l’analisi

L’impatto dell’ IA sul processo penale: indagini, prova e dibattimento



Indirizzo copiato

L’utilizzo dell’IA nel settore penale comporta la necessità di affrontare diverse criticità e opportunità di fronte alle quali sarà necessario individuare nuove categorie logico-giuridiche per fornire risposte esaustive a tutti gli interrogativi che si pongono e che si porranno

Pubblicato il 10 lug 2023

Alfredo Esposito

Studio Legale Difesa d’Autore

Mario Sica

Studio Legale Difesa d’Autore



processo-penale

Nel campo dei procedimenti penali, dall’inizio delle indagini preliminari fino al dibattimento, nel corso del quale si formano le prove che il giudice utilizzerà per la sua decisione, l’Intelligenza Artificiale (IA) sta già avendo un impatto ben più significativo di quanto si possa immaginare.
Pensiamo soltanto a tutte le banche dati e agli strumenti utilizzati dalle forze di Polizia per incrociare dati grezzi, o, ad esempio, a tutti i riconoscimenti effettuati grazie a SARI[1], un software che, attraverso l’utilizzo di dati biometrici, consente di identificare i volti delle persone.


Recentemente, è stata diffusa la notizia che, entro un anno (e solo dopo il via libera del Garante per la privacy), le forze di polizia italiane potrebbero avvalersi dell’ausilio del software Giove[2]. Questo software non solo è capace di incrociare banche dati e accelerare le attività di indagine, ma anche di “prevedere” modalità e luoghi di commissione di reati di particolare allarme sociale mediante l’analisi e lo studio dei comportamenti di coloro che sono noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti penali.
Ebbene, come ogni fenomeno legato all’innovazione tecnologica, l’utilizzo dell’IA nel settore penale comporta la necessità di approcciarsi a tutta una serie di criticità e opportunità innanzi alle quali, probabilmente, sarà necessario individuare nuove categorie logico – giuridiche per fornire delle risposte esaustive a tutti gli interrogativi che si pongono e che si porranno.

Prevenzione, repressione e diritti di difesa

Innanzitutto, allo stato attuale, ogni qualvolta ci si approccia al tema dell’utilizzo dell’IA nell’ambito dei procedimenti penali immediatamente vengono in mente due concetti: prevenzione e repressione. Questo perché, fino ad ora, il campo di applicazione dei software di intelligenza artificiale è sempre stato quello delle indagini condotte dalla polizia giudiziaria.

A tal proposito, certamente non aiuta la giurisprudenza della Corte di Cassazione che, in un caso nel quale la difesa dell’imputato ha richiesto l’utilizzo del software SARI, ha rigettato le argomentazioni del ricorso avverso la sentenza di merito sostenendo (come già sostenuto dai giudici gravati) che la difesa non aveva documentato la valenza scientifica della prova richiesta ( Cass. Sez. IV, sent. 39731 del 2019). Curioso se pensiamo che si tratta di un software in uso alle forze di polizia e sviluppato a livello ministeriale.

Invece, in un’ottica nella quale il governo del fenomeno IA dovrebbe rappresentare una priorità per evitare il rischio di “subire” il governo dell’intelligenza artificiale, l’utilizzo di software potrebbe (e dovrebbe) coadiuvare il difensore non solo nella preparazione e nella prospettazione al proprio assistito del più probabile esito della causa, bensì anche nella conduzione di indagini difensive.

Il rovescio della medaglia, qualora non si preveda la possibilità di sviluppare e utilizzare software pubblici e aperti a tutti gli utenti del comparto giustizia (avvocati compresi), è che la possibilità di accesso a tale tecnologia risulti appannaggio esclusivo di coloro i quali potranno sostenerne i costi.

