Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Fattura elettronica, gli obblighi degli istituti comprensivi per le operazioni di acquisto dall’estero

18 Feb 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Chiedo come un istituto comprensivo possa ricevere e pagare fatture da aziende estere (spagnole), quali sono le procedure da seguire e quali modalità deve seguire il fornitore straniero.

Melissa Bertozzi

RISPOSTA

Il ricevimento e il pagamento delle fatture estere non è stato interessato dalle novità in materia di fattura elettronica, istituto che riguarda i soggetti residenti e stabiliti in Italia. Quindi il fornitore straniero può  continuare ad operare come nel passato e nulla è cambiato negli obblighi posti a Vostro carico (intrastat, emissione autofatture per operazioni ex art. 17 terzo comma DPR 633/1972).

Se l’istituto è titolare di partita IVA e se le forniture estere sono effettuate  nell’ambito dell’attività rilevante ai fini IVA, l’istituto sarà obbligato alla trasmissione telematica mensile dei dati delle operazioni c.d. transfrontaliere (punto  9 del provvedimento 89757 del 30 aprile 2018).

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu
Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4