Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Fatture del primo trimestre: le scadenze per i contribuenti trimestrali

20 Mar 2019
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Buongiorno, ho emesso due fatture elettroniche a distanza di circa un mese cioè una a gennaio e l altra a febbraio ,essendo fatture di cliente privato senza partita iva non mi spiego il motivo ma purtroppo non le ho spedite al sdi ma solo al cliente.

Avendo la  dichiarazione iva trimestrale volevo sapere cosa devo fare io ho il programma XXXXXXXX  volevo sapere se a questo punto  il sistema me lo permette  spedirle all’agenzia delle entrate anche se in ritardo e quali saranno le sanzioni la ringrazio se può darmi questa informazione

RISPOSTA

L’articolo 1, comma 6, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, a seguito delle modifiche apportate dal D.L. 119/2018, prevede che : «Per il primo semestre del periodo d’imposta 2019 le sanzioni di cui ai periodi precedenti (n.d.r.: per il ritardo nella emissione delle fatture elettroniche)  non si applicano se la fattura è emessa con le modalità di cui al comma 3 (n.d.r.: in formato elettronico) entro il termine di effettuazione della liquidazione periodica dell’imposta sul valore aggiunto ai sensi dell’articolo 1, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 100 ».

WEB SUMMIT, 23 APRILE
Smartworkplace e networking: sei pronto a lavorare nel modo migliore?
Datacenter
Dematerializzazione

Premesso che le fatture elettroniche non spedite al SdI si hanno per non emesse, essendo Lei una contribuente trimestrale può trasmettere le due fatture elettroniche entro il giorno 16 maggio 2019 senza essere passibile di sanzioni.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4