Intelligenza Artificiale e giustizia predittiva: il caso COMPAS

Nonostante possibili ostacoli o contestazioni, è innegabile che l’intelligenza artificiale si stia rapidamente consolidando come uno strumento cruciale nel processo penale. Nell’ambito giudiziario degli Stati Uniti, è già operativo un sistema noto come COMPAS (Correctional Offender Management Profiling for Alternative Sanctions), sviluppato dalla società privata Northpoint, ora conosciuta come Equivant.
Questo strumento, impiegato dai tribunali, è destinato alla gestione dei casi e al supporto decisionale. Funziona attraverso una metodologia di valutazione del rischio, o “Risk assessment“, basata su un algoritmo proprietario che prende in considerazione le risposte a un questionario di 137 punti.
Ciò permette di calcolare punteggi che stimano la probabilità di recidiva in individui la cui storia criminale rispecchia quella dell’interessato.
Tra gli indicatori più significativi rientrano le imputazioni correnti, le cause in sospeso, l’elenco storico degli arresti pregressi, la solidità del domicilio, la condizione lavorativa, i rapporti con la comunità locale e l’abuso di sostanze stupefacenti.
Elementi che non sempre dipendono da scelte soggettive, pur potendosi riverberare nella limitazione della libertà altrui.

Il caso Loomis v. Wisconsin

Caso emblematico in tal senso è stato il Loomis v. Wisconsin[3], arrivato sino in Corte Suprema per definire le questioni di diritto costituzionale e di procedura legale connesse all’uso dei software di valutazione come COMPAS.
Loomis contestava che l’indisponibilità a conoscere l’algoritmo COMPAS in quanto software proprietario protetto da segreto industriale, impediva una disamina sulla correttezza della valutazione del rischio.
Il ricorrente, il cui grado di recidiva veniva considerato da COMPAS “estremamente alto”, è stato condannato a 6 anni di reclusione ed ha presentato ricorso in Corte Suprema, perdendo nel merito in quanto la valutazione di COMPAS non è (e non sarà, a quanto pare) l’unico fattore dirimente nella decisione del giudice.
Le controversie relative ai pregiudizi (bias) insiti in COMPAS, e in qualsiasi altra intelligenza artificiale che si basa esclusivamente su dati raccolti e un algoritmo di gestione, hanno sollevato interrogativi cruciali sulle modalità decisionali all’interno del processo legale, venendo etichettate, in maniera che può suonare cinematografica[4] decisamente veritiera, come “giustizia predittiva”.

Tuttavia, si è prestata scarsa attenzione agli altri aspetti, altrettanto rilevanti, che rendono l’introduzione dell’utilizzo delle intelligenze artificiali nel procedimento penale degna di un approfondimento.

Possibilità e interazioni dell’IA nel processo penale

Posti alcuni limiti, ivi incluso quelli relativi ad un’adeguata gestione della privacy e dei documenti processuali, è indubbio che l’utilizzo dell’intelligenza artificiale nel contesto del processo penale possa offrire una serie di vantaggi significativi.

Uno dei vantaggi primari è dato dalla possibilità di analizzare rapidamente grandi quantità di informazioni, consentendo agli avvocati -soprattutto ai “solo practitioner” e ai piccoli studi legali- di offrire approfondimenti difensivi difficilmente attuabili in assenza di risorse.
Da un punto di vista statistico, l’IA potrebbe inoltre essere impiegata per identificare schemi e tendenze decisionali, fornendo un contributo utile alla pianificazione strategica dei casi.
Un altro aspetto positivo dell’IA è la sua capacità di prevedere l’esito dei casi legali. Questa funzionalità offre agli avvocati e ai loro clienti una migliore comprensione delle possibili conseguenze di una controversia, consentendo loro di prendere decisioni più informate e ponderate.

Tuttavia, è importante sottolineare che l’IA non può mai sostituire l’esperienza e l’intuizione umana. Gli avvocati dovranno continuare a fare affidamento sul loro giudizio professionale e sulla loro esperienza per interpretare e applicare correttamente le informazioni fornite dall’IA e questo renderà la loro attività funzionalmente necessaria.

Appare per questo ad oggi solo parzialmente corretta l’analisi di una grande compagnia come Goldman Sachs, che prevede una contrazione del 44% delle attività legali ed uno sviluppo inevitabile dell’automazione dei compiti paralegali[5].

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale nel settore legale porterà sicuramente a un’evoluzione professionale del ruolo dell’avvocato, spingendo alla necessità di migliorare le cosiddette “soft skills“. Attualmente, queste abilità consentono ancora una distinzione discreta tra l’intelligenza umana e quella artificiale, consentendo un’importante integrazione che rimane e rimarrà essenziale per garantire una rappresentanza legale completa e di alta qualità.

