Esperto risponde

Fattura elettronica, come gestire la detraibilità oggettiva Iva limitata

Vediamo come emettere la fattura per la vendita di beni acquistati con detrabilità oggettiva IVA limitata

22 Ott 2021
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

DOMANDA

Una società di persone ha in carico tra i cespiti dei vecchi telefoni cellulari acquistati con aliquota Iva al 20%.

Dato che è in procinto di essere messa in liquidazione e successivamente chiudere la partita Iva, vorrebbe cedere questi telefoni ad uno dei soci con una fattura elettronica verso persona fisica.

All’epoca fu eseguita una detrazione Iva al 50%. Pertanto, oggi, la fattura di vendita quale aliquote dovrebbe presentare?

Francesco Cipressi

RISPOSTA

La cessione dei beni sconta l’aliquota IVA in vigore al momento di effettuazione della operazione, come definita dall’articolo 6 del DPR 633/1972 (consegna o pagamento se antecedente), a nulla rilevando l’aliquota IVA vigente al momento dell’acquisto; quindi la cessione è soggetta ad IVA al 22%.

Se la detraibilità IVA al momento dell’acquisto fu del 50% in applicazione delle limitazioni imposte dall’articolo 19-bis1, o de altre limitazioni oggettive, la norma applicabile alla cessione è il comma 5 dell’articolo 13 del DPR 633/1972, che così recita: “Per le cessioni che hanno per oggetto beni per il cui acquisto o importazione la detrazione é stata ridotta ai sensi dell’articolo 19-bis.1 o di altre disposizioni di indetraibilità oggettiva, la base imponibile é determinata moltiplicando per la percentuale detraibile ai sensi di tali disposizioni l’importo determinato ai sensi dei commi precedenti”. Quindi, se il valore normale di cessione fosse pari a 100, Lei dovrebbe assoggettare ad IVA al 22% un imponibile di 50.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3