Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperto risponde

Come conservare le fatture analogiche di contribuenti in regime forfettari

12 Mar 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Avrei un quesito: ho ricevuto una fattura cartacea da un fornitore in regime forfettario che ha deciso di non utilizzare la fattura elettronica, come mi devo comportare? La scansiono e salvo in .xml?

Franzoni Paola

RISPOSTA

Le fatture – legittimamente –  emesse in formato analogico da un contribuente forfetario vanno trattate in maniera analogica, quindi annotate sui libri iva e sulle scritture contabili e conservate nella stessa forma cartacea.

I documenti analogici non unici, come per esempio la fattura in questione, possono essere conservati con le modalità e nei termini previsti dal D.M.E.F. del 17/6/2014,  previa scansione e inserimento nel pacchetto di archiviazione, da assoggettare alle regole tecniche previste dal DPCM 3/12/2013. A norma del terzo comma dell’articolo 3 del DMEF 17/6/204, il  processo di conservazione deve essere effettuato entro il termine di tre mesi dalla scadenza di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa alla annualità a cui si riferiscono i documenti da porre in conservazione.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4