Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperto risponde

Birra artigianale: la fattura elettronica non sostituisce la bolla di accompagnamento

15 Nov 2018

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Salve, sono un produttore di birra artigianale, nel mio settore è previsto l’utilizzo di fattura accompagnatoria o in alternativa l’uso di bolla di accompagnamento e successiva emissione di fattura; non è ammesso l’utilizzo del ddt nella prima movimentazione da magazzino per una norma che esclude alcool e carburanti dalla semplificazione dei ddt.

Visto che le bolle di accompagnamento sono ancora con i vecchi blocchetti da scrivere manualmente, uso praticamente sempre la fattura accompagnatoria per evitare di dover scrivere a mano tutti i dati in bolla, senza aver modo di archiviarla in maniera digitale.

Da tutte le informative lette si parla solo e unicamente di fattura elettronica, ma non viene posto il problema trasporto nei casi come il mio. Inoltre, non si capisce se sparirà o meno la fattura accompagnatoria, che nel mio campo è fondamentale per non incorrere in enormi perdite di tempo oltre che a rischi di errate compilazioni dei dati fiscali da scrivere a mano ogni volta.

Potreste darmi qualche delucidazione su questo punto?

Anselmo Verrino

RISPOSTA

Il trasporto della birra da lei prodotta è assoggettato all’obbligo di emissione della bolla di accompagnamento merci (BAM), in quanto la fattispecie da Lei rappresentata costituisce prima immissione al consumo (vedi Circolare 4/D del 15/4/2014 Agenzia dei Monopoli e delle Dogane, punto I), per cui la emissione della fattura elettronica rappresenta un adempimento che non può sostituire l’obbligo a Suo carico di emissione di BAM.

Le bolle di accompagnamento potrebbero anche essere stampate meccanograficamente, e la fattura elettronica potrebbe anche essere predisposta dal software attingendo i dati dalle bolle.

Tutto questo in attesa che al  traporto delle merci, per cui è rimasto in vigore l’obbligo della bolla di accompagnamento, venga estesa la possibilità di emissione del DDT elettronico, (c.d. ETD),   già previsto  per i trasporti aerei e marittimi (vedi comunicazione Agenzia Monopoli e Dogane del 5/3/2018 n. 25515/RU).

Tenga presente che alla fattura elettronica possono essere allegate anche le Bolle di Accompagnamento merci (previa scansione), a condizione che ciascun file-fattura non ecceda i 5 Mb. Questo accorgimento potrebbe semplificarle la ricerca dei documenti.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4