Automazione e analisi dei dati

Nel settore legale, gran parte del lavoro comporta compiti ripetitivi e procedurali che possono essere automatizzati con l’IA. Ad esempio, la revisione di documenti legali, la ricerca di precedenti giuridici, la redazione di atti processuali e altri compiti amministrativi possono essere gestiti da algoritmi di apprendimento automatico. Questo non solo permette di risparmiare tempo, ma può anche ridurre la possibilità di errori umani in questi processi. Questo tempo risparmiato può essere utilizzato dagli avvocati per concentrarsi su aspetti più importanti e complessi dei loro casi, come l’elaborazione di strategie legali, la negoziazione e l’interazione con i clienti. In questo modo, l’IA può potenzialmente liberare gli operatori legali da un carico di lavoro altrimenti soffocante, permettendo loro di fornire un servizio migliore e più efficiente.

Intelligenza Artificiale e procedimenti penali: quali rischi?

Nonostante i numerosi vantaggi offerti dall’IA, abbiamo anticipato quindi anche l’esistenza di alcuni rischi significativi.

L’addestramento della macchina e l’inserimento di dati “spazzatura”

Uno di questi è il rischio, come dicevamo, di bias nei sistemi di IA e della riformulazione dei sistemi di addestramento non sempre “intelligente”.
Se i dati utilizzati per il machine learning dell’IA sono distorti o imprecisi, l’intelligenza artificiale può generare risultati inaffidabili laddove non completamente inventati.
Recente è il caso dell’ avvocato Steven Schwartz dello studio legale Levidow, Levidow & Oberman, che, in una recente causa contro Avianca Airlines, ha lasciato impostare una tesi difensiva interamente a ChatGPT. con tanto di ricerche giuridiche rivelatesi inesistenti che gli costeranno, oltre al rigetto dell’istanza, anche il malcontento del cliente e il ludibrio della corte, oltre ad un probabile provvedimento disciplinare.
Quindi l’utilizzo improprio di uno strumento che altrimenti è utilissimo, può portare a risultati che spesso possono risultare sia professionalmente che deontologicamente disastrosi.

Rischi per la privacy e la sicurezza dei dati

In un settore giudiziario particolarmente in affanno come quello italiano, l’IA si presenta come una risorsa straordinaria per l’analisi dei dati provenienti da strumenti quali le intercettazioni, consentendo, ad esempio, una trascrizione e un’analisi incredibilmente più rapida ed efficace dei contenuti.
Tuttavia, è fondamentale riconoscere che le intercettazioni rappresentano ad oggi una delle forme più invasive di indagine, il cui impatto in tema di privacy degli individui coinvolti è stato già ampiamente dibattuto.
Possiamo solo immaginare in che modo potrebbe svilupparsi un’intelligenza artificiale mal gestita in grado di riconoscere e profilare gli interlocutori sulla base delle loro abitudini vocali, del loro linguaggio o delle espressioni utilizzate, creando rischi per la privacy e per i bias analitici davvero pericolosi.
Questa profilazione potrebbe dare luogo ad interpretazioni erronee o ingiustificate che potrebbero avere gravi ripercussioni sulle libertà individuali e sulla reputazione degli individui.
Inoltre, considerando la capacità dell’IA di elaborare e conservare enormi quantità di dati, la possibilità che queste informazioni possano essere conservate per un periodo di tempo indeterminato, o addirittura utilizzate per scopi diversi da quelli per i quali sono state raccolte, rappresenta una preoccupazione significativa che richiederebbe un approccio legislativo particolarmente capace di tutela.
Emblematico lo scandalo scoppiato nel 2021 con riferimento alla startup Clearview che aveva sviluppato un software di riconoscimento facciale che pescava immagini a strascico dal web senza alcun tipo di autorizzazione. Tale software, si è poi scoperto, veniva utilizzato da forze di polizia di mezza Europa (Italia compresa) come rivelato da una ricerca effettuata dal gruppo dei Verdi al Parlamento Europeo[6].

