Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

L’indicazione sbagliata del CIG in una FatturaPA può determinarne il rifiuto

25 Feb 2019
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

È obbligatorio accettare le fatture in contabilità emesse da un concessionario di servizi (nel mio caso la TIM) il quale indica sulle fatture il CIG riferito al vecchio affidamento e quindi sbagliato e non al nuovo?

Rosa Maria Prete

RISPOSTA

L’obbligo di indicazione del CIG/CUP è normato dall’articolo 25, comma 2, del D.L. 66/2014, che così dispone:

“Al fine di assicurare l’effettiva tracciabilità dei  pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, le  fatture  elettroniche emesse verso le stesse pubbliche amministrazioni riportano:

  • il Codice identificativo di gara  (CIG),  tranne  i  casi  di esclusione dall’obbligo di tracciabilità di cui alla legge 13 agosto 2010, n. 136;
  • il Codice unico di Progetto (CUP), in caso di fatture relative a opere pubbliche, interventi di   manutenzione straordinaria, interventi finanziati da contributi  comunitari e ove previsto  ai sensi dell’articolo 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3″.

Attualmente le PA non sono soggette a rispettare una casistica predefinita per il  rifiuto delle fatture elettroniche, quindi Lei può rifiutare la fattura in quanto non conforme al precetto normativo. Evidenzio che l’articolo 15-bis del D.L. 119/2018 ha inserito nell’articolo 1, comma 213, della Legge 244/2007, la lettera g-ter), con cui viene autorizzato Il Ministro della Economia e delle Finanze a regolamentare “le cause che possono consentire alle amministrazioni destinatarie delle fatture elettroniche di rifiutare le stesse, nonché le modalità  tecniche con le quali comunicare tale rifiuto al cedente/prestatore, anche al fine di evitare rigetti impropri e di armonizzare tali modalità  con le regole tecniche del processo di fatturazione elettronica tra privati”.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4