Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Come si compie lo Sportello unico servizi della Regione Sardegna

di Antonello Pellegrino, Direttore Generale Affari generali e della società dell’informazione Regione Sardegna

07 Mar 2017

7 marzo 2017

E’ in fase conclusiva il progetto di Sportello Unico Servizi, SUS, che riunisce in un unico portale tutti i servizi della Regione Sardegna per cittadini a imprese, integrato con il portale Regionale e gli altri servizi, interamente finanziato da fondi europei, vale 6,5 milioni di euro: tutti i dettagli

Semplificare i rapporti con gli utenti/clienti attraverso uno sportello unico integrato di procedimenti che erogherà, in forma omogenea, coerente e multicanale i servizi telematici offerti dalla Regione, rappresentando il punto elettivo di interazione con la pubblica amministrazione regionale: è l’obiettivo del Progetto denominato BPR-SUS (Sportello Unico Servizi) della Regione Sardegna, interamente finanziato con fondi comunitari, che consiste nell’analisi e miglioramento dei procedimenti amministrativi con valenza verso l’esterno (quindi indirizzati a cittadini e imprese). Prevede un sistema unico di accesso e gestione che si affianchi a quelli già realizzati (SUAP, SIRA, sistemi per i servizi sanitari) per arrivare a completare la gamma di procedure e istanze gestite per via telematica. Ecco gli obiettivi di progetto: reingegnerizzazione e miglioramento dei procedimenti amministrativi, sviluppo di un sistema informativo integrato con gli altri SI per incrementare il numero di servizi fruibili da cittadini e imprese, creazione di una piattaforma, in architettura orientata ai servizi (SOA), abilitante l’interoperabilità dei sistemi informativi.

Il SUS risponde alle seguenti indicazioni legislative:

  • Art. 24, comma 3-bis DL 24 giugno 2014, n. 90, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 114 (Agenda della semplificazione amministrativa e moduli standard) “Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale di cittadini e imprese”;
  • LEGGE 7 agosto 2015, n. 124 – Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche – RIFORMA MADIA – “Art. 1. Carta della Cittadinanza Digitale”: “ … garantire ai cittadini e alle imprese, anche attraverso l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, il diritto di accedere a tutti i dati, i documenti e i servizi di loro interesse in modalità digitale …”, “… garantire la semplificazione nell’accesso ai servizi alla persona, riducendo la necessità dell’accesso fisico agli uffici pubblici …”.

L’intervento è suddiviso in tre fasi distinte:

  1. Analisi di pre-istruttoria (Fase 0 – tramite affidamento in house alla società regionale ICT Sardegna IT) – Conclusa

  2. Analisi strategica, analisi organizzativa e Business Process rengineering – BPR (Fase 1 – individuazione del fornitore tramite procedura di evidenza pubblica) – Conclusa

  3. Realizzazione dello Sportello Unico e informatizzazione dei procedimenti re-ingegnerizzati – BPR2 (Fase 2 – individuazione del fornitore tramite procedura di evidenza pubblica) – in corso.

L’interazione coi fruitori esterni (cittadini e imprese) avverrà attraverso uno specifico portale dedicato alla pubblicazione dei servizi offerti, organizzato aggregando i servizi secondo più criteri (tipologia utente, servizi omogenei, tematica, ecc.). Il canale di accesso telematico avrà quindi uno stile grafico uniforme e consentirà, in modo trasparente per l’utente, l’integrazione funzionale con l’attuale portale regionale (anch’esso in fase di profonda rivisitazione) e gli altri sistemi della Regione, in modalità low-coupling. In definitiva si mira ad avere l’erogazione di servizi on line di qualità (con approccio user-centric), basati su:

  • Descrizione e informazioni sul procedimento;
  • Gestione del ciclo di vita del procedimento (avvio, richiesta, verifica stato) previa autenticazione al portale mediante SPID (Workflow Management System);
  • Modulo per la gestione e la condivisione della conoscenza acquisita sui procedimenti;
  • Monitoraggio dello stato e notifiche agli utenti.

Il progetto SUS ha un valore complessivo di circa 6,5 milioni di euro: le fasi 0 e 1 sono state finanziate con il POR FESR 2007-2013, mentre la fase 2 è in corso di realizzazione con fondi POR FESR 2014-2020. Nel dettaglio:

  • Fase 0 – Analisi preliminare (Affidamento a Sardegna IT) : 54mila euro
  • Fase 1 – Analisi Reingegnerizzazione dei processi amministrativi (a cura PWC- PricewaterhouseCoopers) : 1,4 milioni di euro
  • Fase 2 – Informatizzazione e Sportello Unico (a cura RTI Engineering S.p.a., Telecom S.p.a. e Clariter S.r.l.) : 5 milioni di euro

Si tratta di un intervento estremamente complesso e ambizioso, che sin dall’analisi preliminare dei procedimenti ha interessato l’Amministrazione Regionale in modo capillare in tutte le strutture, con il seguente livello di coinvolgimento:

  • Presidenza della Regione
  • 11 Assessorati
  • 18 Direzioni generali
  • Ufficio Ispettivo e Centro Regionale di Programmazione

Fondamentale per la riuscita dell’intervento si sta rivelando la condivisione massima delle competenze e delle risorse già presenti in Regione (in termini sia di know how che di DB esistenti). È stato possibile creare la base dati iniziale (comprendente circa 900 procedimenti) grazie all’integrazione della Banca dati URP (già presente online) e la collaborazione di tutte le strutture per l’aggiornamento e la validazione. Partendo dal nucleo iniziale di 900 procedimenti, ne sono stati sottoposti ad analisi e re-ingegnerizzazione, ai fini della informatizzazione e passaggio alla erogazione on line, complessivamente 188. Tali procedimenti interessano 18 diverse Direzioni Generali regionali. Con un ulteriore processo di scelta e affinamento sono stati confermati come prioritari, per il passaggio alla modalità telematica di erogazione, 134 procedimenti.

In figura, l’architettura di massima dello Sportello Unico

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati