Esperto risponde

ASD e fattura elettronica, cosa dice la legge

Gli obblighi della ASD in tema di fatturazione elettronica dipendono dal regime fiscale adottato, non dall’essere associazione sportiva dilettantistica

16 Ott 2019
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Una ASD  sportiva di nuova costituzione che non ha ricavi oltre 65.000 euro è obbligata alla fatturazione elettronica?

Ruggiero Tatoli

RISPOSTA

WHITEPAPER
Trasformazione digitale per PMI: tutto quello che c’è da sapere
Dematerializzazione
Digital Transformation

L’obbligo non dipende dallo status della ASD, ma dal suo regime fiscale, ovviamente se titolare di partita IVA. Infatti, l’ultimo periodo del comma 3 dell’articolo 1, Decreto legislativo 127/2015, dispone che:

“Sono altresì  esonerati dalle predette disposizioni i soggetti passivi che hanno esercitato l’opzione di cui agli articoli 1 e 2 della legge 16 dicembre 1991, n. 398, e che nel periodo d’imposta precedente hanno conseguito dall’esercizio di attività commerciali proventi per un importo non superiore a euro 65.000; tali soggetti, se nel periodo d’imposta precedente hanno conseguito dall’esercizio di attività  commerciali proventi per un importo superiore a euro 65.000, assicurano che la fattura sia emessa per loro conto dal cessionario o committente soggetto passivo d’imposta”.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati