Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperto risponde

Fatture elettroniche archiviate su Dropbox e conservazione a norma

07 Gen 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Avendo un contratto in cloud con Dropbox, desidero sapere se l’archiviazione digitale delle fatture elettroniche emesse e ricevute posso gestirla direttamente io.

Valerio Viale

RISPOSTA

La conservazione delle fatture elettroniche deve avvenire in conformità a quanto previsto dal DMEF 17/6/2014 e dalle regole tecniche del C.A.D. (codice amministrazione digitale).

La specifica normativa sulla conservazione dei documenti prevede infatti che:

–              a norma dell’articolo 3, comma 1, lettera b, del D.M. 17/6/2014, debbano essere assicurate le funzioni di   ricerca ed estrazione in base “almeno   al cognome, al nome, alla denominazione, al codice fiscale, alla partita IVA, alla data o associazioni logiche di questi ultimi, laddove  tali informazioni siano obbligatoriamente previste”;

–              il processo di conservazione si chiuda con la generazione di un pacchetto di conservazione, che viene “sigillato” con l’applicazione della marca temporale, secondo le regole tecniche previste  dal  Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 dicembre 2013 .

La scelta dipende quindi dalla sua capacità tecnica di assicurare il rispetto delle norme sopra richiamate.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4