Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Fattura elettronica, il rilascio della copia di cortesia e l’annotazione della data

Nessun problema per chi invia una copia di cortesia della fattura elettronica a un cliente privato o soggetto IVA. Si commetterebbe però un errore ad annotare la fattura passiva con data precedente a quella del documento inviato dallo SDI

09 Lug 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

La nostra società emette fatture elettroniche immediate e differite lasciando l’opzione di scelta ai propri clienti. L’invio allo SDI avviene, tramite intermediario, la notte stessa della emissione. Quasi in contemporanea viene effettuato invio massivo delle copie di cortesia (non obbligatorie ma gradite alla clientela).

Il cliente si ritrova quindi spesso ad avere in tempo reale il documento non valido fiscalmente, mentre attende alcuni giorni per ottenere quello recapitato dall’Agenzia delle Entrate. Abbiamo letto nelle scorse settimane che tale comportamento potrebbe essere considerato non corretto o comunque distorsivo in quanto potrebbe indurre il cliente a registrare la fattura con una data antecedente a quella di recapito SDI. Gradiremmo un parere dell’esperto.

Angelo Sdao

RISPOSTA

Il rilascio di copia analogica (o informatica) della fattura emessa nei confronti di privati è coerente con quanto previsto dalla lettera c) del punto 3.4 del provvedimento 89757 del 30 aprile 2018, che così dispone: “il cedente/prestatore consegna direttamente al cliente consumatore finale una copia informatica o analogica della fattura elettronica, comunicando contestualmente che il documento è messo a sua disposizione dal SdI nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate”.

Spesso accade che tale condotta venga posta in essere  anche per le fatture elettroniche emesse nei confronti dei titolari di partita IVA. Questa prassi, se conforme alle prescrizioni sopra indicate, è lecita e legittima. Se qualche sprovveduto dovesse annotare la fattura passiva “di cortesia” prima del “deposito” presso il sistema di interscambio ne subirà le conseguenze, che non saranno certamente da imputare a vostra condotta.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4