Esperto risponde

Caparra confirmatoria o acconto sulla prestazione: quando fare fattura elettronica

Gli acconti sulle prestazioni ricevuti dai regimi ordinari semplificati per cassa rilevano sia ai fini IVA che ai fini delle imposte sul reddito: vediamo un caso pratico

18 Dic 2019
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Ho ricevuto un anticipo di poco inferiore alla metà dell’importo pattuito in preventivo. Devo per forza effettuare fattura inserendo anticipo e data del bonifico ricevuto oppure a gennaio, quando consegnerò merce e servizi, potrò fare un’unica fattura elettronica (sono in regime ordinario semplificato), inserendo saldo anticipo di xxx il giorno di dicembre e richiesta saldo il giorno di gennaio?

Questi dubbi perché:

  • Se faccio fattura di anticipo a dicembre mi aumenta l’iva a debito che già è tanta.
  • Se faccio fattura di anticipo aumenta il mio reddito annuale e quindi andrò a pagare molto, già ora sono arrivato a cifre da capogiro con aliquota al 38% che ho adesso con ditta individuale.

Arturo Forlano

RISPOSTA

Se l’anticipo ricevuto è una caparra confirmatoria, la stessa non è soggetta ad IVA e non rileva ai fini delle imposte sul reddito, non rappresentando  il corrispettivo della sua prestazione, ma una dazione di danaro che assolve a finalità poste a tutela dell’adempimento del contratto.

WHITEPAPER
Sicurezza e strumenti digitali intelligenti: il nuovo volto dello Smart Working
Dematerializzazione
Network Security

Se invece lei ha ricevuto un acconto sulla prestazione, è obbligato ad emettere fattura perché si sono realizzate le condizioni previste dall’articolo 6 del DPR 633/1972 (effettuazione delle operazioni).

Ai fini delle imposte dirette, per i soggetti che si avvalgono del regime semplificato per cassa (articolo  66 DPR 917/1986), l’Agenzia delle Entrate, con la circolare 11/E del 13 aprile 2017, punto 3.1.,  ha affermato che “È da sottolineare come, relativamente alle operazioni da cui derivano componenti positivi e negativi di reddito che concorrono alla determinazione del reddito secondo il criterio di cassa, assumano rilevanza, anche gli eventuali versamenti effettuati o i corrispettivi ricevuti a titolo di acconto”.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3