Esperto risponde

Fattura elettronica, come riportare la dichiarazione di intento

Gli estremi della dichiarazione di intento vanno riportate su ciascuna riga di dettaglio della fattura elettronica

09 Mar 2022
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

obbligo fattura elettronica forfettari

DOMANDA

Buongiorno,

in tema di fatturazione elettronica, volevamo porre il seguente quesito: a seguito di ricevimento di dichiarazione d’intento, la fattura deve riportare i dati della dichiarazione d’intento ricevuta nel blocco “altri dati gestionali”, come previsto dal provvedimento n. 293390 del 2021. In caso di fattura riportante più righe di prodotti/merci oggetto di cessione, vi chiediamo:

  • se i dati relativi alla dichiarazione d’intento vanno riportato per ogni singola riga di fattura, oppure,
  • se la dichiarazione d’intento copre tutto l’importo della cessione, e sufficiente riportare i dati della dichiarazione d’intento in un solo blocco “altri dati gestionali”.

Davide Sanzaro

RISPOSTA

La indicazione degli estremi della dichiarazione di intento è prevista a livello di singola riga di dettaglio. In pratica, il campo 2.2.1.16 (altri dati gestionali) fa parte del blocco 2.2.1 – dettaglio linee). Ciò è stato così impostato perché in una stessa fattura potrebbero esserci riferimenti a diverse dichiarazioni di intento ricevute. In conformità a ciò, ritengo che sia necessario riportare la indicazione su ciascuna riga di dettaglio; altrimenti opinando ci potremmo trovare in presenza di un articolo con gli estremi della dichiarazione di intento ed un altro senza alcun estremo, e questo potrebbe ingenerare il dubbio che quella specifica cessione non sia “coperta” dalla non imponibilità.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2