Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperto risponde

Obbligo di conservazione dei file di notifica: quando è previsto

18 Set 2018

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Buongiorno,

vorrei sapere se bisogna inviare in conservazione anche il file di notifica di consegna. Preciso che ho tentato di inviarlo ma ha dato errore di nomenclatura.

Nicola Cassetta

RISPOSTA

L’articolo 3 del DMEF 17/6/2014 (Conservazione dei documenti informatici, ai fini della loro rilevanza fiscale), al comma 2, così dispone: “Il processo di conservazione dei documenti  informatici  termina con l’apposizione di un riferimento temporale opponibile a terzi sul pacchetto di archiviazione”.

Il termine “documento informatico” riguarda sia la fattura elettronica, ma anche le comunicazioni (nel  nostro caso le e-mail, o documento equivalente) che vengono generate dai processi di invio/ricezione e che certificano l’esito delle trasmissioni.

L’obbligo di conservazione dei file di notifica è previsto:

–           dal DPR 29/9/1973 n.600, articolo 22, terzo comma, che recita:  “Fino allo stesso termine di cui al precedente comma (ossia fino a quando non siano definiti gli accertamenti relativi al corrispondente periodo d’imposta anche oltre il termine stabilito dall’articolo 2220 del codice civile o da altre leggi tributarie, ndr) devono essere conservati ordinatamente, per ciascun affare, gli originali delle lettere, dei telegrammi e delle fatture ricevuti e le copie delle lettere e dei telegrammi spediti e delle fatture emesse”.

–           dal secondo comma dell’articolo 2220 C.C., secondo cui l’imprenditore “Deve altresì tenere le altre scritture contabili che siano richieste dalla natura e dalle dimensioni dell’impresa e conservare ordinatamente per ciascun affare gli originali delle lettere, dei telegrammi e delle fatture ricevute, nonché le copie delle lettere, dei telegrammi e della fatture spedite.”

L’obbligo di conservazione deve essere quindi rispettato in ogni caso, che Lei sia imprenditore o sia titolare di reddito di lavoro autonomo, indipendentemente da ciò che consente di fare il programma messo a disposizione dell’Agenzia Entrate. Tuttavia le “notifiche” sono comunque disponibili nell’area riservata del sito dell’Agenzia, accessibile con credenziali Entratel / Fisconline.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3