Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Non è sanzionabile il salto di numerazione delle fatture emesse

06 Mar 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Ho un cliente che mi informa che ha saltato l’emissione della fattura elettronica (B2B) con progressivo numero 8 e pertanto ha proseguito dalla numero 9.

Cosa può fare ora che se ne è accorto?

Paola Salamon

RISPOSTA

L’obbligo di numerazione progressiva delle fatture emesse, sancito dall’articolo 21, comma 2, lettera b) del DPR 633/1972, è finalizzato alla identificazione della fattura “in modo univoco”.  Il SdI effettua i controlli di unicità al fine di intercettare ed impedire l’inoltro di una fattura già trasmessa e elaborata; in quest’ottica, qualora i dati contenuti all’interno della fattura e relativi a identificativo cedente/prestatore,  anno della data fattura e  numero fattura. Quindi, è possibile tecnicamente “saltare” un numero, mentre non è possibile emettere due fatture con lo stesso numero/anno.

Sino all’anno scorso i “salti” nella numerazione  delle fatture avrebbero in qualche modo potuto dar adito a sospetti di emissione e di successivo “annullamento”. Da quest’anno, posto che la fattura si ha per emessa solo quando viene tramessa al Sistema di Interscambio, il rischio sopra ipotizzato non esiste più.

Ritengo quindi  che l’errore sia assolutamente formale e non sanzionabile.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4