Emissione scontrino in ritardo, perché si rischia la sanzione - Agenda Digitale

Esperto risponde

Emissione scontrino in ritardo, perché si rischia la sanzione

Vediamo cosa succede nel caso di errata indicazione della modalità di pagamento nel documento commerciale

06 Ago 2021
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

DOMANDA

Riguardo all’eventuale obbligo di indicare sullo scontrino fiscale di indicare se il cliente paga in contanti o con Pos, al ristorante col pagamento al tavolo talvolta sfugge l’emissione dello scontrino in contemporanea al pagamento. Questo succede perché se il cliente paga al tavolo gli viene portato un pre conto non fiscale. Se paga con Pos, eseguiamo il pagamento al tavolo emettendo lo scontrino e poi andiamo alla cassa a stampare lo scontrino fiscale specificando il tipo di pagamento. Può capitare che ci dimentichiamo di stampare subito lo scontrino, per cui lo facciamo successivamente. Abbiamo provato a chiedere al cliente il tipo di pagamento a priori ma capita, e non di rado, che decida diversamente o ognuno dei commensali paghi per se. Chiedo se sono soggetta a sanzione se stampo lo scontrino in ritardo pur facendo una nota sullo scontrino.

Anna D.

RISPOSTA

Se il cliente esce dal locale e lei non ha emesso (ossia memorizzato nel suo registratore telematico o tramite la app per la emissione dei documenti commerciali sviluppata dall’Agenzia delle Entrate) il documento commerciale, lei è passibile di sanzione, in quanto la dimenticanza è qualificabile come omissione, sanabile con ravvedimento ai sensi dell’art.13 del Decreto legislativo 472/1997 prima della eventuale constatazione della violazione. Indicare un sistema di pagamento diverso da quello effettivo di per sé non è una imprecisione sanzionabile, potrebbe rettificarlo anche con una comunicazione ufficiale (per esempio a mezzo pec), oppure potrebbe annullare il documento commerciale e riemetterlo con la modalità di pagamento corretta, ma se gli errori fossero reiterati potrebbero dare adito a sospetti e a presunzioni dalle quali potrebbe essere non semplice difendersi in sede di eventuale accertamento. Anche qui, la soluzione sta nella procedura, ossia il documento commerciale andrebbe emesso contestualmente al pagamento, non prima. Tenga presente che sul mercato esistono soluzioni tecnologiche e software che integrano la possibilità di emettere il documento commerciale in uno col sistema di pagamento, per cui in questo modo l’errore a cui Lei fa cenno sarebbe evitato.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4