analitiche, logistica e dati finanziari, per ottenere i migliori risultati. Questo si traduce per le aziende in un accesso rapido e sicuro a dati affidabili, l’ottimizzazione dei processi con la Robotic Process Automation e riduzione dei costi di gestione dei documenti.

Quest’articolo è parte di un progetto di comunicazione editoriale che Agendadigitale.eu sta sviluppando con il partner Comarch

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati