Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

L’utilizzo del codice destinatario nella fatturazione elettronica al privato consumatore

23 Gen 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Sono un privato cittadino registrato nel Fisconline dell’Agenzia delle Entrate. Non ho partita Iva né Pec. Nella “gestione recapiti” dell’utenza ho inserito la Pec di mia moglie per la notifica di atti tributari e di riscossione.

Ciò premesso, posso ottenere un Codice Destinatario per le fatture elettroniche?

Salvatore Laiosa

RISPOSTA

Il Codice Destinatario non è personale, ma viene attribuito al soggetto intermediario che si accredita con l’Agenzia delle Entrate e diventa quindi titolare di un canale di trasmissione che concede a terzi tramite apposite convenzioni.

Ciò premesso, Lei può quindi stipulare una convenzione  con un intermediario per fruire di un canale telematico per ricevere le fatture elettroniche. Ovviamente i suoi fornitori dovranno indicare nella fattura elettronica il suo codice destinatario, considerato che al momento non è possibile effettuare la registrazione all’Agenzia delle Entrate del canale telematico prescelto se non si è titolari di partita Iva.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4