Manipolazione probatoria


Sebbene il reato di frode processuale sia già previsto dall’art. 374 c.p., l’avanzamento straordinario di software di grafica generativa può ripercuotersi in maniera notevole nel contesto del processo penale italiano.
Un pericolo di particolare rilevanza risiede nell’uso di tecnologie avanzate, come i software DragGan, Adobe e FireFly in grado di produrre immagini realistiche con modifiche a volte impercettibili, ma che possono risultare decisive ai fini probatori.
Pensiamo ad esempio alla ricostruzione fotografa di una scena del delitto oppure ai deepfake capaci di sostituire, con precisione millimetrica ed incredibile veridicità, volti di individui con quelli di terze persone.
Questi prodotti, se impiegati illecitamente, anche nell’incoscienza e ingenuità di un difensore che li riceve da un assistito sulla cui provenienza non può dubitare, potrebbero influenzare il corso di un processo penale, inducendo in errore sia la difesa che il giudice.
Si tratta, pertanto, di un fenomeno che richiede attenzione e azioni di contrasto sia dal punto di vista giuridico che tecnologico.
Dal punto di vista giuridico, è necessario prevedere un adeguato quadro normativo che punisca severamente l’uso di IA per la frode processuale e strumenti tecnici, eventualmente anche con watermark  invisibili forniti dalle software house, che permettano di discerne un’immagine reale da una generata artificialmente.
Nel frattempo, anche nel solco dell’AI Act approvato il 24 Giugno dal Parlamento Europeo, diventa plausibile un’ipotesi di intervento legislativo che miri ad adottare nuovi protocolli per l’ammissibilità delle prove digitali nei procedimenti penali, che includano la verifica dell’autenticità dei dati attraverso tecniche di rilevamento delle manipolazioni IA.

Tale impostazione è stata condivisa di recente dalla vicepresidente della Commissione europea Vera Jourova, responsabile per i valori e per la trasparenza, che ha chiesto alle compagnie di sviluppo software l’inserimento di ‘etichette’ per riconoscere i contenuti creati dalle IA[7], oltre che da Thierry Breton, Commissario Europeo per il Mercato Interno, che ha dichiarato in seduta a Strasburgo che  “Dobbiamo etichettare tutto ciò che è generato dall’intelligenza artificiale contrassegnandolo con watermark (filigrana)”.

IA e processo penale: è fondamentale governare il fenomeno

In conclusione, una volta analizzati rischi e potenzialità connessi  all’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale in ambito penale, occorre augurarsi che il Legislatore, tenendo in conto le linee guida ed i principi sanciti dall’Artificial Intelligence Act, avvii una seria riflessione sul tema per arrivare ad una regolamentazione efficace del fenomeno, come del resto auspicato da alcuni degli stessi creatori di software di IA.

Perché il tema, quasi come sempre avviene quando si tratta di innovazione tecnologica, non è mai lo strumento in sé (potenzialmente foriero di grandi benefici) bensì l’utilizzo che se ne fa, unitamente alle regole che dovrebbero servire per azzerare (o quantomeno limitare) i rischi connessi all’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale, soprattutto in un settore fondamentale come quello penale che interseca diritti fondamentali quali quello alla libertà personale e al diritto al giusto processo.

Note


[1]https://www.agendadigitale.eu/sicurezza/privacy/sari-vantaggi-e-rischi-del-riconoscimento-facciale-nella-pubblica-sicurezza/

[2]https://www.ilsole24ore.com/art/nome-codice-giove-ecco-l-algoritmo-polizia-prevenire-reati-AEAoJIZD

[3] https://www.scotusblog.com/wp-content/uploads/2017/05/16-6387-CVSG-Loomis-AC-Pet.pdf

[4] Il riferimento è al film “Minority Report” di Steven Spielberg, tratto dal racconto “Rapporti di Minoranza” di Philip J.Dick, ambientato in una società dove gli atti criminali vengono “anticipati” e fermati da previsioni cognitive avanzate.

[5] https://www.economist.com/business/2023/06/06/generative-ai-could-radically-alter-the-practice-of-law

[6]https://www.cybersecurity360.it/legal/privacy-dati-personali/clearview-ai-testato-in-italia-le-implicazioni-tra-tutela-della-privacy-e-sicurezza-dei-cittadini/

[7] https://www.ilsole24ore.com/art/commissione-ue-contro-fake-news-servono-etichette-contenuti-ai-AEMoBwaD

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3