Esperto risponde

Fattura elettronica con partita IVA corretta ma soggetto sbagliato: come fare

Quando si riceve una fattura elettronica con partita IVA corretta ma intestata a un altro soggetto, non bisogna registrarla: ecco perché

31 Lug 2020
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Mi sono accorta che ho ricevuto in data 16 giugno 2020 una fattura elettronica intestata ad altra azienda ma che comunque è arrivata a me. Come devo procedere?  Premesso che ho già mandato una mail al fornitore chiedendo spiegazioni in merito (non mi spiego infatti come abbia potuto avere il mio codice se non lo conosco affatto)  Presumo che io non debba proprio registrare il documento in questione.

Argia Pelletterie

RISPOSTA

WEBINAR
Gestione documentale digitale di ultima generazione: opportunità e benefici
Dematerializzazione

Il sistema di interscambio incentra i suoi controlli e l’instradamento delle fatture elettroniche prendendo come chiave identificativa del destinatario la sua partita IVA. I controlli sui campi anagrafici sono solo di esistenza e non di congruità rispetto alla partita IVA indicata. Nel suo caso si sarà verificato che chi ha emesso la fattura abbia commesso un errore nell’inserimento della partita IVA che, per caso fortuito, è risultata essere la vostra.

La fattura non dovrà essere registrata perché estranea alla sua attività. Le faccio presente che il “suo” codice SDI non è soltanto suo ma anche di tutti gli altri titolari di partita IVA che si sono avvalsi del suo stesso “intermediario” come canale di ricezione delle fatture elettroniche. Se Lei ha ricevuto la fattura tramite il canale telematico del suo “intermediario”, nel servizio di fatturazione elettronica sono possibili due ipotesi: o Lei ha registrato il codice destinatario presso l’Agenzia Entrate, per cui l’associazione tra la sua partita IVA e il codice destinatario è desumibile  dal SDI dalla sua partita IVA, oppure, qualora Lei non avesse registrato il suo codice destinatario presso l’Agenzia delle Entrate, potrebbe essersi verificato che il “vero” fornitore a cui sarebbe dovuta pervenire la fattura elettronica si avvale del suo stesso canale telematico e quindi avete lo stesso “codice destinatario”.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2