Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperto risponde

eFattura: cosa fare quando non si ha certezza del Codice Destinatario

11 Mar 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Vorrei sapere se è possibile verificare se un codice destinatario in mio possesso è corretto ed in che modo. Talvolta tali codici vengono trascritti a mano dai clienti e quando la cassa mi consegna l’elenco delle fatture da emettere (di solito di sera quando le aziende sono chiuse al pubblico) mi accorgo di non essere certa di saper distinguere uno 0 (zero) da una O (lettera) oppure un 1 (uno) da una I (lettera). Questo fa perdere tempo perché si deve aspettare l’apertura dell’azienda, cercare il contatto giusto, chiedere verifiche. Se fosse possibile scovare un archivio nel web, questo agevolerebbe il lavoro, permettendo di eliminare autonomamente ed immediatamente tutti gli eventuali dubbi a qualsiasi ora del giorno e della notte senza disturbare nessuno. Ringrazio,

Elena Bogo

RISPOSTA

Il “codice destinatario” è  un codice di sette caratteri alfanumerici che contraddistingue il canale telematico dell’intermediario, accreditato con l’Agenzia delle Entrate, al quale il suo cliente si è rivolto per la gestione del servizio di  fatturazione elettronica. E’ quindi possibile – anzi è la regola – che il codice sia utilizzato da diverse imprese.

In ogni caso, non esiste un elenco consultabile.

Per cercare di rimediare alle problematiche da Lei poste, Le posso suggerire, nella ipotesi in cui Lei non abbia certezza del codice che Le è stato indicato, di inserire come codice destinatario  “0000000” (sette zeri)  e di indicare l’indirizzo di posta elettronica certificata, reperibile facilmente all’indirizzo inipec.gov.it, nel campo 1.1.6   <PECDestinatario>.

In questo modo, se il suo cliente ha registrato il canale telematico per la ricezione delle fatture elettroniche  riceverà le fatture sul canale registrato, in caso contrario le riceverà all’indirizzo di PEC. Tanto nella prima che nella seconda ipotesi, la fattura sarà recapitata e Lei avrà adempiuto gli obblighi posti a Suo carico.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4