Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Fattura elettronica e professioni, ecco quando deve emetterla un installatore elettrico

Il caso di un installatore elettrico dubbioso su quando sia corretto emettere fattura elettronica. In primis, bisogna individuare l’esatta tipologia di rapporto con il cliente, per inquadrare la prestazione

16 Set 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

fatturazione, carburante, pec

DOMANDA

Sono un installatore elettrico, i lavori in alcuni casi durano qualche mese. Ho emesso fattura elettronica di acconto per lavori da effettuare presso vostra abitazione. L’emissione della fattura di saldo con relativo elenco dei DDT ha un limite temporale o si può fare anche dopo qualche mese?

Ivano Fruet

RISPOSTA

Il corretto inquadramento della fatturazione dipende dalla tipologia di rapporto instaurato col cliente, da cui è possibile ricavare l’appartenenza alla categoria di cessioni di beni o prestazioni di servizi. Sarebbe opportuno che la tipologia del rapporto instaurato, in relazione a quanto sopra detto, risultasse con chiarezza dalla documentazione posta in essere col cliente  (contratto, ordine, preventivo, etc.).

Se si trattasse di cessione di beni, lei dovrebbe emettere la fattura contestualmente a ciascuna consegna (cessione, in caso di fattura immediata), oppure potrebbe avvalersi della c.d. fatturazione differita emettendo la fattura relativa ai beni ceduti in ciascun mese solare entro il giorno 15 del mese successivo, ai sensi  dell’art.21 quarto comma lettera a) del DPR 633/1972.

Nel suo caso, probabilmente il contratto è riconducibile ad una prestazione di servizi, e la sua esecuzione è “globale”, nel senso che non sono stabiliti corrispettivi specifici o “a misura”, ma al lavoro nella sua interezza. Ne deriva che il momento di effettuazione delle operazioni (quindi il termine entro cui emettere la fattura) è legato esclusivamente al pagamento (totale o parziale) del corrispettivo.  Le suggerisco di indicare come causale del traporto nei DDT di trasferimento dei beni impiegati una dicitura del tipo “trasferimento beni in esecuzione contratto di appalto del…” o  simile, in modo da rendere più chiara la tipologia del contratto e del relativo trattamento fiscale.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4